Avete tre minuti di pausa tra una riunione e l’altra o volete passare un po’ di tempo mentre siete in viaggio facendo qualcosa di utile? Audvisor, startup che ha ricevuto recentemente fondi per 1.4 milioni di dollari, può fare al caso vostro grazie alla sua app gratuita disponibile per iOS e Android.

Audvisor ha intervistato su una grande quantità di argomenti oltre 100 personalità di spicco di Internet e del mondo degli affari a livello internazionale come Guy Kawasaki, Seth Godin, Tom Peters e Tom Chi (l’inventore dei Google Glass). Il risultato di queste interviste è stato raccolto e “sezionato” da Audvisor in circa 1.000 clip audio, ognuna più corta di tre minuti.

L’idea di fondo di Audvisor è chiara. Fornire a chi lavora nell’ambiente degli affari e della tecnologia un ascolto motivazionale che possa ispirare un’idea o un pensiero mentre si è in auto, in treno o si sta facendo la coda alla cassa di un supermercato. L’ascolto di queste clip avviene in streaming e non in locale tramite download e quindi, per funzionare, l’app richiede una connessione internet e potrebbe perciò farvi consumare un po’ del vostro piano dati se non riuscite a connettervi a un hotspot Wi-Fi.

L’app è ben organizzata e facile da usare. Potete cercare la clip che più vi interessa spulciando tra i vari argomenti come ad esempio Avanzamento di carriera, Fare soldi con i social media, Trovare un lavoro fantastico o Servire al meglio i clienti. Oppure potete cercare l’esperto che più sentite vicino alle vostre esigenze e, tramite l’icona a forma di “i”, conoscerne la biografia. Le clip possono essere cercate anche secondo altre categorie come Nuove, Raccomandate e Più ascoltate ed è possibile creare una playlist personalizzata degli spezzoni di interviste.

Ho imparato tutte queste cose in meno di 10 minuti ed è per questo che secondo me Audvisor ha un grandissimo potenziale

In poco meno di tre minuti non si può certo sperare di apprendere chissà quali lezioni o segreti del mestiere, ma sono comunque riuscito a trovare spezzoni molto interessanti. Eccone alcuni.

Heidi Rozen, venture capitalist e professoressa a Stanford, ha parlato della regola del 20-40-60. A vent’anni si è costantemente preoccupati di quello che gli altri pensano di noi. A 40 non ci si preoccupa più e a 60 anni si capisce che nessuno sta pensando a noi. Benché quest’ultima considerazione possa apparire deprimente a molti, la Rozen dice che invece si tratta di una sensazione quasi liberatoria e utile a ricordarci che dobbiamo sostenerci e agire con le nostre sole forze.

Lo scrittore Tom Peters spiega invece perché “il problema non è il problema”. Il problema infatti è la nostra riposta al problema ed è ciò che ci mette nei guai. Peters dice che “il modo in cui si risolve un problema è molto più importante del problema stesso. Se quindi dovete affrontare un problema, dite la verità e ditela in fretta”.

Ted Rubin, descritto come il CMO più seguito su Twitter, afferma che Instagram è il modo più efficace per ottenere un vasto seguito a livello di social media. Le immagini infatti rappresentano il miglior messaggio globale che si possa trasmettere agli altri e le foto su Instagram possono essere condivise facilmente su Facebook, Twitter, Tumblr e Foursquare. Sempre secondo Rubin, che ammette di fotografare regolarmente le sue calze non proprio convenzionali, si dovrebbero scattare e condividere foto coerenti con il marchio che si rappresenta o che comunque rappresentino bene la propria personalità.

Ho imparato tutte queste cose in meno di 10 minuti ed è per questo che secondo me Audvisor ha un grandissimo potenziale. Certo, in giro ci sono tantissimi podcast che trattano degli stessi argomenti, ma Audvisor funge un po’ da raccoglitore dei passaggi più importanti e significativi di interviste e considerazioni di personalità di spicco, facendoci così risparmiare parecchio tempo. Se ancora non siete convinti, provare l’app non costa nulla e sono sicuro che troverete anche voi qualcosa di utile, proficuo e convincente tra tutte queste clip audio.