MateBook contro Surface Pro 4: chi vince la sfida?

I tablet ibridi Windows 10 di Huawei e Microsoft sono protagonisti di una prova comparativa per capire quale sia il migliore a livello di design, prestazioni e tastiera.

Il Surface Pro 4 di Microsoft è il risultato di anni di ricerca e di continui perfezionamenti dal primo modello uscito sul mercato nel 2012. Ora che il settore dei tablet ibridi con ha raggiunto un’importante quota di mercato, sempre più produttori vi ci sono buttati e, per capirlo, basta vedere i recenti prodotti di Apple (iPad Pro), Samsung (Galaxy Tab Pro S) e, più recentemente, anche Huawei con il suo MateBook disponibile in Italia a partire da 999 euro.

Un dispositivo sicuramente elegante e ben costruito anche se si tratta pur sempre del primo tablet ibrido di Huawei, produttore molto più conosciuto per i suoi smarthpone Android. Un “fattore gioventù” da non sottovalutare e anche per questo abbiamo voluto mettere a confronto il MateBook con il Surface Pro 4 (entrambi con Windows 10) per capire le differenze tra i due e per vedere se il device Microsoft, che ha quasi un anno sulle spalle, rappresenta ancora oggi una proposta valida e attuale.

Tastiera

La tastiera è un elemento fondamentale quando si parla di un tablet ibrido, ma sfortunatamente su questo versante il MateBook si è rivelato piuttosto debole. Sebbene il concept di una tastiera-dock-stand sia simile a quello di iPad Pro e del Galaxy Tab Pro S, il MateBook soffre di una soluzione costruttiva fragile e poco stabile, tanto che è fin troppo facile che il tablet scivoli al di fuori della dock con conseguenze non proprio piacevoli; inoltre i tasti sono posti troppo vicini tra loro e sembrano di fattura molto economica.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Tutt’altra storia invece per il Surface Pro 4, la cui tastiera non è stata progettata per sostenere il dispositivo. A questo pensa infatti un apposito supporto nella parte posteriore del tablet e si tratta di una soluzione molto più convincente a livello di stabilità rispetto al design “portfolio” del MateBook. Se poi aggiungiamo una fattura della tastiera migliore e tasti più comodi e separati, il Surface Pro 4 vince a mani basse questa importante sfida.

Il Surface Pro 4 di Microsoft
Il Surface Pro 4 di Microsoft

Porte

La quantità di porte di connessione potrà anche non essere un elemento fondamentale per un’utenza consumer, ma lo è (e parecchio) per una business-professionale. Con il MateBook Huawei ha deciso di scegliere la strada del Galaxy Tab Pro S, offrendo cioè una sola porta USB Type-C che funziona anche per la ricarica del dispositivo. Anche per questo Huawei ha messo in vendita una docking station esterna che aggiunge due porte USB 3.0, una porta VGA, un’uscita HDMI e un ulteriore USB Type-C. Si tratta però non solo di una soluzione scomoda (è sempre qualcosa in più da portarsi dietro), ma anche di un’ulteriore spesa (circa 100 euro).

Anche per il Surface Pro 4 esiste un’apposita dock di espansione, ma di suo il dispositivo offre già una porta USB 3.0, uno slot microSD e una mini DisplayPort. Quanto basta insomma per utilizzarlo in moltissime occasioni senza ricorrere a nessun accessorio esterno e, anche su questo versante, il device di Microsoft esce vincitore dalla sfida con il MateBook.

Il MateBook di Huawei
Il MateBook di Huawei

Prestazioni

Il MateBook è disponibile in due configurazioni a seconda del processore (Intel Core m3 o m5) e della RAM (4 o 8 GB), mentre il Surface Pro 4 offre ben sei diverse soluzioni, con la più costosa e potente equipaggiata con un Intel Core i7, 16 GB di RAM e SSD da 512 GB. Molto naturalmente dipende dal prezzo che si è disposti a spendere, ma anche andando sui modelli entry level, con circa 1000 euro ci si porta a casa un Surface Pro 4 con Intel Core i5 al posto del Core m3 del MateBook, che però, a differenza del Surface, ha già la tastiera compresa nel prezzo. In ogni caso chi cerca le massime prestazioni non può che scegliere il device Microsoft, anche se i prezzi per le configurazioni più potenti (fino a 2.499 euro) non sono certo alla portata di tutti.

Design

Già a prima vista il MateBook si presenta in modo più attraente rispetto al Surface Pro 4. È vero che entrambi godono di un design di alto livello con un solido chassis in alluminio, ma il device di Huawei ha dalla sua un design più moderno e ricercato. Su questo versante non ha certo aiutato il fatto che Microsoft abbia lasciato il design dei suoi Surface Pro pressoché inalterato nel corso degli anni, con il risultato che quasi a fine 2016 il Pro 4 appare un po’ superato a livello estetico. Il MateBook invece è un’opzione notevole anche per chi ama lo stile dell’iPad Pro ma che non vuole rinunciare a Windows 10.

Anche se andiamo a vedere spessore e peso, il MateBook vince la sfida. 640 grammi contro i 786 grammi del Surface Pro 4 a parità di display (entrambi da 12’’), mentre per lo spessore si va dai 6,9 mm del device Huawei agli 8,45 mm del Surface. Non che il design abbia un impatto fondamentale sulla scelta di uno o dell’altro device, ma se si è molto spesso in movimento peso e spessore possono iniziare a fare una certa differenza.