Tra le notizie tecnologiche delle ultime settimane, sempre secondo le voci di corridoio di alcuni analisti, spicca l’intenzione di Apple di far uscire un iPad Pro con tanto di pennino per interagire con il display touch. Per l’occasione abbiamo voluto raccogliere le analisi sull’argomento di alcuni blogger e capire come è vista questa possibilità dai principali esperti del settore.

Apple Insider

L’analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities ha dichiarato che stando ad alcuni brevetti e a sue ricerche personali Apple rilascerà sul mercato un pennino touch da abbinare al presunto iPad Pro da 12.9 pollici.

Kuo è convinto che il pennino possa migliorare l’esperienza di utilizzo con alcune applicazioni e aiutare Apple a trovare nuovi clienti nel settore aziendale ed educazionale.

L’iPad Pro, sempre secondo Kuo, porterà inoltre a nuove funzionalità di iOS per sfruttare il display più grande, come ad esempio il multitasking tramite split-screen.

The Register

Se questa notizia si rivelasse autentica, sarebbe un cambiamento di rotta enorme per Apple, che ha sempre “deriso” qualsiasi dispositivo di puntamento che non fosse il nostro dito.

Inoltre queste voci parlano di un accessorio opzionale e sappiamo bene quanto siano economici gli accessori ufficiali di Apple.

E che dire di Steve Jobs quando affermava “chi vorrebbe mai un pennino touch? Bisogna prenderlo in mano, riporlo e si può anche perdere”?

MacWorld

A Jobs non è mai piaciuta l’idea di un pennino per i dispositivi mobile. Secondo lui la sola idea di vederne uno equivaleva a un fallimento e a un progetto del tutto sbagliato.

Eppure, anche se il rumor avanzato da Kuo rimane tale, un pennino targato Apple non sarebbe poi questa grande follia. L’iPad infatti è sempre strato uno strumento per lavoro molto popolare, soprattutto in quegli ambiti dove la scrittura a mano e il disegno sono pratiche comuni. D’altronde il pennino è un accessorio per iPad già largamente utilizzato; perché quindi non volerne uno marchiato Apple?

The Verge

Non è poi difficile vedere come un pennino “integrato” potrebbe aiutare Apple e altri a sviluppare nuove app aziendali incentrate sulla produttività.

Ma perché dovremmo credere a tutto quello che dice Kuo? Certo, ha un talento particolare nel predire le caratteristiche dei prodotti Apple che verranno, ma al massimo questo suo ultimo rumor può servire giusto a ricordarci che entro l’anno arriverà sul mercato un iPad più grande.

Cult of Mac

Se tutto ciò fosse vero, Steve Jobs potrebbe benissimo rivoltarsi nella tomba, sebbene anche lui si sia spesso contraddetto quando gli faceva comodo.

Ecco il succo del discorso di Kuo. Con un display più grande l’iPad Pro non sarà rivolto principalmente al mercato consumer, ma a un’utenza più business, creativa e artistica. Per accontentare questi utenti, Apple aggiungerà un pennino all’iPad Pro in maniera più integrata e completa rispetto alle odierne soluzioni aftermarket.

PhoneDog

Ah, il pennino. L’eroe sconosciuto di professionisti, scrittori, artisti e di tutti quelli con dita goffe, ma anche lo strumento preferito per interagire con i piccoli display touch resistivi di un tempo.

Niente è inciso nella pietra e anche i prodotti Apple, nonostante certe previsioni iniziali di Steve Jobs, hanno dimostrato di saper cambiare e di evolversi nel corso degli anni. I video su iPod non dovevano mai esserci e poi sono arrivati. Il display dell’iPhone sarebbe dovuto essere sempre da 3.5’’ ed ecco che siamo arrivati a 5.5’’.

Sono sorpresa che così tante persone ne abbiano fatto una questione così grande solo perché in passato Jobs aveva detto certe cose. Ma le sue parole, a ben vedere, non sono mai state un dogma.