Le proposte di Netcomm per la Sanità Digitale

L’arrivo dei fondi previsti dal PNRR provoca grande fermento nel mondo della Sanità che vede la possibilità di una svolta epocale oltre che grandi opportunità di business. La telemedicina nel mirino del gruppo di lavoro dell’associazione.

Dopo che la pandemia ha accelerato il percorso di digitalizzazione si è assistito all’affermarsi di norme, pratiche e prestazioni poco coordinate tra le singole Regioni che hanno prodotto iniquità e diseguaglianze difficili da contrastare in assenza di provvedimenti e decisioni quadro.

In questo scenario, il gruppo di lavoro “Digital Health e Pharma” di Netcomm (al quale partecipano Humanitas, Medtronic e Msd), ha avanzato nel corso di un incontro alla Camera dei Deputati una serie di proposte per “cogliere le opportunità offerte dalla digitalizzazione ed evolversi verso un sistema a valore aggiunto per i cittadini e per gli operatori della salute”.

Il focus sulla telemedicina

Secondo il Gruppo sono due gli ambiti centrali del percorso di digitalizzazione sui quali occorre agire: una gestione puntuale e interoperabile dei dati sanitari e un approccio strutturato e coeso alla telemedicina rispetto a tutti gli ambiti che concorrono al buon esito delle sue potenzialità.

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

In particolare, le proposte di Netcomm in materia di telemedicina spaziano su quattro ambiti:

  • l’individuazione di standard nazionali, chiari e vincolanti per l’accreditamento degli strumenti utilizzabili per i servizi di telemedicina (per esempio, l’integrazione del Fascicolo Sanitario Elettronico, le modalità e i formati di condivisione delle immagini e la certificazione medicale degli strumenti diagnostici utilizzati);
  • una definizione delle prestazioni di telemedicina che possa garantire al personale sanitario un’adeguata suddivisione del tempo dedicato all’attività ambulatoriale, in presenza e da remoto, definendo anche i requisiti relativi all’erogabilità della prestazione anche al di fuori della sede fisica accreditata;
  • un’adeguata formazione del personale sanitario;
  • uno studio della sostenibilità economica delle attività di telemedicina che ne definisca delle specifiche tariffe in grado di tener conto degli investimenti necessari all’erogazione del servizio.

L’esperienza dell’Humanitas

“Nella nostra esperienza di ospedale policlinico votato all’innovazione – ha spiegato Luciano Ravera, AD di Humanitas e Humanitas San Pio Xla telemedicina è già oggi un servizio di valore per i pazienti e i loro caregiver, che possono restare in contatto con i medici evitando frequenti spostamenti. Questa rivoluzione è stata accelerata dalla pandemia, che ha visto Humanitas assistere i pazienti Covid continuando a garantire le cure ai pazienti oncologici del nostro grande Cancer center. A oggi abbiamo effettuato alcune migliaia di televisite e prericoveri a distanza di cui il 25% per pazienti oncologici, molti con malattie rare. In pochi mesi abbiamo già formato all’utilizzo delle nuove tecnologie il 40% del personale sanitario delle aree più sensibili rispetto ai bisogni dei pazienti. Un’esperienza pilota che mettiamo a fattor comune affinché possa diventare un servizio ancora più diffuso grazie alla collaborazione tra pubblico e privato. La telemedicina consente inoltre di far dialogare competenze mediche tra i vari centri, come accade tra i nostri oncologi di Milano e Catania che partecipano a tumor board multidisciplinari per discutere il miglior percorso di cura per i pazienti. Ora, in Italia, la grande sfida è quella della qualità: solo con indicatori e standard comuni le televisite saranno un servizio che agevola i pazienti garantendo la stessa qualità clinica della visita in presenza”.

 

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Luigi Ferro
Collaboratore Giornalista professionista dal 1992, ha cominciato con la cronaca sul quotidiano l’Unità e sul mensile Società Civile, per poi passare al settore informatico scrivendo per testate come Computer dealer& Var, Reseller Weekly e Linea Edp. Si occupa di canale e approfondisce dal punto di vista economico il comparto tecnologico e segue con passione lo sviluppo di Internet e l’avvincente sviluppo della new economy collaborando con la pagina dedicata a Internet del Corriere della sera e con settimanali economici il Mondo, Panorama economy e Affari&finanza. Inoltre collabora, sempre seguendo le vicende del Web, con .Com, il quotidiano della comunicazione oltre che per Espansione, Donna Moderna e Oggi. Online ha scritto per 01net, lineaedppmi.it , Il Fatto quotidiano e Applicando, oltre che per Bitmat.it, di cui è fondatore. Oltre che con Computerworld, oggi collabora con la casa editrice Zolfo specializzata in libri sulla criminalità organizzata.