Per salvare internet, bisogna ridurre l’uso del video

Per non far andare in crisi la struttura di internet, le persone le imprese e le grandi aziende tecnologiche devono ridurre il loro utilizzo della larghezza di banda e il modo migliore per farlo è ridurre l'uso del video.

video

La capacità di Internet è sicuramente robusta, ma il massiccio aumento dei consumi globali sta spingendo l’utilizzo oltre il solito picco. È probabile che il consumo di streaming multimediale, i giochi e la collaborazione video siano responsabili di gran parte di questa domanda aggiuntiva. Per non far andare in crisi la struttura di internet, le persone le imprese e le grandi aziende tecnologiche devono ridurre il loro utilizzo della larghezza di banda e il modo migliore per farlo è ridurre l’uso del video.

Ridurre la larghezza di banda video

Perché? La verità è che i video hanno rappresentato oltre i due terzi del traffico Internet globale a livello consumer nel 2017 e da allora hanno continuato a crescere. Nel suo più recente State of the Internet, Cisco osserva che una TV UHD abilitata a Internet eutilizzata per guardare contenuti per alcune ore al giorno genera più traffico di un’intera famiglia. In parte questo è perché stiamo trasmettendo video in streaming in 4K.

In altre parole, anche se Internet si sforza di gestire le richieste di decine di milioni di lavoratori in tutto il mondo abbastanza fortunati da poter lavorare da casa durante la pandemia di COVID-19, sta anche lottando per gestire l’enorme quantità di video che siamo tutti consumando. Il video è di gran lunga il maggiore consumatore di larghezza di banda e se vogliamo ottimizzare il modo in cui lo utilizziamo, dovremo ridurne il consumo.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Dobbiamo tutti continuare a lavorare, quindi ha perfettamente senso ridurre la quantità di traffico relativo ai video che generiamo, o almeno adottare misure per mitigarlo.

Quindi, cosa possono fare immediatamente i consumatori?

Ogni lavoratore aziendale è anche un consumatore, quindi queste raccomandazioni si applicano a tutti, sia che siate un dirigente di Morgan Stanley, sia che siate un genitore orgoglioso che stringe a sé i suoi figli e spera per il meglio. Se i due terzi del traffico Internet sono correlati ai video, è logico mitigare innanzitutto il consumo di video. E potete farlo, con solo un piccolo inconveniente.

Come ridurre il consumo della larghezza di banda dello streaming

Se si utilizza un sistema di streaming TV (una smart TV, Apple TV o simili), è necessario ridurre la risoluzione del video scaricato. Ciò ridurrà la qualità delle immagini, ma ridurrà anche la quantità di dati richiesti. Se tutti coloro che utilizzano un sistema di streaming video riducono la qualità, ciò dovrebbe fare una differenza significativa in termini di larghezza di banda disponibile durante l’attuale crisi.

App social

Tutte le app di social media (in particolare Facebook) sono molto poco virtuose quando si tratta di video in streaming automatico. Questo non è solo di solito fastidioso, ma consuma anche preziosa larghezza di banda. Per ridurre il consumo di larghezza di banda video su Twitter, toccate il simbolo a tre punti per trovare le impostazioni di Twitter e gli strumenti per la privacy. Selezionate Utilizzo dati e abilitate il risparmio dati. Al termine, i video non verranno riprodotti automaticamente e le immagini verranno caricate con una qualità inferiore. Dovrete ripetere questi passaggi su ogni dispositivo che utilizzate per accedere al servizio.

20

Le impostazioni di Facebook sono, come sempre, stupidamente complicate. In ogni caso toccate l’icona a tre righe per accedere al menu, scorrete verso il basso fino a Impostazioni (ignorando il blu sgargiante dell’app) e scorrete verso il basso fino a trovare Video e foto. Assicuratevi che la riproduzione automatica non sia mai impostata, che la riduzione del movimento sia disattivata e che non stiate caricando contenuti in HD.

Cosa possono fare le aziende?

Anche le aziende, con sempre più lavoratori costretti allo smart working da casa, hanno la responsabilità sociale di fare il punto della quantità di larghezza di banda che usano. Ad esempio l’Italia sta registrando un triplice aumento dell’uso delle videoconferenze e ha registrato un aumento del 75% del traffico di dati residenziali, riferisce il Financial Times.

Le reti mobili hanno già mostrato segni di tensione, anche se la banda larga sembra reggere. Tuttavia, in Spagna l’industria sta avvertendo i consumatori di razionalizzare il loro uso e provare a utilizzare le linee fisse per le chiamate vocali. Queste statistiche suggeriscono fortemente che oggi è necessario assumersi la responsabilità del consumo della larghezza di banda, dato che anche altre nazioni del nostro pianeta stanno andando verso un blocco come quello italiano.

Capiamo che ogni configurazione aziendale è diversa, quindi fornire consigli pertinenti per tutti va oltre lo scopo di questo articolo, ma esistono comunque alcune strategie di base per ridurre il consumo di larghezza di banda video:

  • Non forzare i dipendenti a mantenere attiva una sessione di chat video durante tutto l’orario di lavoro.
  • Esaminare gli strumenti di videoconferenza che utilizzate. La qualità video FaceTime su iOS, ad esempio, è definita in Impostazioni> Fotocamera. Qui potete definire Registra video con l’impostazione di qualità più bassa e impostare Formati su Più compatibile, il che può aiutare. Ogni sistema di videoconferenza è diverso e alcuni mancano di un modo ovvio per ridurre la risoluzione video, ma la vostra azienda dovrebbe collaborare con i fornitori per identificare i modi in cui mitigare la larghezza di banda per le chiamate in conferenza.
  • Controllare l’uso della videoconferenza. Internet è prezioso e, sebbene possa essere bello avere una videoconferenza con i membri del team per alcuni progetti durante la crisi, per altri (in particolare per le persone malate o vulnerabili messe in quarantena in questo momento) la possibilità di interagire con altre persone utilizzando strumenti video di consumo potrebbe essere vista come più essenziale. Con questo in mente ha senso utilizzare maggiormente i servizi di messaggistica e chat vocale per ridurre la domanda della vostra azienda su Internet per i servizi video.

I fornitori di servizi video devono prendere in considerazione la possibilità di apportare modifiche a livello di rete alla qualità del video che offrono. Sanno già quanta larghezza di banda consumano i loro servizi. Le aziende possono anche considerare di chiedere ai dipendenti di scaglionare l’installazione di aggiornamenti software essenziali, in particolare quando la forza lavoro è distribuita a livello globale.

Cosa possono fare ora le aziende focalizzate sui video?

Le aziende pubblicitarie che pubblicano video dovrebbero prendere in considerazione la riduzione della qualità dei contenuti che distribuiscono al fine di mitigare questa domanda. Pensiamo anche che valga la pena disabilitare la riproduzione automatica dei video su siti, servizi e browser. Tutte le ricerche mostrano che il video è il contenuto più coinvolgente, motivo per cui così tante persone ora lo stanno creando.

Nonostante ciò, sembra necessario che i fornitori di piattaforme video si assumano la loro parte in questa lotta e lavorino per ridurre il consumo di larghezza di banda video, possibilmente riducendo la qualità del video che offrono. Capiamo che le persone adorano la qualità del video 4K, ma ridurre questa qualità a breve termine sembra un passo essenziale per mantenere la produttività economica, le comunicazioni personali, i sistemi di intrattenimento e tutti gli altri vantaggi della nostra vita digitale.

AUTOREJonny Evans
FONTEComputerworld.com
Jonny Evans
Collaboratore di Computerworld.com Jonny è un freelance che scrive di tecnologia dal 1999, in particolare riguardo a Apple e la digital transformation. Cura su Computerworld.com il blog Apple Holic, con post a volte interessanti e a volte provocatori su tutto quel che succede a Cupertino. Le traduzioni dei suoi articoli appaiono su Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. Lo potete trovare su Twitter come @jonnyevans_cw