Nuovo iPad Air e chip A14: tanta potenza e machine learning in chiave enterprise

Il nuovo chip A14 Bionic a bordo dell’iPad Air di quarta generazione apparirà anche nei futuri Mac? E cosa comporta sfruttare un design da 5 nm per l’utenza enterprise?

iPad Air

Apple ha annunciato nei giorni scorsi nuovi modelli di Apple Watch, nuovi servizi e, cosa che ci interessa maggiormente, nuovi iPad Air. Proprio questi ultimi si distinguono come particolarmente interessanti per gli utenti aziendali.

Una boccata di iPad Air

L’iPad Air di quarta generazione è stato il protagonista dell’evento Apple principalmente perché contiene al suo interno il processore A14 che non è ancora disponibile in nessun altro prodotto, inclusi iPad Pro o iPhone. Disponibile da ottobre a partire da 669 o 809 euro (versione LTE), l’iPad Air di quarta generazione vanta questa scheda tecnica:

  • Display Liquid Retina da 10,9 pollici con 3,8 milioni di pixel, supporto per lo spazio colore P3 e TrueTone
  • Fotocamera posteriore da 12 MP (come l’iPad Pro) e fotocamera FaceTime da 7 MP
  • Touch ID che nasconde il sensore all’interno del pulsante in alto
  • USB-C, Wi-Fi 6, altoparlanti stereo, LTE
  • Supporta Apple Pencil 2, Magic Keyboard e Smart Keyboard Folio
  • L’ultimo processore A14 Bionic di Apple
  • Un anno gratuito di Apple TV con un acquisto di iPad Air

Con il suo schermo più grande, una fotocamera migliore e iOS 14, il nuovo iPad Air sembra destinato a fornire il tipo di prestazioni necessarie per svolgere attività ancora più complesse. Questo dovrebbe renderlo un eccellente secondo o terzo dispositivo per diversi lavoratori e una gradita aggiunta all’arsenale di qualsiasi smart worker. Dal punto di vista aziendale, questi iPad sembrano poi promettere più di ciò di cui si ha bisogno quando si tratta di sostituire i sistemi legacy con dispositivi mobili. Tuttavia, ciò che è veramente importante per la storia dell’azienda è il processore.

Il genio di Schrödinger

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Armati di un progetto di riferimento ARM, i team di sviluppo di chip di Apple hanno collaborato con il produttore TSMC per creare il primo chip a 5 nanometri al mondo all’interno di un dispositivo per il mercato di massa. L’A14 Bionic rappresenta un trionfo di ingegno che non è stato ancora eguagliato su larga scala da nessun altro. Per fare un confronto, il primo chip A4 sviluppato internamente da Apple è stato costruito su un processo a 45 nm, mentre il processore A13 utilizzato all’interno di iPhone 11 è un design a 7 nm. Sappiamo inoltre che TSMC si sta muovendo per produrre chip a 3 nm nel triennio 2022-2024.

Questi chip di nuovissima generazione promettono nuovi livelli di prestazioni, requisiti di alimentazione molto inferiori e molto probabilmente saranno anche all’interno dell’iPhone 12 e dei futuri Mac con SoC Apple Silicon. Ciò significa che quanto questi processori possono fare è importante non solo per l’iPad Air, ma per tutte le piattaforme Apple e quando le aziende migrano verso i dispositivi Apple, non è certo un fattore che passa in secondo piano.

Ecco alcune specifiche tecniche sull’A14 Bionic

  • Processo produttivo a 5 nm, che significa più transistor nello stesso spazio
    8 miliardi di transistor
  • Una nuova CPU a 6 core con quattro core ad alta efficienza e due ad alte prestazioni
  • Una CPU che offre un aumento del 40% delle prestazioni della CPU rispetto al chip A12 all’interno del precedente iPad Air
  • Una nuova architettura grafica a 4 core per un miglioramento del 30% della grafica rispetto al precedente iPad Air
  • Il doppio delle prestazioni di un laptop standard, il che lo rende un buon sistema per grafica e video
  • Un motore neurale a 16 core che è due volte più veloce di prima
  • Il motore neurale, progettato per il machine learning, può eseguire fino a 11 trilioni di operazioni al secondo
  • Acceleratori ML nella CPU che rendono i calcoli ML 10 volte più veloci del chip precedente
  • Fino a 10 ore di durata della batteria

Quando un confronto non è un confronto?

Vale la pena sottolineare che molti dei confronti di velocità effettuati da Apple sono riferiti al processore A12 dell’iPad Air di precedente generazione. Quindi come si confrontano i benchmark con l’attuale chip A13? Anandtech stima che l’A14 sarà circa il 16% più veloce dell’A13 Bionic, con un aumento dell’8,3% nelle prestazioni della GPU. “In altre aree Apple vanta salti di prestazioni più significativi come il nuovo motore neurale a 16 core che ora sfoggia fino a 11TOPs, che è oltre il doppio dei 5TOPs dell’A12 e l’83% in più rispetto ai 6TOPs stimati per l’A13.”

Tuttavia, vale la pena notare che Apple è in grado di modificare i suoi chip per sfruttare diversi componenti hardware. Pensiamo ad esempio all’A12. Questa famiglia di processori include infatti i chip A12Z Bionic e A12X Bionic utilizzati in diversi modelli di iPad Pro e l’A12 Bionic per l’iPad Air, l’iPad mini iPhone XS e XR. Uno sguardo a Geekbench mostra che la serie Z di quel chip offre punteggi di benchmark significativamente più alti rispetto agli altri.

Questo per dire che Apple potrà probabilmente spremere ulteriori prestazioni dal suo nuovo chip, a seconda del dispositivo che questo andrà ad alimentare. Possiamo supporre inoltre che più grande sarà il dispositivo, maggiore sarà la velocità che il chip potrà raggiungere man mano che la dissipazione del calore migliorerà.

Quello che non sappiamo (ancora)

Finora ogni nuovo processore top di gamma di Apple era stato annunciato in occasione dei nuovi iPhone. Il fatto che ciò non sia accaduto quest’anno riflette probabilmente una decisione presa in risposta al COVID-19 più di ogni altra cosa. Quello che non sappiamo (ancora) è se questo nuovo processore verrà implementato all’interno dei primi Mac Apple Silicon.

I sistemi Mac mini forniti fin qui agli sviluppatori hanno fornito prestazioni impressionanti utilizzando chip A12Z. Apple rimarrà con quel processore, opterà per l’A13 o migrerà i Mac direttamente alla nuovissima serie A14? Danneggerebbe la percezione pubblica dei prossimi Mac se Apple rifiutasse di dotarli del nuovissimo processore utilizzato su iPad e iPhone, o è un rischio che Apple è pronta a correre mentre cerca di definire i confini tra le sue varie famiglie di prodotti hardware?

Allo stesso tempo, per gli utenti aziendali, il fatto che i Mac stiano per diventare dispositivi all’avanguardia per applicazioni di machine learning, in un momento in cui gli utenti aziendali stanno facendo investimenti sempre più grandi nei sistemi di analisi dei dati, significa che il processore all’interno dell’iPad Air diventa molto (ma molto) appetibile anche in ottica Mac. Per non parlare del fatto che a questo prezzo iPad Air 4 sembra un utile strumento aziendale a sé stante.

AUTOREJonny Evans
FONTEComputerworld.com
Jonny Evans
Collaboratore di Computerworld.com Jonny è un freelance che scrive di tecnologia dal 1999, in particolare riguardo a Apple e la digital transformation. Cura su Computerworld.com il blog Apple Holic, con post a volte interessanti e a volte provocatori su tutto quel che succede a Cupertino. Le traduzioni dei suoi articoli appaiono su Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. Lo potete trovare su Twitter come @jonnyevans_cw