Acronis: utenti ancora impreparati alla minaccia ransomware

Secondo un sondaggio di Acronis gli utenti consumer non sono consapevoli della minaccia dei ransomware e non attivano strategie per prevenire i danni

ransomware

Tra gli utenti consumer c’è ancora poca consapevolezza sulla minaccia rappresentata dagli attacchi ransomware e su come proteggersi da essi. E’ quanto emerge da un recente sondaggio condotto da Acronis negli Stati Uniti e in Europa. Secondo l’indagine di Acronis, più del 62% dei rispondenti non hai mai sentito parlare di ransomware, il 34% dei rispondenti dichiara di aver subito perdite di dati, più del 26% non esegue alcun tipo di backup dei dati.

Il 67% degli intervistati afferma di dare grossa importanza alle proprie informazioni personali, così come ai propri documenti, foto, video e musica, ma solo il 5,8% sa che recuperare i propri dati dopo un attacco ransomware può costare più di 500 dollari. Coloro che eseguono regolarmente backup hanno detto che la sicurezza, la facilità d’uso e la capacità di archiviazione sono le caratteristiche più importanti di una soluzione di backup.

Questo sondaggio ha rivelato una grossa disparità fra il valore attribuito ai dati dei rispondenti e quello che attualmente viene fatto per proteggere questi dati”, ha commentato John Zanni, CMO di Acronis.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>

Secondo i dati diffusi dall’FBI, solo nel 2016 i criminali ransomware hanno estorto più di 1 miliardo di dollari alle rispettive vittime; i casi pubblici che coinvolgono grandi aziende o agenzie governative ricevono una buona copertura, si parla poco degli attacchi ai dispositivi personali.

Certamente le minacce alla sicurezza stanno interessando anche i consumatori, non solo le aziende”, ha commentato Eric O’Neill, ex agente FBI dell’antiterrorismo e del controspionaggio, in un’intervista con Acronis. “Noi tendiamo a considerarlo un problema di aziende o governi. In realtà, la maggior parte dei malware colpisce nonni, genitori e chiunque abbia un indirizzo e-mail e un computer”.

Il backup come strategia per la protezione dei dati

Il backup rimane ancora il vaccino più efficace contro le perdite di dati. Creare un backup prima che avvenga il disastro è molto più efficace e conveniente che cercare una cura quando i dati sono già andati persi”, ha sottolineato John Zanni. “Un software di backup vantaggioso è già disponibile, pertanto non ci sono scuse per chi perde i propri dati o li espone a criminali informatici e attacchi ransomware”.

Acronis suggerisce questi quattro passaggi per proteggere i propri dati:

  • conservare sempre un backup dei dati importanti, scegliendo software di backup con storage locale e su cloud e protezione attiva contro i ransomware
  • mantenere sempre aggiornati sistemi operativi e software. Questo impedisce ai criminali informatici di penetrare nel sistema attraverso falle di sicurezza note
  • essere cauti con e-mail, link e allegati sospetti. Il metodo di infiltrazione più efficace utilizzato dai criminali del ransomware è spingere gli utenti ad aprire allegati infetti e cliccare su link a siti web malevoli.
  • installare un software antivirus sul computer e abilitare gli aggiornamenti automatici della firma. Per gli utenti di PC, assicurarsi che Windows Defender sia attivo e aggiornato.

Sara Brunelli
Attiva nel settore della comunicazione dal 2003, dopo la laurea in Matematica e un master in Comunicazione Scientifica. Mi sono specializzata nell’editoria B2B, seguendo in particolare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Mi potete seguire su Facebook e LinkedIn.