Tecnologia e scienza lavorano insieme per Onco-Tech-Lab

L’accordo fra Politecnico e Istituto Europeo di Oncologia per creare una piattaforma che aumenti la qualità della ricerca

Politecnico di Milano e Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) uniscono le forze. Da una parte c’è tutto il know how tecnologico che comprende intelligenza artificiale, robotica e tecnologie di ingegneria tissutale e dall’altra il sapere dello IEO per quanto riguarda le scienze della vita. L’unione ha dato vita a un centro di ricerca congiunto Onco-tech-lab, modeling and applications for human health.

Il Lab è una piattaforma che integra le risorse umane, strumentali e logistiche dei due partner per aumentare la massa critica e la qualità della ricerca, allargando il perimetro di accesso a bandi, finanziamenti e programmi nazionali e internazionali per entrambe le istituzioni.

L’area principale dell’accordo riguarda l’oncologia, a cui si aggiungono altre discipline come ematologia, immunologia, endocrinologia, gastroenterologia, trapiantologia e diagnostica per immagini.

Ricerca, brevetti e startup

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

“Per lo IEO, l’obiettivo dell’accordo è anche di sviluppare una nuova cultura della ricerca, che abbracci lo sviluppo tecnologico delle scoperte – ha spiegato Roberto Orecchia, direttore scientifico dell’Istituto -. Si tratta in sostanza di passare dalla logica tradizionale basata sulla scoperta e sulla pubblicazione dei dati, alla nuova logica di applicazione concreta dei prodotti della ricerca. Per un ricercatore di laboratorio è difficile pensare alla ricerca anche in termini di brevetti o startup. Tuttavia, questa evoluzione è ormai indispensabile per far crescere la macchina della ricerca. La tecnologia gioca un ruolo fondamentale: oggi la ricerca biomedica non può più alimentarsi da sola, ma ha bisogno di un anello tecnologico intorno a sé, che le permetta di svilupparsi in modelli e applicazioni per la salute – ha continuato Orecchia.

“Attualmente questo ruolo è svolto da diversi incubatori e start-up che ruotano intorno allo IEO. L’accordo con il Politecnico ci permetterà di avere un unico o partner di riferimento, in grado di partecipare e contribuire all’intero processo di ricerca, dall’ipotesi all’applicazione”.

“L’iniziativa nasce dalla consapevolezza che la sinergia tra ricerca biomedica e tecnologia è la strategia vincente per mettere insieme competenze diverse e sviluppare un linguaggio comune a supporto della ricerca e della formazione – ha sottolineato Guido Baroni, Professore di Ingegneria Biomedica al Politecnico e Coordinatore del CDR congiunto -. Questo è il modello attuato in Onco-tech-lab, un volano multidisciplinare per trasferire le scoperte scientifiche nella realtà della cura dei pazienti in modo sempre più efficiente”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Luigi Ferro
Collaboratore Giornalista professionista dal 1992, ha cominciato con la cronaca sul quotidiano l’Unità e sul mensile Società Civile, per poi passare al settore informatico scrivendo per testate come Computer dealer& Var, Reseller Weekly e Linea Edp. Si occupa di canale e approfondisce dal punto di vista economico il comparto tecnologico e segue con passione lo sviluppo di Internet e l’avvincente sviluppo della new economy collaborando con la pagina dedicata a Internet del Corriere della sera e con settimanali economici il Mondo, Panorama economy e Affari&finanza. Inoltre collabora, sempre seguendo le vicende del Web, con .Com, il quotidiano della comunicazione oltre che per Espansione, Donna Moderna e Oggi. Online ha scritto per 01net, lineaedppmi.it , Il Fatto quotidiano e Applicando, oltre che per Bitmat.it, di cui è fondatore. Oltre che con Computerworld, oggi collabora con la casa editrice Zolfo specializzata in libri sulla criminalità organizzata.