Come riportato nella news di pochi giorni fa, Microsoft cesserà a fine anno la produzione del Surface 3; un annuncio che ha sollevato una grande domanda da parte degli analisti, ovvero se ci sarà o meno un Surface 4. Per ora a Redmond tutti tacciono, ma visto che Microsoft si è detta soddisfatta delle vendite del Surface 3 un suo successore non dovrebbe essere scontato? Teoricamente sì, ma non va dimenticato che il mercato dei PC e dei tablet è profondamente mutato negli ultimi anni.

Gli aggiornamenti a nuovi modelli avvengono ormai in media ogni 5-6 anni e le vendite dei tablet, con l’unica eccezione dei convertibili, stanno calando sempre di più. Inoltre diversi produttori stanno proponendo device innovativi che potrebbero rappresentare già ora valide alternative a un ipotetico successore del Surface 3.

Secondo Bob O’Donnell, analista di Tirias Research, il Surface 4 avrebbe senso in quanto, dopo aver speso molti soldi per la produzione e la promozione del brand Surface, Microsoft dovrebbe continuare a mantenere una gamma entry-level di tablet Surface, in modo particolare per tutti quelli che non possono permettersi un Surface Pro 4. Ormai il nome Surface sta diventando sempre più importante e conosciuto e l’interesse verso i convertibili (o 2-in-1) sta crescendo a vista d’occhio.

Microsoft potrebbe non avere bisogno per forza di un Surface 4

Allo stesso tempo però O’Donnell ammette che diversi produttori stanno offrendo prodotti simili e quindi Microsoft potrebbe non avere bisogno per forza di un Surface 4. La pensa così anche l’analista di endpoint Technologies Associates Roger Kay, secondo il quale sarebbe una buona idea per Microsoft liberarsi del modello meno costoso della gamma Surface per focalizzarsi invece su prodotti di fascia alta. Con l’arrivo sul mercato dell’iPad Pro, ritenuto da molti come il vero antagonista del Surface Pro 4, Microsoft dovrebbe insomma concentrarsi esclusivamente sull’innovazione della gamma Pro.

Se poi si ragiona su che piattaforma hardware potrebbe essere basato un Surface 4, alcuni analisti propenderebbero per processori Pentium o Celeron della famiglia Apollo Lake, successori dei chip Atom Cherry Trail integrati nel Surface 3. La gamma Apollo Lake però è rivolta principalmente a tablet e 2-in-1 di fascia medio-bassa e ciò, considerando anche la tradizione dei Celeron come processori non proprio performanti, potrebbe scontentare diversi potenziali acquirenti di un Surface 4. Microsoft potrebbe anche puntare su processori Core M, che però sono utilizzati al momento sul Surface Pro 4 e che renderebbero un Surface 4 sicuramente meno economico del Surface 3.