Jaguar Land Rover ha rilasciato dettagli sulle sue ricerche e sperimentazione nel campo dei veicoli autonomi. In particolare, la casa automobilistica britannica ha presentato un’app che permette di controllare dall’esterno una Range Rover e un sistema che esegue automaticamente precise manovre in situazioni difficili.

L’applicazione per smartphone, che è attualmente solo un prototipo e non è disponibile al pubblico, prende il controllo di sterzo, acceleratore e freni della Range Rover Sport, in modo che il proprietario possono gestire il veicolo dall’esterno, purché l’auto si muova a una velocità inferiore a 4 miglia all’ora (circa 6,5 km/h) e il conducente e il portachiavi siano entro un raggio di 33 piedi (10 metri).

L’idea è di aiutare gli automobilisti in percorsi “fuori strada”pericolosi o in situazioni urbane impegnative, come l’uscita da parcheggi stretti. Con il “Multi-Point Turn” la Range Rover Sport esegue autonomamente giri di 180 gradi.

Il sistema utilizza sensori per valutare lo spazio disponibile ed evitare pedoni, veicoli e altri oggetti”, spiega un comunicato stampa della società. “Il sistema controlla marce, sterzo, frenata e accelerazione per eseguire i movimenti necessari per completare la manovra”.

Jaguar Land Rover afferma che il suo obiettivo finale con i veicoli autonomi è dare agli automobilisti la possibilità di scegliere tra una guida “impegnata”, a controllo umano, e una a controllo autonomo.

Anche in questo caso, l’applicazione è solo un prototipo, e il sistema multi-turn è ancora in fase di test. Ci vorrà probabilmente del tempo prima che la tecnologia sia a disposizione del pubblico, se mai verrà rilasciata.
Jaguar Land Rover e le sue controparti automobilistiche, così come giganti dell’hi-tech come Google, stanno investendo molto tempo ed energie nella ricerca di queste tecnologie di nuova generazione. Tra i recenti annunci di Jaguar Land Rover c’è anche un importante investimento nella tecnologia M2M che punta a raccogliere dati dagli automobilisti (per esempio sulle condizioni del manto stradale) per metterli a disposizione di altri conducenti.