Privacy: le piattaforme e i servizi online che preoccupano di più

Kaspersky ha comunicato i risultati di un’analisi incentrata su quali servizi e piattaforme online gli utenti hanno riscontrato i maggiori problemi di privacy.

privacy

Kaspersky ha analizzato i dati anonimi forniti volontariamente da Privacy Checker, un sito Web che offre consigli utili sulle impostazioni della privacy per vari servizi e piattaforme Internet. I risultati dell’analisi rivelano su quali servizi e piattaforme online gli utenti hanno riscontrato i maggiori problemi di privacy. I dati mostrano che la maggior parte degli utenti è preoccupata per la sicurezza dei più diffusi sistemi operativi mobili (21,2%) e per il livello di privacy di Google (18,3%).

Gli utenti di Internet lasciano delle “impronte” digitali ogni volta che utilizzano vari servizi online. Queste impronte possono includere i siti Web visitati, le foto caricate online e le interazioni sui social media (come commenti, post e reazioni). Configurare correttamente le impostazioni della privacy nei servizi digitali può aiutare a ridurre il numero delle proprie tracce digitali, nonché a mantenere il controllo delle proprie informazioni personali. La ricerca di Kaspersky ha preso in esame i servizi e le piattaforme di cui gli utenti sono più preoccupati per quanto riguarda la privacy e la sicurezza dei dati personali.

Kaspersky ha controllato per quali servizi e piattaforme gli utenti hanno aperto le istruzioni per le impostazioni di sicurezza il maggior numero di volte. Tra le richieste di privacy più popolari rientrano le impostazioni di Google su Android (11,1%), le regole di sicurezza per il sistema operativo Android (7,3%) e le impostazioni di WhatsApp su Android (5,9%).

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Per quanto riguarda i social network, gli utenti hanno visualizzato più frequentemente le pagine di sicurezza di Facebook su varie piattaforme (15,7%). Instagram è stato il secondo social network più recensito in termini di numero di richieste per le impostazioni sulla privacy con una quota totale del 9,9%. TikTok ha ottenuto il terzo posto con una quota del 8,1% di richieste per le impostazioni di sicurezza.

Considerando che il suo pubblico attivo mensile è quattro volte inferiore a quello di Facebook (689 milioni contro 2,9 miliardi), i numeri mostrano che anche la privacy di TikTok è fonte di preoccupazione per gli utenti.

Tra i servizi di messaggistica, gli utenti sono più preoccupati per il livello di sicurezza di WhatsApp: la quota di richieste sulla sua security policy è stata del 13,9%. Anche il social network russo VK è entrato nelle principali ricerche globali, con il 7,7%. VK è il social network più popolare in Russia e la quota di richieste di istruzioni di sicurezza tra gli utenti russi è stata del 25,3%.

cookie di terze parti

“La maggior parte delle azioni che svolgiamo quotidianamente sul web crea la nostra impronta digitale. Queste tracce possono includere l’indirizzo IP, commenti, foto e geotag, o dati biometrici
ricavati da tali foto. Le statistiche del progetto Privacy Checker mostrano che gli utenti hanno iniziato a interessarsi attivamente alla privacy e alla sicurezza dei loro account e stanno cercando
di ridurre la loro impronta ove possibile.  L’elevata percentuale di richieste relative a TikTok indica sia l’interesse per la piattaforma stessa, sia la preoccupazione degli utenti per alcune delle pratiche di raccolta dati della piattaforma, che sono state recentemente oggetto di discussione sui media”, ha commentato Sergey Malenkovich, head of social media di Kaspersky.

Per approfondire l’argomento delle impostazioni sulla privacy degli account, Kaspersky consiglia di seguire i seguenti accorgimenti per proteggere le proprie informazioni personali su
tutte le piattaforme:

  • Conservare i propri dati personali, come scansioni di documenti o elenchi di password, in un archivio crittografato. Un cloud storage pubblico non è abbastanza sicuro per archiviare questo genere di informazioni private
  • Utilizzare la navigazione in modalità privata per
    evitare il monitoraggio della propria navigazione Internet
  • Mantenere privati il proprio indirizzo email principale e il numero di telefono personale. Si consiglia di creare un account email aggiuntivo e acquistare una scheda SIM da utilizzare
    solo per lo shopping online e in tutte quelle situazioni che richiedono la condivisione dei dati personali
  • Controllare le autorizzazioni fornite per le app mobili e le estensioni del browser. Evitare di installare estensioni del browser se non strettamente necessarie
  • Proteggere i propri dispositivi con password o codici di accesso. L’opzione più sicura è l’utilizzo di password o autenticazione biometrica per bloccare telefoni, tablet e computer

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!