In questi giorni arrivano sul mercato i Galaxy S8 e S8+ di Samsung e molti analisti, viste le caratteristiche avanzate dei due modelli a livello di produttività e sicurezza, sono convinti che entrambi gli smartphone venderanno molto anche tra i clienti aziendali.

Secondo Bryan Bassett di IDC milioni di clienti enterprise acquisteranno uno dei due modelli, in parte perché dopo la debacle del Galaxy Note 7 (anch’esso incentrato molto sulla produttività) le aziende sono alla ricerca di uno strumento di lavoro altrettanto performante.

Jack Gold di J. Gold Associates stima che il 65% di tutti gli acquirenti di S8 e S8+ utilizzeranno questi nuovi top di gamma di Samsung anche per scopi legati al lavoro. Da notare che secondo una fonte citata da The Investor Samsung si aspetta di vendere 60 milioni di pezzi dei due nuovi modelli, contro i 52 milioni di Galaxy S7 e S7 Edge venduti finora.

galaxy s8

Dopotutto parliamo di due gioielli con un display di qualità eccellente, Android 7.0 Nougat, e prestazioni ai vertici del mercato, sebbene i prezzi rimangano impegnativi tra gli 829 euro del S8 e i 929 euro del S8+. Se è vero che molti acquisteranno uno dei due smartphone per l’effetto novità e per l’indubbio impatto estetico, non va trascurato il fattore legato alla sicurezza grazie soprattutto alla suite Knox 2.8, giunta a questa nuova versione dopo i continui miglioramenti apportati da Samsung negli ultimi tre anni.

Non ma caso Gold e Bassett ricordano come uno dei principali punti di forza di Knox agli occhi dei manager IT sia il fatto che è supportato da dozzine di piattaforme software EMM (Enterprise Mobility Management) tra cui AirWatch/VMware, Citrix, BlackBerry and MobileIron. Knox può essere usato anche per estendere la crittografia e altre forme di sicurezza alle app installate sul telefono.

Come già sappiamo inoltre, assieme ai due smartphone, Samsung porta sul mercato una piccola dock esterna chiamata DeX, che per circa 150 euro permette di trasformare il Galaxy S8 o 8+ in un vero e proprio desktop Android collegando a DeX un monitor via HDMI, un mouse e una tastiera (tramite USB o Bluetooth).

galaxy s8

Una soluzione di per sé non nuova (si pensi ad esempio a Continuum di Microsoft), ma che potrebbe spingere un’azienda a non acquistare un ulteriore laptop o un tablet per quei lavoratori che utilizzano molto lo smartphone, fornendo a essi solo un monitor e una dock DeX. A tutto il resto pensa il Galaxy S8.

Secondo Gold, che considera DeX come una sorta di alternativa a un Chromebook, questa dock esterna potrebbe essere acquistata da circa il 15% dei clienti enterprise intenzionati a comprare uno dei due smartphone.

L’analista Patrick Moorhead di Moor Insights & Strategy ha già messo le mani su DeX e, pur riconoscendo che non si tratta di una soluzione perfetta, ne ha apprezzato soprattutto la modularità e il concept di fondo. Inoltre, anche se al momento gli acquirenti occidentali del S8 non potranno usufruire al 100% delle feature dell’assistente virtuale Bixby, secondo gli analisti non si tratta di una mancanza significativa per molte aziende, anche perché solo temporanea.

Il successo a livello aziendale dei due nuovi Galaxy non impedirà agli iPhone di rimanere in testa alle preferenze dei clienti enterprise, ma subito dopo il melafonino ci sono proprio i Galaxy e questo secondo posto sarà ulteriormente rinforzato dalle vendite di S8 e S8+. Sempre naturalmente che non si ripeta il disastro del Note 7 a causa di una batteria difettosa o di altri gravi problemi hardware.