iphone x

Domani 12 settembre Apple svelerà i nuovi iPhone e, quasi sicuramente, anche il nuovo Apple Watch e una nuova versione di Apple TV. L’attenzione maggiore è però incentrata sui melafonini e in modo particolare su quello che dovrebbe chiamarsi iPhone X, ovvero il modello top di gamma (e costosissimo) che conoscevamo fino a pochi giorni fa come iPhone 8, iPhone Edition e iPhone Pro.

Grazie ad alcuni dettagli emersi nelle ultime ore nel codice di iOS 11, che si sommano allo stillicidio di rumor che ha infestato il web nell’ultimo mese, possiamo già farci un’idea precisa su cosa aspettarci da iPhone X, che sarà comunque affiancato nella presentazione di domani da iPhone 8 e iPhone 8 Plus, ovvero i successori di iPhone 7 e 7 Plus.

Innanzitutto il design. iPhone X avrà un display OLED da 5,8’’ (il più grande mai visto su un melafonino), ma grazie alle cornici estremamente sottili dovrebbe trattarsi di uno smartphone più piccolo e comodo da tenere in mano rispetto all’iPhone 7 Plus. Anche l’OLED è una prima assoluta per un iPhone e Apple ha deciso di compiere questo importante passo abbandonando gli abituali display LCD-IPS e affidandosi per la fornitura a Samsung.

iphone x

 

 

Un display OLED ha diversi benefici rispetto a un LCD, primi tra tutti neri e contrasto migliori e un minor consumo energetico quando si visualizzano colori scuri. Per quanto riguarda invece il Touch ID per lo sblocco tramite impronta digitale, è ormai quasi certo che iPhone X vi rinuncerà (dopotutto mancherà il classico pulsante Home frontale). Al suo posto troveremo un sistema di riconoscimento facciale molto evoluto che sfrutterà una fotocamera 3D frontale.

Sotto il cofano di iPhone X dovremmo poi trovare il nuovo chip A11 Fusion, che secondo le ultime indiscrezioni dovrebbe utilizzare sei core, di cui quattro ad alte prestazioni e due per eseguire i task più semplici. Si parla anche di 3 GB di RAM e di prestazioni complessivamente molto più elevate di quelle già eccellenti di iPhone 7 Plus. Per lo storage si parla di tre tagli da 64, 128 e 256 GB, ma non stupiamoci se Apple optasse anche per uno da 512 GB vista l’esclusività del modello.

Sul versante fotografico è pressoché scontata la presenza di un doppio modulo posteriore posto in verticale, ma le specifiche dei due sensori non si conoscono ancora. Aspettiamoci però la registrazione video in 4K fino a 60 fps (contro i 30 fps di iPhone 7) e in Full HD a 240 fps contro i 60 fps di iPhone 7. La batteria dovrebbe essere leggermente più capiente di quella di iPhone 7 Plus e non dovrebbe mancare il supporto per la ricarica wireless, sebbene anche in questo caso manchino dettagli precisi.

iphone x

Infine prezzi e disponibilità. Per i primi si è continuato a parlare nei giorni scorsi di 999 dollari per il modello base (che diventerebbero sicuramente 1100-1200 euro), con un prezzo massimo che potrebbe toccare i 1200 dollari (1400-1500 euro). Per la disponibilità è ancora tutto molto incerto, anche perché la fornitura di display OLED è generalmente più difficoltosa rispetto a quella di schermi LCD-IPS e, se anche la data di uscita fosse molto vicina al 12 settembre, si tratterà molto probabilmente di una disponibilità inizialmente limitata.

WHITEPAPER GRATUITI