Samsung Electronics produrrà i nuovi processori Snapdragon 820 di Qualcomm. La notizia alimenta le speculazioni sul fatto che i chip potrebbero essere integrati nella nuova linea di smartphone premium del gigante sudcoreano, permettendo a Qualcomm di recuperare gli affari persi.

La produzione di massa dei chip è già avviata, secondo quanto dichiarato oggi da Samsung. Per la produzione viene utilizzato il processo a 14 nanometri LPP (Low-Power Plus), impiegato anche per le realizzazione del processore Exynos 8 Octa di Samsung. La società ha aggiunto che il processore Qualcomm Snapdragon 820 dovrebbe essere nei dispositivi mobili nel primo semestre di quest’anno.

Samsung non ha rilasciato dichiarazioni sulla possibilità che il processore Snapdragon venga integrato nei propri dispositivi, tra i quali l’atteso Galaxy S7, che potrebbe essere annunciato al Mobile World Congress di Barcellona il mese prossimo.

Qualcomm ha dichiarato che si è sempre rivolta a diversi fornitori e continuerà a farlo. “La nostra decisione di scegliere una specifica tecnologia di processo si basa sulla sua capacità di raggiungere i nostri obiettivi di progettazione in merito a prestazioni, efficienza energetica e rendimento”, ha scritto via mail un portavoce dell’azienda.

Un accordo per la produzione dei chip non si traduce necessariamente nel loro impiego nel Samsung Galaxy S7”, ha dichiarato Patrick Moorhead, presidente e analista di Moor Insights & Strategy. Samsung gestisce le proprie attività tenendo separata l’attività mobile dalla produzione dei semiconduttori. “Pertanto, non credo che il fatto che il chip 820 sia realizzato da Samsung aumenti le probabilità che sia impiegato nel Galaxy S7“, ha aggiunto Moorhead.

Qualcomm ha perso parte delle sue entrate quando Samsung ha deciso di utilizzare il suo processore Exynos piuttosto che il chip Snapdragon 810 negli smartphone di punta Galaxy S6 e S6 edge. Ma le cose potrebbero cambiare, perché l’820 offre prestazioni migliori rispetto a Exynos. “Credo Samsung debba utilizzare l’820 per essere più competitiva con Apple. Il chip 820 raggiunge livelli di prestazioni per watt a cui Exynos non può aspirare”, secondo Moorhead.

Gli smartphone e altri dispositivi che utilizzano i chip realizzati con il nuovo processo 14nm LPP dovrebbero essere più efficienti e veloci. Samsung ha affermato che il suo nuovo processo 14nm LPP offre velocità fino al 15 per cento superiori e consumi energetici fino al 15 percento inferiori rispetto al precedente processo 14nm LPE (Low-Power Early), grazie ai miglioramenti nella struttura dei transistor e all’ottimizzazione dei processi.