I riflettori sulla connettività home-office si intensificheranno nel 2021

Gli utenti che lavorano da casa otterranno hardware e software di rete più sofisticati in ambito home-office mentre le aziende prendono in considerazione opzioni come SD-WAN e SASE.

home-office

Ora che è chiaro che il lavoro remoto è destinato a durare, quali sono le priorità tecnologiche per i reparti IT incaricati di mantenere la forza lavoro aziendale produttiva e sicura? In un rapporto di dicembre, la società di ricerca Gartner ha affermato che il 48% dei dipendenti lavorerà da casa anche dopo la pandemia, rispetto al 30% pre-pandemia.

Anche Forrester si aspetta che la popolazione dei lavoratori remoti rimanga elevata. “Anche se non esiste ancora un punto finale chiaro per la pandemia, il numero di dipendenti che lavorano da remoto inizierà a diminuire, fino a stabilizzarsi al 300% dei livelli pre-pandemici come minimo”, ha scritto l’analista principale di Forrester David Johnson. “Con così tante persone che lavorano da remoto a lungo termine, le aziende dovranno ripensare a questa esperienza, non solo dal punto di vista della tecnologia e dell’ambiente, ma anche dal punto di vista della leadership, della gestione del cambiamento e della crescita della carriera”.

Questo cambiamento può esercitare ulteriore pressione sui gruppi IT aziendali incaricati di bloccare la connettività e la sicurezza degli uffici remoti. “Con il passare della pandemia, stiamo assistendo alle organizzazioni che consolidano i loro piani per il lavoro a distanza, inclusa l’aggiunta di hardware e software più sofisticati per il lavoro da casa, con driver primari tra cui sicurezza e produttività” ha affermato Neil Anderson, direttore senior delle soluzioni di rete di World Wide Technology, una società di servizi tecnologici e di supply chain.

adv

“Per l’IT, questo significa valutare e implementare rapidamente nuovi modelli di sicurezza basati su cloud e creare rapidamente fiducia in una soluzione”, ha affermato Anderson. “Stiamo anche riscontrando un grande interesse per il monitoraggio dell’esperienza e l’ottimizzazione del software per mettere in atto analisi migliori sulle prestazioni delle app dei dipendenti e su come migliorarle”.

Sebbene le persone abbiano opzioni limitate per accelerare la connettività dell’ufficio domestico, l’IT può intervenire per fornire servizi di livello aziendale a lavoratori di alto valore per i quali ogni minuto con clienti e colleghi conta. “La forza lavoro di alto valore ha bisogno di una connettività superiore che renda il lavoro a casa fluido tanto quanto essere in ufficio con connettività e prestazioni costanti”, ha affermato Jean-Luc Valente di Cisco in un blog sul futuro della connettività dall’ufficio di casa.

Come l’IT può aggiornare le configurazioni dell’ufficio domestico

Quando viene incaricato di aggiornare gli uffici domestici dei lavoratori, l’IT deve cercare una varietà di funzionalità. Queste includono:

  • Gestione centralizzata delle policy e provisioning zero-touch per portare rapidamente online migliaia di uffici remoti
  • Monitoraggio della qualità del servizio (QoS) e risoluzione dei problemi in remoto dell’affidabilità della connessione per migliorare l’esperienza delle applicazioni
  • Sicurezza centralizzata, fornita dal cloud e multilivello, tra cui filtro URL DNS, firewall con riconoscimento delle applicazioni, sistema di protezione dalle intrusioni e protezione avanzata dal malware, per proteggere il traffico sensibile nel suo viaggio di andata e ritorno dagli uffici domestici al cloud o ai data center e ritorno
  • Capacità di rilevare e definire automaticamente i dispositivi che si connettono alla rete dell’ufficio domestico e applicare criteri di segmentazione per controllare i permessi di accesso e impedire la diffusione di infezioni dagli uffici domestici e alle risorse aziendali

Una delle tecnologie più accessibili in grado di offrire queste funzionalità è SD-WAN, disponibile da numerosi fornitori tra cui Cisco, VMware, Extreme, Juniper, Aruba e altri. Cisco offre un pacchetto chiamato Remote Workforce Routing che offre l’onboarding zero-touch di tutti i dispositivi cablati e wireless di tutti i lavoratori remoti e il wireless LTE Advanced PRO dell’azienda per la connettività di backup. Il bundle include anche il supporto per la sicurezza SD-WAN Cloud OnRamp e Umbrella per consentire agli utenti di accedere alle applicazioni da remoto e in modo sicuro.

Il pacchetto supporta lo split tunneling, che consente ai clienti di selezionare un traffico specifico, legato all’azienda, da inviare attraverso un tunnel VPN aziendale. Il resto va direttamente su Internet senza passare attraverso il tunnel. “Una configurazione split-tunnel su una singola interfaccia WAN o una seconda interfaccia WAN su LTE fornisce connettività ridondante. L’IT può monitorare continuamente le prestazioni edge-to-SaaS su entrambi i percorsi DIA e backhaul per garantire la qualità dell’esperienza dell’applicazione appropriata e una connettività coerente”, ha dichiarato Valente.

Un altro esempio è il servizio SD-WAN Zero Trust di VMware, che viene fornito attraverso la rete di nodi di servizio di VMware distribuiti in più di 100 sedi globali e gestito da VMware e dai suoi 120 partner fornitori di servizi di telecomunicazione. Entrerà anche a far parte di VMware Workspace ONE Intelligent Hub. Secondo VMware, la piattaforma Workspace ONE gestisce in modo sicuro i dispositivi mobili degli utenti finali e i desktop e le applicazioni virtuali dal cloud o in locale.

Il client di accesso remoto si connette automaticamente al cloud PoP VMware SD-WAN più vicino. In base ai criteri aziendali, il traffico degli utenti può essere passato a un firewall cloud, un servizio di sicurezza web, a un altro ramo aziendale oppure a un’applicazione o a un servizio necessario. Anche il servizio VMware utilizza lo split tunneling.

trasformazione digitale

Opzioni di sicurezza dell’ufficio domestico

Sebbene offrire forti opzioni di connettività sarà fondamentale per gli utenti remoti/home-office, ovviamente anche la sicurezza gioca un ruolo importante.

“WWT sta assistendo al passaggio a modelli di sicurezza forniti dal cloud come SASE e modelli zero-trust. Invece di provare a distribuire migliaia di stack di sicurezza negli uffici domestici, le aziende stanno invece instradando le loro sessioni a un servizio cloud-edge, per ottenere più facilmente sicurezza scalabile. Per l’IT ciò significa valutare e implementare rapidamente nuovi modelli di sicurezza basati su cloud e creare rapidamente fiducia in una soluzione”, ha affermato Anderson.

Secondo Anderson, esistono diverse scuole di pensiero su come affrontare la sicurezza dell’ufficio domestico, inclusi metodi tradizionali come client VPN, router/FW da casa e infrastrutture desktop virtuali (VDI), nonché approcci emergenti come zero-trust. “Di tutti questi metodi di sicurezza per home-office, stiamo osservando una grande diffusione di zero-trust e VDI, con alcuni dei nostri maggiori clienti che lavorano però seriamente anche su soluzioni router/FW da casa”, ha detto Anderson.

Valente afferma che un ombrello Secure Access Service Edge (SASE) basato su cloud fornisce protezioni di sicurezza su larga scala per migliaia di lavoratori remoti. “L’instradamento basato su policy protegge anche l’accesso ai dati riservati e non sensibili proteggendo allo stesso tempo dagli attacchi man-in-the-middle”, afferma Valente.

“Poiché le policy vengono gestite e distribuite centralmente tramite controller SD-WAN, quando i lavoratori si spostano tra sedi domestiche, filiali e campus, le policy di accesso e sicurezza li seguono, assicurando che le loro connessioni siano protette indipendentemente dalla posizione. L’IT ottiene un unico punto di vista della connettività e della sicurezza della forza lavoro per semplificare la gestione di migliaia di connessioni distribuite”, ha affermato Valente.

Per alcune organizzazioni, un approccio gestito alla sicurezza del lavoratore remoto può essere l’opzione migliore. “Sebbene molte aziende si stiano muovendo verso un ambiente zero-trust, le piccole e medie imprese (PMI) spesso non dispongono delle risorse necessarie per effettuare questo cambiamento rapidamente” ha affermato Mike Puglia, chief strategy officer del fornitore di software di gestione Kaseya. “Nel 2021, probabilmente vedremo le PMI fare più affidamento sui fornitori di servizi gestiti, poiché gli MSP hanno l’esperienza IT e le economie di scala necessarie per fornire le capacità di sicurezza richieste in questo ambiente di lavoro remoto”.

Cos’altro c’è in futuro per gli utenti di uffici remoti/domestici? Il 5G è una possibilità. “Il 5G non è ancora abbastanza maturo per vedere implementazioni su larga scala; la maggior parte delle organizzazioni fa ancora affidamento su una singola connessione domestica a banda larga. Tuttavia, poiché il 5G continua a maturare e i dispositivi diventano più prontamente disponibili, i lavoratori remoti potrebbero fare affidamento sulla nuova generazione rete come alternativa alla banda larga domestica”, ha detto Anderson. “Immaginate la ‘divisione’ della rete domestica, con la banda larga cablata che continua a servire la rete domestica e il 5G che serve gli utenti dell’ufficio domestico, migliorando la qualità dell’esperienza per gli strumenti di collaborazione”.

L’automazione sarà un’altra area di maggiore attività. Secondo Johnson di Forrester, le aziende concentreranno i loro sforzi di automazione sull’aiutare i dipendenti remoti a essere più efficaci, con un operatore dell’informazione su quattro che riceverà aiuto da robot software, automazione dei processi robotici e intelligenza artificiale, mentre alcuni lavoratori in prima linea riceveranno aiuto da robot fisici. “I leader delle risorse umane riceveranno supporto da strumenti migliori per analizzare e agire sui dati della forza lavoro, assicurando anche la salute e il benessere dei dipendenti”, ha affermato Johnson.

Nel quadro generale, fornire connettività e sicurezza in stile ufficio ai lavoratori domestici rimarrà una priorità per le aziende, afferma Valente. “Il lavoro da casa non è solo una reazione a un’emergenza di salute e sicurezza. È uno stile di lavoro reso possibile dalla tecnologia che ha importanti impatti energetici e ambientali, nonché sulla salute fisica e mentale. Qualcuno ama davvero il pendolarismo?” Si chiede Valente. “Quanto più fluida è la connessione di un dipendente che lavora a casa con informazioni, applicazioni e colleghi, tanto più produttiva è l’esperienza.”

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!