4 CFO su 10 non hanno piani per una seconda ondata di COVID-19

Il 42% dei CFO intervistati da Gartner non sta incorporando una seconda ondata di COVID-19 negli scenari finanziari che stanno costruendo per il resto del 2020.

cfo

Un sondaggio di Gartner su 99 CFO e leader finanziari, condotto dal 14 al 19 aprile 2020, ha rivelato che il 42% dei CFO non sta incorporando una seconda ondata di COVID-19 negli scenari finanziari che stanno costruendo per il resto del 2020.

Ulteriori dati del sondaggio hanno mostrato che solo l’8% dei CFO ha preso in considerazione una seconda ondata in tutti i suoi scenari di pianificazione e solo il 22% ha preso in considerazione una seconda ondata nel suo scenario “più probabile”. La mancanza di pianificazione arriva anche quando i CFO esprimono un approccio cauto su quando riapriranno completamente le loro operazioni e riporteranno i dipendenti alle normali procedure di ufficio.

“Mentre i CFO stanno tentando di proiettare entrate e profitti per il 2020, è sorprendente che il 42% non stia inserendo una seconda ondata di COVID-19 in nessuno dei loro scenari” ha affermato Alexander Bant, vicepresidente di Gartner Finance. “I nostri ultimi dati sui CFO rivelano anche che la maggior parte dei team esecutivi sta ancora cercando di decidere quali fattori dovrebbero utilizzare per determinare come e quando riaprire i propri uffici e strutture.”

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Mentre l‘81% dei CFO afferma che cercherà l’autorizzazione da parte dello Stato e delle autorità locali su quando riavviare le proprie attività, il 55% dei CFO ha riferito che adotterà un approccio misurato su quando i propri dipendenti torneranno agli uffici, mentre il 44% è incerto su come i dipendenti verranno riportati al lavoro.

Una crescente preoccupazione tra i CFO in merito alla durata, alla gravità e alle relative implicazioni macroeconomiche della pandemia potrebbe contribuire a una disconnessione tra quando i CFO percepiscono di poter riaprire le proprie strutture per gli affari, rispetto ai propri piani specifici per accelerare il ritorno dei dipendenti in luoghi fisici.

“Molti CFO sembrano essere consapevoli di muoversi troppo rapidamente, con solo il 4% di essi che ci dice che le loro organizzazioni richiederanno ai dipendenti di tornare immediatamente in ufficio, anche dopo aver ricevuto l’approvazione da parte delle autorità statali e locali per riaprire le loro strutture fisiche”, continua Bant.

Nonostante la mancanza di pianificazione di contingenza per una seconda ondata di COVID-19, i leader finanziari sono chiaramente diventati più preoccupati per i rischi associati alla pandemia in generale e citano “preoccupazioni macro-pandemiche” come la loro preoccupazione principale. Queste preoccupazioni sono cresciute mentre sono diminuiti i timori per le perdite di entrate e problemi di gestione dei dipendenti, come le perdite di produttività e il rispetto dei salari. Le preoccupazioni circa le implicazioni generali della pandemia sono cresciute, con le preoccupazioni sul flusso di cassa citate come quelle principali.