Fastweb inaugura il primo data center “Tier 4” in Italia

Un data center unico in Italia, e con solo 6 altri concorrenti in Europa, per offrire servizi cloud avanzati alle aziende italiane

Fastweb ha presentato alla stampa il primo data center italiano a superare la certificazione “Tier 4 – Constructed Facility” di UptimeInstitute, che qualifica i data center con le caratteristiche più avanzate in termini di sicurezza, affidabilità, automazione e sostenibilità ambientale. I data center effettivamente costruiti e operativi a questo livello sono solo 7 in Europa e 20 nel mondo intero.

La sede, ubicata nel cuore di Milano, è insolita. Un data center con queste caratteristiche di solito è costruita a ridosso degli access point neutrali (NAP) in cui convergono le connessioni dei principali provider, e quasi sempre in edifici progettati e costruiti appositamente per soddisfare gli stringenti requisiti di affidabilità (99,997% di uptime), continuità (manutenzioni senza interruzione del servizio), sicurezza digitale e fisica ed efficienza richiesti.

Fastweb ha invece deciso di realizzare il primo data center con certificazione “Tier 4” in Italia nella storica sede di via Caracciolo (ex centrale elettrica AEM), una sfida non da poco. La scelta è dovuta in parte alla volontà di offrire ai propri clienti un accesso fisico più facile e la sicurezza, un po’ da italiani, di sapere che i propri server e i propri dati possono essere visti e toccati in ogni momento. Soprattutto però, la sede di via Caracciolo è lo snodo centrale della rete di accesso Fastweb. Lì infatti sono attestate più di 6000 fibre ottiche per una capacità di traffico totale di ben 4 terabit al secondo. L’obiettivo, anche se non esplicitato, è chiaro: poter offrire, nell’epoca del Cloud, il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità minimizzando la distanza (in termini di network) tra il data center e i clienti della propria rete in fibra.

la sede di via Caracciolo è lo snodo centrale della rete di accesso Fastweb

Vista la collocazione, la superficie complessiva non è ampia (“solo” 600 metri quadri), ma l’architettura e l’efficienza permettono di ottenere un’elevata densità. Ogni rack può sopportare infatti fino a 40 kW, per una potenza di calcolo complessiva di 200.000 GHz con le attuali tecnologie.

Fastweb punta quindi ad affiancare sempre più ai servizi di connettività anche quelli a valore aggiunto, offrendo, accanto a hosting e housing tradizionali, anche servizi cloud (SaaS, PaaS e IaaS), gestione dell’infrastruttura e security, grazie al Security Operations Center che gestisce oggi cinque milioni di “incidenti” all’anno su cloud e infrastruttura IT dei clienti. Situato sul territorio italiano e con composto esclusivamente da personale interno Fastweb, il SOC è in grado di garantire il rispetto delle normative Privacy (D.Lgs 196/2003) e di Localizzazione dei dati (Direttiva 95/46/CE).

Secondo l’amministratore delegato di Fastweb Alberto Calcagno, “per far crescere la richiesta di connettività broadband e ultra broadband, è necessario generare un’offerta di servizi di elevata qualità che rendano indispensabili velocità e affidabilità di connessione sempre più elevate”. L’intenzione è insomma quella di arricchire l’offerta per conquistare i nuovi clienti che saranno raggiunti dal piano di espansione della rete in fibra, che prevede di raggiungere 100 città, per una copertura del 30% circa, con connessioni ultra broadband (almeno 100 Mbps).

La ridondanza geografica dei dati sarà realizzata entro il 2016, con la costruzione di un data center “gemello” in Centro Italia. L’investimento complessivo dell’azienda è di 25 milioni di euro per la realizzazione di entrambi i data center.

WHITEPAPER GRATUITI

  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper

    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0

    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale GDPR

    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale Data Center

    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro