Windows Defender e la possibilità di non pagare più per un antivirus

Ecco perché Microsoft Windows Security (precedentemente noto come Windows Defender) è ora alla pari con soluzioni di sicurezza a pagamento come quelle di McAfee e Norton.

windows defender

Non è più necessario pagare per il software antivirus. Windows Defender di Microsoft, un servizio gratuito integrato in Windows 10, è ora valido quanto le soluzioni antivirus/antimalware a pagamento che, in molti casi, paghiamo da anni per almeno due motivi. Tempo fa le valide alternative gratuite erano rare e Microsoft offriva una protezione minima tramite Windows, con il risultato che moltissimi si rivolgevano alle soluzioni di Norton, Kaspersky e di una serie di altri fornitori di terze parti.

I primi tentativi antimalware di Windows sono stati così deludenti che aziende specializzate in test software come AV-comparatives.org e AV-test.org hanno sempre considerato Defender quasi come una “spazzatura”. Nel dicembre 2013, ad esempio, AV-test.org testava il modo in cui 23 produttori di antivirus avevano bloccato campioni di malware nel mondo reale utilizzando Windows 8.1. Windows Defender era arrivato ultimo.

Negli anni successivi però Microsoft ha iniziato a prendere sul serio la sicurezza degli endpoint. Nel 2019 Windows Defender Antivirus di Microsoft, integrato in Windows 10 gratuitamente, spesso ha superato i servizi a pagamento. Da notare che Microsoft ora raggruppa Windows Defender Antivirus sotto quello che chiama Windows Security, che include anche Windows Firewall e altri strumenti. Non è ancora un tool di sicurezza perfetto, visto che l’incidenza di “falsi positivi” (app legittime che vengono scambiate per malware) può essere ancora elevata. Un test ha anche notato che Defender ha rallentato un PC di fascia bassa più di altri software. Eppure, per una soluzione totalmente gratuita e aggiornata continuamente, non ci si può davvero lamentare.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Nonostante ciò c’è ancora spazio nel mercato per app antivirus a pagamento e ci sono ancora alcuni buoni motivi averne una di cui parleremo più avanti. Ma prima diamo un’occhiata a quanto in alto è arrivato Windows Defender nei test e quanto si troverebbe perfettamente a proprio agio come unica soluzione di sicurezza stand-alone per il vostro PC.

Perché dovreste usare Windows Defender per proteggere il vostro PC?

AV-comparatives e AV-test classificano entrambi Windows Defender quasi nella classifica dei prodotti testati. È importante notare che il test antimalware è un processo che richiede molto tempo. Anche siti come AV-comparatives utilizzano test automatici che eseguono la scansione del web e cercano siti e URL dannosi, cercando di riprodurre scenari del mondo reale che tutti noi incontreremmo nel nostro lavoro quotidiano.

Nel test di AV-comparatives Microsoft è risultato uno dei quattro fornitori (su un totale di sedici) che non consentiva a nessun malware di assumere il controllo dei propri sistemi di test. I fornitori i cui PC sono stati compromessi con malware includevano invece nomi importanti come McAfee e Symantec. Malware e meccanismi di protezione sono in costante evoluzione e questi test sono stati eseguiti da febbraio a maggio 2019 per dimostrare il livello “medio” di protezione nel tempo.

A essere onesti il test di AV-comparatives ha mostrato anche alcuni punti deboli di Windows Defender, rilevando tre casi di test dipendenti dall’utente in cui Defender non ha identificato immediatamente il malware e ha chiesto all’utente l’autorizzazione per installare il file. Non è proprio l’ideale visto che molti utenti sarebbero probabilmente inclini a consentire al malware di entrare nel loro sistema. Windows Defender si è dimostrato anche insolitamente fallace con i falsi positivi, bloccando ben 74 app e servizi legittimi.

AV-test ha classificato Windows Defender come prodotto di punta nel test del gruppo di antivirus di giugno 2019. Defender ha catturato tutti i malware, incluso ogni campione “zero-day” che riproduceva test del mondo reale, con in più nessun falso positivo. AV-test ha dato a Defender il massimo dei voti per il test di gruppo, punteggio che il software di Microsoft ha già toccato (o vi è andato molto vicino) in altri test eseguiti dall’ottobre 2018 a oggi.

È importante ribadire che Defender ha ottenuto un punteggio elevato in termini di attacchi zero-day. Storicamente questo è stato uno dei punti deboli di Windows Defender, con Microsoft che in passato non riusciva a reagire in modo rapido ed efficace per combattere nuovi attacchi emergenti. Il ripetuto successo di Defender in questi test di terze parti dimostra che questi ostacoli sono stati superati. AV-test ha inoltre classificato Defender al di sopra della media del settore in termini di prestazioni, come l’installazione di app e la copia di file, un miglioramento significativo rispetto ai test di AV-comparatives di aprile, in cui Defender ha invece ottenuto risultati scarsi su questo versante.

SELabs è una terza fonte di test antimalware e anche questa società britannica ha classificato Defender in cima alla sua classifica di soluzioni antimalware. Il report (disponibile solo tramite un PDF scaricabile) ha visto Defender ottenere un perfetto grado di precisione del 100%. Insomma, con alcune delle migliori agenzie di test antivirus Defender ha segnato tre su tre.

Più risultati dei test indicano quindi che Windows Defender è abbastanza valido e affidabile da proteggere il vostro PC da virus e malware. Ovviamente dovreste sempre stare attenti quando navigate sul web, non facendo clic su collegamenti e allegati sconosciuti e mettendo in pratica tutti i consigli del caso in ambito sicurezza. E non dimenticate che Windows Sandbox (aggiunto ai PC Windows 10 Pro come parte dell’aggiornamento di maggio 2019) offre una protezione aggiuntiva nel caso in cui desideriate esplorare un sito o un’app rischiosa.

Opzioni gratuite che possono essere aggiunte a Defender

Se però non siete ancora convinti e volete un ulteriore livello di protezione antimalware, ecco cosa potete fare. Storicamente l’esecuzione di due programmi antivirus era considerata una cattiva idea a causa di potenziali conflitti. Windows 10 consente invece di eseguire qualsiasi programma antimalware scelto e, facoltativamente, di lasciare Defender a verificare periodicamente la presenza di minacce come misura secondaria. Andate su Impostazioni> Aggiornamento e sicurezza> Sicurezza di Windows, quindi fate clic su Protezione da virus e minacce. Scorrete verso il basso fino alle opzioni di Windows Defender Antivirus e assicuratevi di attivare la scansione periodica.

Su questo versante avete una vasta gamma di opzioni antivirus gratuite, da AVG ad Avast ad Avira e molte altre. L’opzione gratuita di BitDefender Internet Security, tuttavia, è così efficace e discreta che dimenticherete quasi di averla installata, che poi è esattamente ciò che vorreste in un programma antivirus che protegge il vostro PC. Anche questo è valutato come un prodotto di punta da AV-test e AV-comparatives, sebbene entrambi abbiano testato le versioni a pagamento. Per quanto ne sappiamo, non vi è comunque alcuna differenza tra la versione a pagamento e quella gratuita in termini di protezione anti-malware.

Chi dovrebbe acquistare un prodotto antivirus a pagamento?

Il motivo per cui potreste volere ancora una soluzione antivirus e antimalware a pagamento è nel caso voleste più servizi riuniti in un unico in un pacchetto di sicurezza. I leader del settore non a caso si sono spostati oltre le protezioni tradizionali, offrendo servizi correlati come VPN, monitoraggio e protezione del credito e gestione delle password.

Mentre alcuni utenti malintenzionati desiderano semplicemente arrestare il vostro sistema in modo anomalo, ci sono molti più soldi da guadagnare in attacchi come i ransomware che crittografano il vostro PC e richiedono quindi di pagare per la chiave di decrittazione. Sia Malwarebytes che BitDefender, tra gli altri, hanno sviluppato soluzioni anti-ransomware gratuite che offrono un’ottima protezione da queste minacce.

È poi vero che niente è perfetto e nessuno può dire con certezza che un nuovo attacco non sarà in grado di rompere le protezioni di Windows, ma tale argomento si applica anche ai servizi a pagamento. In alternativa potete creare la vostra suite di sicurezza pezzo per pezzo, basandovi ad esempio sul servizio antimalware di Windows, scegliendo il provider di VPN preferito da questo elenco, optando per LifeLock come servizio di monitoraggio del credito e utilizzando Google Chrome e altri browser per gestire le password (oppure potete scegliere un gestore di password da questo elenco). Solitamente le offerte di suite antimalware a pagamento comprendono già tutti questi servizi, ma se state cercando un modo per risparmiare denaro ed eliminare l’abbonamento antivirus a pagamento esistente pensate seriamente a utilizzare Windows Defender.