Smart working e sicurezza: se i router diventano l’anello debole

I router domestici e SOHO spesso sono poco sicuri, ma le aziende possono difendersi dagli attacchi ai router dei dipendenti in smart working. Kasperksy spiega come fare.

smart working

Se parliamo di sicurezza informatica, l’aspetto peggiore del passaggio in massa allo smart working è stata la perdita di controllo sulle reti locali a cui si collegano le postazioni di lavoro. Particolarmente pericolosi a questo proposito sono i router domestici dei dipendenti, che hanno essenzialmente sostituito l’infrastruttura di rete gestita normalmente dagli specialisti IT.

Alla RSA Conference 2021, nel loro intervento dal titolo All your LAN are belong to us. Managing the real threats to remote workers, i ricercatori di sicurezza Charl van der Walt e Wicus Ross hanno spiegato in che modo i criminali informatici possono attaccare i computer aziendali servendosi dei router.

Anche se le politiche di sicurezza aziendali si occupano dell’aggiornamento del sistema operativo di ogni computer dell’azienda e di tutte le altre impostazioni rilevanti, i router domestici non rientrerebbero comunque nel raggio di controllo degli amministratori di sistema aziendali. Per quanto riguarda gli ambienti di lavoro a distanza, chi si occupa di sicurezza IT in azienda non può sapere quali altri dispositivi sono collegati a una rete, se il firmware del router è aggiornato e se la password che lo protegge è forte (e se l’utente continua a utilizzare la password di fabbrica).

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

Questa mancanza di controllo è solo una parte del problema. Un numero enorme di router domestici e SOHO hanno vulnerabilità note che i criminali informatici possono sfruttare per ottenere il controllo completo del dispositivo, portando a enormi botnet IoT come Mirai, che raggruppano decine e talvolta anche centinaia di migliaia di router hackerati da utilizzare per una varietà di scopi.

A questo proposito, vale la pena di ricordare che ogni router è essenzialmente un piccolo computer con una qualche distribuzione di Linux. I criminali informatici possono fare molto con un router hackerato. Kaspersky riporta alcuni esempi presi dal report dei due ricercatori.

Hackerare una connessione VPN

Lo strumento principale che le aziende usano per compensare gli ambienti di rete inaffidabili dei lavoratori in smart working è servirsi di una VPN (rete privata virtuale). Le VPN offrono un canale cifrato attraverso il quale i dati viaggiano tra il computer e l’infrastruttura aziendale.

sicurezza applicativa

Molte aziende usano le VPN in modalità split tunneling: il traffico che va verso i server dell’azienda (come la connessione RDP, Remote Desktop Protocol) passa attraverso la VPN e tutto il resto del traffico passa attraverso la rete pubblica non cifrata, il che normalmente è una buona opzione. Tuttavia, un criminale informatico che ha preso il controllo del router può creare un percorso DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) e reindirizzare il traffico RDP al proprio server. Anche se questo non li avvicina alla decifrazione della VPN, possono creare una finta schermata di login per intercettare le credenziali di connessione RDP. I truffatori di ransomware amano usare i protocolli RDP.

Caricare un sistema operativo esterno

Un altro abile scenario di attacco ai router hackerati coinvolge lo sfruttamento della funzionalità PXE (Preboot Execution Environment). Le moderne schede di rete usano il PXE per caricare un sistema operativo sui computer in rete. In genere, la funzione è disabilitata ma alcune aziende la usano, ad esempio, per ripristinare da remoto il sistema operativo di un dipendente in caso di guasto.

Un criminale informatico con il controllo del server DHCP su un router può fornire alla scheda di rete di una workstation l’indirizzo di un sistema modificato per il controllo da remoto. È improbabile che i dipendenti se ne accorgano e che sappiano cosa stia realmente accadendo, soprattutto se sono distratti dalle notifiche di installazione degli aggiornamenti. Nel frattempo, i criminali informatici hanno pieno accesso al file system.

Come rimanere al sicuro

Per proteggere i computer dei dipendenti da quanto abbiamo descritto e da tecniche di attacco simili, Kaspersky consiglia di seguire questi suggerimenti:

  • Optate per il tunneling forzato invece di quello split. Molte soluzioni VPN aziendali permettono il tunneling forzato con delle eccezioni (facendo passare di default tutto il traffico attraverso un canale cifrato, con risorse specifiche che possono bypassare la VPN)
  • Disabilitate il Preboot Execution Environment nelle impostazioni BIOS
  • Cifrate completamente il disco rigido del computer (con BitLocker su Windows, per esempio)
  • Analizzare la sicurezza dei router dei dipendenti è vitale per aumentare il livello di sicurezza di qualsiasi infrastruttura aziendale che consente il lavoro a distanza o in modalità ibrida. In alcune aziende, il personale di supporto tecnico dà alcuni suggerimenti ai dipendenti in merito alle impostazioni ottimali per il router di casa. Altre aziende distribuiscono router preconfigurati ai lavoratori in smart working e permettono ai dipendenti di connettersi alle risorse aziendali solo attraverso quei router. Inoltre, la formazione dei dipendenti per contrastare le minacce moderne è fondamentale per la sicurezza della rete.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!