Cybersecurity: crescono le minacce e cambia l’attenzione delle aziende

Le aspettative di fiducia degli stakeholder si stanno spostando dalla protezione di dati e risorse alla protezione di dipendenti, partner e clienti. Ed entro il 2023, il 55% della spesa in cybersecurity avverrà su piattaforme e framework unificati.

cybersecurity

Il nuovo decennio ci ha già dato diverse lezioni. La prima è che le parole “non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata” avrebbero potuto essere dette per un’organizzazione di criminali informatici. La seconda è che il concetto di fiducia digitale (digital trust) sta rapidamente diventando un imperativo aziendale. Al centro di tutto questo, come sempre, c’è la sicurezza: quella barriera critica tra integrità dei dati e compromissione, componente fondamentale della piramide della fiducia digitale.

Con la pandemia che ha contribuito ad allargare il fronte degli attacchi informatici ai lavoratori da remoto, il numero delle minacce rilevate è salito ulteriormente. Come risposta, anche la spesa globale in cybersecurity è cresciuta, raggiungendo i 131 miliardi di dollari nel 2020, con le ultime osservazioni di IDC che la proiettano addirittura a 143 miliardi entro la fine di quest’anno.

Un altro elemento distintivo di questo periodo è l’accresciuta attenzione su ciò che la trasformazione digitale comporta per l’applicazione ed esecuzione della sicurezza informatica; le aspettative di fiducia degli stakeholder si stanno spostando, o meglio estendendo, dalla nozione di semplice protezione di dati e risorse alla protezione di dipendenti, partner e clienti.

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

petya

Più concretamente, le piattaforme arricchite da tecnologie di più fornitori e terze parti saranno la fonte principale per sviluppare la sicurezza aziendale. Le piattaforme integrate di sicurezza dissolveranno la complessità e semplificheranno i task di gestione, in modo tale che le imprese possano focalizzarsi meglio sugli obiettivi strategici piuttosto che sui dettagli di configurazione.

Sfruttare le capacità di sicurezza disponibili, aderire alle normative sulla privacy e sulla protezione dei dati e seguire un modello di governance che si estenda a partner e fornitori rafforzerà il concetto di fiducia digitale come mezzo di differenziazione. Entro il 2023, il 55% degli investimenti in sicurezza aziendale avverrà su piattaforme e framework unificati.

Tutto questo è in linea con i risultati di una survey mondiale condotta recentemente da IDC in cui si evidenziano, tra le altre cose, le tre principali sfide che i CIO/CISO dovranno affrontare quest’anno per cogliere le aspettative di fiducia digitale degli stakeholder. Al primo posto contrastare la maggiore sofisticatezza degli attacchi informatici, al secondo risolvere la crescente complessità normativa e al terzo ridurre la frammentazione delle infrastrutture IT e di sicurezza.

Quindi, dove investiranno in termini di sicurezza le aziende nel corso di questo 2021? Al primo posto nel cercare di massimizzare l’apporto di intelligenza artificiale e analytics nei processi di cybersecurity, al secondo nel migliorare la resilienza digitale e, al terzo, nel modernizzare l’infrastruttura di sicurezza informatica.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!