I fornitori IT spingono sempre di più per hardware on-premise e pay-per-use

Cisco, Dell, HPE e altri vendor IT stanno intensificando gli sforzi per fornire modelli di prezzi basati sull'utilizzo e servizi gestiti per server, dispositivi di archiviazione e networking on-premise.

data center

Una raffica di annunci da parte dei fornitori di hardware indica un cambiamento nel modo in cui le aziende acquistano server, risorse di archiviazione e di rete per i loro data center e distribuzioni edge. Per invogliare le aziende a mantenere i carichi di lavoro in sede, i fornitori di hardware tra cui Cisco, Dell, HPE, IBM, Lenovo e altri offrono prezzi basati sul consumo per l’infrastruttura del data center. Questi prodotti pay-per-use sono progettati per abbreviare i cicli di approvvigionamento, consentire ai clienti di aumentare o diminuire in base alla domanda e collegare in modo più economico la spesa per l’hardware con l’utilizzo.

HPE, ad esempio, si è impegnata a trasformare il suo intero portafoglio in offerte pay-per-use e as-a-service entro il 2022 e la scorsa settimana la società ha aggiunto alla sua gamma GreenLake nuovi servizi dati e infrastrutture. Dell, da parte sua, ha presentato i primi prodotti nel suo portafoglio Apex di storage gestito, server e infrastruttura iperconvergente.

I modelli hardware pay-per-use come questi possono fornire strutture tariffarie simili al cloud e capacità flessibile per ambienti on-premise e l’hardware può essere distribuito nel data center di un’azienda, in edge location o in strutture di colocation. Il modello è generalmente rivolto alle aziende che desiderano alternative all’acquisto di apparecchiature a titolo definitivo per carichi di lavoro che non sono adatti al cloud pubblico.

Webinar Cloud Ibrido Azure Stack HCI

Webinar 23/06: accendi il potere dell'ibrido

Scopri come con Fujitsu PRIMEFLEX per Microsoft Azure HCI puoi creare facilmente un cloud ibrido su infrastruttura iperconvergente, gestibile con gli strumenti di amministrazione di Windows REGISTRATI ORA >>

Questo approccio può aiutare le aziende a semplificare gli sforzi di modernizzazione e preservare il capitale, afferma Daniel Newman, principale analista di Futurum Research. “Poiché il cloud ibrido è l’approccio predominante dell’azienda, sta diventando un catalizzatore per i grandi fornitori di infrastrutture IT per creare modelli simili al cloud per servizi prem-based. HPE e Lenovo hanno intrapreso questa strada fin dall’inizio con GreenLake e TruScale. Dell ha sviluppato Apex e ha un’enorme base di clienti a cui attingere in aree chiave come lo storage e l’elaborazione. Anche Cisco sta entrando nella mischia con la sua offerta Cisco Plus”.

Il concetto di hardware pay-per-use non è nuovo, ma l’interesse sta crescendo. La società di ricerca IDC riferisce che il 61% delle aziende prevede di passare in modo aggressivo al pagamento dell’infrastruttura in base al consumo. Entro il 2024, metà dell’infrastruttura del data center sarà consumata come servizio. Sempre nel 2024, secondo Gartner, metà della capacità di storage di recente implementazione verrà consumata come servizio. Dal lato server, il 5,6% della spesa per server x86 in loco verrà consumato come servizio nel 2024.

Perché un’infrastruttura as-a-service?

Parte del fascino dell’infrastruttura as-a-service è che le aziende sono alla ricerca di aggiornamenti hardware più gestibili, afferma Tracy Woo, analista senior di Forrester Research. “I fornitori di hardware che tradizionalmente vendevano un sistema una tantum trovano difficile competere con i fornitori di cloud. I clienti non vogliono un data center difficile da aggiornare. Il cloud pubblico offre la possibilità di ottenere l’hardware più recente, con costi iniziali molto inferiori e senza doversi preoccupare del budget degli investimenti. Ecco perché i fornitori di hardware come HPE e Dell hanno bisogno di un nuovo modo per fornire il proprio hardware ed ecco quindi GreenLake e Apex”.

Il cloud pubblico ha avuto un impatto enorme sull’informatica aziendale, ma rappresenta ancora solo una frazione dei carichi di lavoro totali, afferma Bob O’Donnell, presidente e analista capo di TECHnalysis Research. “La maggior parte dei carichi di lavoro è ancora in esecuzione localmente in un data center o in una struttura di colocation. Allo stesso tempo, le aziende hanno imparato ad apprezzare molti aspetti del modello di cloud pubblico. La flessibilità di poter aumentare quando si ha bisogno di capacità e poi diminuire quando non la si ha è ormai fondamentale per molte aziende”. 

Un approccio hardware basato sul consumo può offrire il meglio di entrambi i mondi. Combina infatti elementi del modello di cloud computing pubblico con le realtà dei carichi di lavoro che devono rimanere locali, sia per motivi normativi, sia per le competenze richieste per riprogettare le applicazioni per il cloud.

“L’approccio as-a-service offre inoltre maggiore agilità, consentendo anche alle aziende di mantenere il controllo sui propri dati e utilizzare l’infrastruttura in sede per i loro carichi di lavoro soggetti a latenza” afferma Patrick Moorhead, presidente e principale analista di Moor Insights & Strategy. “Penso che i migliori carichi di lavoro da considerare siano quelli già nel cloud pubblico che non richiedono una quantità enorme di funzionalità “burst”. Tutto ciò che ha molti dati trarrebbe vantaggio dall’essere on-premise poiché è qui che vengono generati i dati”.

Gli analisti avvertono, tuttavia, che il passaggio a questo modello non sarà privo di sfide e la stima dei requisiti di utilizzo può essere complicata. “Questo rappresenta un cambiamento fondamentale nel modo in cui viene pagato l’IT“, afferma O’Donnell. “Il diavolo è nei dettagli. Alcuni servizi sono veramente basati sul consumo, mentre altri sono in realtà più basati su abbonamento”.

Per questi motivi le aziende non si precipiteranno sul modello basato sul consumo e ci sarà molta sperimentazione, continua O’Donnell. “Non dimentichiamo che ci sono state molte vicende non proprio positive di persone che sono passate al cloud pubblico, pensando che sarebbe stato fantastico perché hanno pagato solo per ciò di cui avevano bisogno, e alla fine è costato loro molto più di quanto si aspettassero”.

Sul versante ottimistico invece “stiamo osservando il cloud pubblico e l’on-premise convergere rapidamente per soddisfare le esigenze degli utenti, il che è un segnale incoraggiante”, afferma Newman. “Mi piace vedere la concorrenza tra i fornitori in quanto tende a promuovere l’innovazione e rendere le offerte più competitive”.

Nuove proposte di tariffazione basata sul consumo

Di seguito riportiamo un riepilogo degli ultimi annunci relativi a server, archiviazione e rete a pagamento:

Dell Apex

Dell ha presentato i primi prodotti nel suo portafoglio Apex, che includono un’offerta di storage as-a-service e un pacchetto di risorse di elaborazione, archiviazione e rete in locale per implementazioni di cloud privato e ibrido. Una dashboard self-service chiamata Apex Console consente alle aziende di identificare e monitorare lo stato e le prestazioni dei servizi Apex, accedere ai report di utilizzo e spesa e affinare la capacità man mano che cambiano le esigenze aziendali.

HPE GreenLake

La scorsa settimana HPE ha aggiunto al suo portafoglio GreenLake di servizi on-premise pay-per-use. La sua nuova piattaforma di servizi dati è composta da tre nuovi elementi:

  • Data Services Cloud Console: una console cloud progettata per semplificare la gestione dello storage, dall’implementazione e il provisioning alla manutenzione continua
  • Cloud Data Services: una suite di servizi software in abbonamento che automatizzano la gestione dell’infrastruttura
  • HPE Alletra: un nuovo portafoglio di infrastrutture gestito dalla Data Services Cloud Console che include i sistemi All-NVMe HPE Alletra 9000 e 6000.

Cisco Plus

Cisco a marzo ha portato sul mercato Cisco Plus, con l’impegno a fornire nel tempo la maggior parte del suo portafoglio come servizio. La prima soluzione disponibile sarà Cisco Plus Hybrid Cloud, che include il portafoglio di elaborazione, networking e archiviazione del data center dell’azienda oltre a componenti software e di archiviazione di terze parti, tutti controllati dal pacchetto di gestione del cloud Intersight di Cisco. Il secondo servizio Cisco Plus includerà i componenti SASE (Secure Access Service Edge) di Cisco, tra cui il software di sicurezza Umbrella SD-WAN basato su cloud.

IBM Tailored Fit Pricing for IBM Z

Due anni fa, IBM ha annunciato un modello di prezzo simile al cloud per il suo software mainframe, una mossa progettata per fornire prezzi più flessibili e basati sul consumo per i carichi di lavoro su IBM z/OS. Questo mese, IBM ha aggiunto un modello di prezzo flessibile complementare per il suo hardware mainframe: Tailored Fit Pricing for IBM Z-Hardware Consumption Solution. 

Lenovo TruScale

Lenovo ad aprile ha annunciato una collaborazione con Nutanix per fornire un’offerta di desktop as-a-service in hosting. Le aziende possono scegliere tra una vasta gamma di dispositivi client Lenovo, come thin client e PC, insieme a Citrix e altri ambienti desktop virtuali e all’infrastruttura iperconvergente ThinkAgile HX Series basata su Nutanix. Il prezzo mensile copre i dispositivi client, i sistemi del data center e il software e i servizi, il tutto gestito da Lenovo.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!