Con il Mobile World Congress di Barcellona ormai alle porte, prepariamoci alla solita ondata di novità su smartphone, tablet e dispositivi indossabili, ma saranno soprattutto i primi a catturare l’attenzione generale. E se Samsung ha già annunciato che per il Galaxy S8 organizzerà una presentazione apposita al di fuori del MWC, all’evento spagnolo sarà LG G6 a farla da padrone tra le novità degli smartphone Android di fascia alta. Ecco cosa sappiamo finora del nuovo top di gamma del produttore coreano.

Addio ai moduli

Lo scorso anno l’LG G5 si era fatto notare per il suo originale e avveniristico concept modulare, ma le vendite non sono state all’altezza e così per il G6 LG è voluta tornare alle origini abbandonando innanzitutto proprio il discorso dei moduli aggiuntivi. Il G6 sarà insomma uno smartphone tradizionale come il G4 e i modelli precedenti.

Display più grande

Se il G5 aveva un display relativamente “piccolo” per un top di gamma (5,3’’ per 2560×1440 pixel), LG G6 sarà un top di gamma caratterizzato da uno schermo LCD da 5,7’’ nell’inedito formato 18:9 (sarà insomma più lungo del solito). Una decisione che LG ha motivato con la maggior comodità che un display più alto che non largo porterà per sfruttare al meglio il multitasking dual-screen, una delle feature più rivelanti di Android 7 Nougat.

Il produttore coreano ha anche parlato di un display più sottile, più responsivo al tocco, più facile da vedere alla luce del sole e più efficiente sul versante energetico.

LG g6

La modularità del G5 non ha riscosso un grande successo

Corpo sinuoso

Dalle prime immagini ufficiose approdate in rete nei giorni scorsi, il G6 sembra davvero uno smartphone curatissimo a livello di look e di design. Le cornici sono infatti sempre più sottili, tanto che la superficie frontale dello smartphone sarà riempita al 90% dal display, lasciando quindi pochissimo spazio per tutto il resto.

Non dovrebbe comunque mancare il jack cuffie da 3,5mm e naturalmente ci sarà sufficiente spazio nella parte superiore per il modulo fotografico e gli altri sensori. Quello per le impronte digitali sarà comunque posto sul retro, mentre è pressoché scontata la presenza della porta USB-C.

Acqua? Niente paura

Sebbene manchino ancora conferme a tal proposito, molti rumor indicano, come una tra le feature principali del LG G6, l’impermeabilità, sebbene rimanga da scoprire di che tipo di certificazione si tratterà. Se ciò fosse confermato, il G6 non avrà più la batteria removibile a differenza dei suoi predecessori e ciò potrebbe deludere qualche fan di vecchia data. Batteria di cui non si conosce ancora la capienza, ma viste le dimensioni del display speriamo in un modulo da almeno 3500 mAh.

Doppia fotocamera

Il G5 integrava una doppia fotocamera posteriore formata da un modulo principale da 16MP e da uno grandangolare da 8 MP, che permetteva di scattare immagini con un angolo di visualizzazione massimo di 135°. A ciò si aggiungevano lo stabilizzatore ottico e l’apertura f/1.8. Un comparto imaging di alto livello che dovrebbe rimane tale anche nel G6, con le immagini prototipali viste finora che in effetti mostrano sul retro una doppia fotocamera.

lg g6

Ecco come dovrebbero essere la parte anteriore e posteriore del G6

Le caratteristiche precise non si conoscono ancora, ma è probabile che LG, come fatto recentemente da Apple con iPhone 7 Plus, proponga un sistema per scattare fotografie con sfondo sfocato e soggetto in primo piano (effetto Bokeh), puntando così sulla profondità di campo.

Hardware e sistema operativo

Se il Galaxy S8 di Samsung monterà quasi certamente il nuovissimo Snapdragon 835 di Qualcomm, l’LG 6 dovrà accontentarsi molto probabilmente di un SoC di passata generazione. Potrebbe trattarsi dello Snapdragon 821 già integrato nel Google Pixel e nel OnePlus 3T, un SoC molto potente e in grado di sfruttare la piattaforma Daydream VR di Google per la realtà virtuale. Pressoché scontata invece la presenza di Android 7 Nougat come sistema operativo.

Prezzo e disponibilità

Trattandosi di un top di gamma, il prezzo sarà certamente elevato (almeno al day one), anche se un recente report del Wall Street Journal parlava di una cifra compresa tra i 500 e i 600 dollari e quindi inferiore alla media. Nessuna notizia certa nemmeno sulla disponibilità, anche se è probabile che LG voglia anticipare il più possibile i tempi per evitare di far uscire il G6 in contemporanea con il Galaxy S8. Lo scontro, come è facile immaginare, sarebbe impari.