Cybercrime: cresce la richiesta di deepfake e botnet IoT

Una ricerca di Trend Micro mostra come si stanno evolvendo i mercati underground, dove è in aumento la domanda di botnet IoT, deepfake e cyber propaganda.

deepfake

Negli ambienti cybercriminali underground cresce la richiesta di nuovi servizi come deepfake (per la creazione di video contraffatti realistici), ransomware e bot basati su intelligenza artificiale. É quanto emerge dall’ultima ricerca Trend Micro dal titolo Shifts in Underground Markets, Past, Present, and Future.

Lo studio rivela anche che i cybercriminali hanno perso la fiducia reciproca e questo ha generato un maggior utilizzo delle piattaforme di e-commerce e delle piattaforme di comunicazione come Discord, che garantiscono un maggiore livello di anonimato. È nato anche un nuovo servizio, denominato DarkNet Trust, che serve per verificare la reputazione dei vendor e aumentare l’anonimato degli utenti. Si nota come nei mercati underground si prediligano i pagamenti diretti tra il venditore e il compratore, verifiche multiple delle transazioni in cripto valuta, messaggi crittografati e siti che non usano JavaScript.

Fake news blockchain

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Cambiano anche i trend dei servizi e dei prodotti richiesti, a causa dell’evolversi delle tecnologie. Negli ultimi 5 anni per esempio, i servizi di crittografia sono passati da 1.000 a 20 dollari al mese e quelli delle botnet da 200 dollari al giorno a 5. Rimangono stabili i prezzi dei ransomware, dei trojan per accesso remoto (RAT), dei servizi spam e di raccolta delle credenziali. Crescono le richieste per le botnet IoT con malware inediti, che possono costare fino a 5.000 dollari, e per i servizi di fake news e cyber propaganda, con elenchi di elettori in vendita a migliaia di dollari, e account di piattaforme di gaming come Fortnite a 1.000 dollari l’uno.

Altri dati interessanti sottolineano un forte interesse per i servizi di deepfake, bot basati sull’intelligenza artificiale per forzare e aumentare illegalmente i profitti sui siti di scommesse, servizi di “access as a service,” ovvero vendita di accessi alle reti aziendali, che possono valere anche fino a 10.000 dollari e account di dispositivi wearable usati per truffare le coperture in garanzia, al fine di ottenere dispositivi nuovi in sostituzione.

Gli sforzi delle Forze dell’Ordine si sono rivelati determinanti. Molti forum sono stati chiusi e quelli ancora aperti subiscono molti attacchi DDoS e problemi di log-in che ne compromettono la usabilità. Si prevede che questi trend saranno ancor più accentuati nei prossimi mesi, a seguito della pandemia COVID-19, poiché le opportunità di attacco continueranno ad evolvere. Per proteggersi contro i nuovi attacchi cybercriminali, Trend Micro raccomanda di adottare una difesa multilivello.

IoT" data-share-description="Negli ambienti cybercriminali underground cresce la richiesta di nuovi servizi come deepfake (per la" data-share-imageurl="https://static.cwi.it/wp-content/uploads/2016/10/botnet-100034898-orig.jpg" data-share-url="https://www.cwi.it/sicurezza/cybercrimine-hacking/cybercrime-cresce-la-richiesta-di-deepfake-e-botnet-iot-128447" >