Quando cerchiamo informazioni da smartphone o da tablet siamo impazienti. Secondo Google, abbandoniamo un sito dopo solo tre secondi se non risponde velocemente alle nostre richieste. Per far fronte a queste esigenze, lo scorso ottobre Google ha lanciato l’Accelerated Mobile Pages Project (AMP), un’iniziativa open source alla quale collaborano altri operatori del settore e che ha lo scopo di per rendere più veloce il “web mobile”.

Il primo passo del progetto AMP è stato fatto questa settimana: Google ha infatti annunciato che segnalerà agli utenti le pagine web che sono state ottimizzate per essere più veloci su smartphone e tablet.

L’accesso alle informazioni è al centro della missione di Google”, ha scritto in un post David Besbris, vice president of engineering for search di Google. “Purtroppo, oggi il web mobile non è all’altezza delle aspettative degli utenti, in particolare per quanto riguarda la velocità. In realtà, i dati mostrano che le persone abbandonano i siti web dopo soli tre secondi, se il contenuto non si carica rapidamente, il che è un danno non solo per l’utente, che non ottiene ciò che vuole, ma anche per chi ha creato i contenuti”.

In poco più di quattro mesi, AMP ha percorso molta strada, con centinaia di editori, decine di aziende tecnologiche e imprese ad alta tecnologia che hanno partecipato a questa missione congiunta per migliorare il web mobile per tutti”, ha aggiunto Besbris. “E a partire da oggi, renderemo più facile trovare pagine web AMP nei risultati di ricerca sui dispositivi mobili”.

Quando un utente mobile cerca un particolare contenuto o un argomento su Google, nella parte superiore della pagina dei risultati compaiono le pagine web che utilizzano specifiche AMP.

Secondo Google, le pagine web ottimizzate sono, in media, quattro volte più veloci e usano dieci volte meno dati rispetto alle equivalenti pagine non-AMP.

Una vittoria per gli utenti, un avviso per le aziende

Dovrebbe essere una mossa che piace agli utenti di telefonia mobile, un mercato in continua crescita”, ha dichiarato Zeus Kerravala, analista di ZK Research. “Quando gli utenti cercano qualcosa vogliono un feedback immediato durante la navigazione, e se una pagina è lenta fanno clic su qualcos’altro”.

Il problema per le imprese che hanno delle pagine web è che, se non le hanno ancora ottimizzate per i dispositivi mobili o se non in procinto di farlo, potrebbero facilmente essere trascurate nei risultati di ricerca mobile di Google.

Il web mobile sarà il nuovo campo di battaglia per la leadership”, ha commentato Kerravala. “I siti che non sono ottimizzati per i cellulari diventeranno sempre meno utilizzati e diventeranno irrilevanti”.

Tuttavia, con sempre più persone che utilizzano i loro smartphone e tablet per la ricerca di informazioni, le imprese dovrebbero ottimizzare le loro pagine web il più presto possibile.

 

WHITEPAPER GRATUITI
  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper
    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0
    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale GDPR
    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper
    Computerworld Italia – Speciale Data Center
    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro