Rapporto Oasi: le quattro epoche del SSN

Il rapporto Oasi 2021 dell'Università Bocconi traccia la strada percorsa negli ultimi mesi. I più intensi della sua storia per la Sanità italiana

Il Sistema Sanitario Nazionale ha attraversato a ritmo frenetico, da febbraio 2020 a oggi, più cambiamenti che in ogni altro periodo della sua esistenza.

Il Rapporto Oasi 2021 (Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema Sanitario Italiano) della Bocconi sintetizza così l’ultimo periodo del SSN entrato nella pandemia quando era ancora nell’epoca del contenimento della spesa.

“A febbraio 2020, il nostro SSN registrava una delle spese sanitarie pro capite più basse dell’Europa occidentale, con un tasso di crescita della spesa sanitaria pubblica prossimo a zero se depurato dell’inflazione e con i disavanzi regionali azzerati o molto ridotti”, ha ricordato Francesco Longo, responsabile scientifico del Rapporto, docente Bocconi e Ricercatore del Cergas, il Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Nella seconda epoca, avviata a Marzo 2020, quando il contrasto alla pandemia è diventato l’obiettivo totalizzante, i vincoli di spesa sono saltati, tanto che nel 2020 la spesa sanitaria è aumentata di circa 6 miliardi (+5%) e il sistema ha scoperto doti di flessibilità fino ad allora inesplorate.

“Nel corso del 2020 e dei primi mesi del 2021, la percentuale di posti letti dedicati al Covid ha oscillato a fisarmonica dal 5 all’80%. La flessibilità ha riguardato anche i profili del personale reclutato, con il consistente impiego di medici pensionati e medici non specializzati; le forme contrattuali, con una prevalenza di tempo determinato e libera professione” ha osservato Alberto Ricci, coordinatore del Rapporto.

La progressiva trasformazione del Coronavirus da emergenza in situazione endemica e sufficientemente controllata ha condotto alla terza epoca. Con la diminuzione della pressione ospedaliera è subentrata l’esigenza di recuperare l’enorme ritardo accumulato nella produzione di servizi per pazienti non Covid, in ogni ambito.

Gli elementi di facilitazione sono stati la cultura e l’esperienza della flessibilità sperimentate del periodo Covid, assieme a una quota di risorse aggiuntive straordinarie dedicate dal governo al recupero delle liste d’attesa. Un altro fattore facilitante è stato l’incremento del personale.

La quarta epoca, in pieno svolgimento, è quella della costruzione del portafoglio di progetti finanziabili con il PNRR. Si è lavorato e si lavora sul futuro, con la prospettiva di impattare sui servizi realmente erogati a 3-5 anni. Un orizzonte opposto rispetto alla fase acuta dell’epidemia, in cui si ragionava sull’urgenza immediata, con orizzonti temporali a pochi giorni.

“L’errore più grande – ha detto Ricci sarebbe quello di cercare di potenziare i servizi in maniera lineare con gli stessi modelli di servizio del passato, confidando in una crescita continua delle risorse”.

In realtà si prevede che le risorse messe a disposizione della Sanità raggiungano il massimo storico di 129 miliardi quest’anno, per poi diminuire molto lentamente. L’Italia ha raggiunto il 156% di debito pubblico sul Pil e le esigenze di rientro impediranno, molto probabilmente, di allineare la nostra spesa sanitaria (prevista nei prossimi anni intorno al 6,5% del Pil) a quella di Paesi come Francia e Germania, storicamente intorno al 9%.

Una volta superata la fase emergenziale, inoltre, i bisogni di salute, dettati dai cambiamenti demografici ed epidemiologici, continueranno ad evolvere secondo lo stesso trend mostrato negli ultimi anni. L’Istat stima che al 2040 la popolazione over 65 raggiungerà i 19 milioni, pari al 32% dei residenti totali (59,3 mln).

“I problemi con cui confrontarsi saranno cronicità, non-autosufficienza, riabilitazione, pazienti fragili”, riassume Ricci, “con la potenziale complicazione degli effetti del cosiddetto long Covid, ancora difficili da valutare”.

A fronte degli “inevitabili vincoli relativi alle risorse, però”, ha concluso Longo, “la strada non dovrà essere quella dei razionamenti, ma della razionalizzazione. La sfida sarà quella di sostituire i tagli con processi profondi di riallocazione, riorganizzazione del lavoro e ridisegno delle forme dei servizi. La motivazione profonda è che, a parità di risorse disponibili, la domanda di salute non solo aumenta, ma cambia assieme al contesto demografico e sociale”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Luigi Ferro
Collaboratore Giornalista professionista dal 1992, ha cominciato con la cronaca sul quotidiano l’Unità e sul mensile Società Civile, per poi passare al settore informatico scrivendo per testate come Computer dealer& Var, Reseller Weekly e Linea Edp. Si occupa di canale e approfondisce dal punto di vista economico il comparto tecnologico e segue con passione lo sviluppo di Internet e l’avvincente sviluppo della new economy collaborando con la pagina dedicata a Internet del Corriere della sera e con settimanali economici il Mondo, Panorama economy e Affari&finanza. Inoltre collabora, sempre seguendo le vicende del Web, con .Com, il quotidiano della comunicazione oltre che per Espansione, Donna Moderna e Oggi. Online ha scritto per 01net, lineaedppmi.it , Il Fatto quotidiano e Applicando, oltre che per Bitmat.it, di cui è fondatore. Oltre che con Computerworld, oggi collabora con la casa editrice Zolfo specializzata in libri sulla criminalità organizzata.