L’AgiD incontra i Comuni italiani per i servizi pubblici digitali

Bari, Firenze, Milano, Palermo, Roma, Torino e Venezia sono i primi Comuni che collaboreranno con il Team per la Trasformazione Digitale sui progetti quali ANPR, SPID, pagamenti elettronici, Open Data

Il Team per la Trasformazione Digitale, Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) ha incontrato questa settimana i rappresentanti di sette Comuni italiani per avviare lo sviluppo di servizi pubblici digitali. I Comuni attualmente coinvolti sono Bari, Firenze, Milano, Palermo, Roma, Torino e Venezia. Il primo obiettivo della collaborazione tra AgID e i comuni è la definizione di un coordinamento esecutivo su alcuni progetti ritenuti fondamentali per rendere i servizi pubblici per i cittadini accessibili nel modo più semplice possibile, tramite dispositivi mobili (approccio “mobile first”), con architetture sicure, scalabili, altamente affidabili e basate su interfacce applicative (API) chiaramente definite.

I progetti su cui si concentrerà la collaborazione sono l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), i pagamenti elettronici tramite l’iniziativa PagoPA, Open Data, Security, la creazione di una community di sviluppatori e di un ecosistema di API che facilitino lo sviluppo di soluzioni potenti e innovative.

La missione di sviluppare servizi pubblici digitali necessita di un processo collaborativo tra il Team per la Trasformazione Digitale e le amministrazioni locali, fornendo suggerimenti e mettendo a fattor comune quanto realizzato sino ad oggi”, ha dichiarato Diego Piacentini, Commissario Straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale. “Le amministrazioni locali giocheranno, infatti, un ruolo decisivo sul territorio, dando impulso all’esecuzione delle innovazioni esistenti e future in maniera integrata con una metodologia agile e un approccio open data”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>
Sara Brunelli
Attiva nel settore della comunicazione dal 2003, dopo la laurea in Matematica e un master in Comunicazione Scientifica. Mi sono specializzata nell’editoria B2B, seguendo in particolare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Mi potete seguire su Facebook e LinkedIn.