Prime impressioni sul Galaxy Fold: fattore wow, ma anche tanti dubbi

Alcuni giornalisti sono stati invitati da Samsung a provare con mano l’imminente smartphone pieghevole Galaxy Fold. Tanta la sorpresa, ma in pochissimi spenderebbero 2000 euro per comprarsene uno.

galaxy fold
Samsung Galaxy Fold

Tra poco più di due settimane (esattamente dal 3 maggio) potrete entrare in un negozio (o fare tutto online) e acquistare un Galaxy Fold per il prezzo strabiliante di 2000 euro (non si conoscono ancora i piani rateali dei vari operatori). Già ora però sappiamo un po’ di più su quello che vi porterete a casa spendendo così tanti soldi e potrebbe essere difficile per alcune persone superare l’effetto “piega” di cui parliamo più avanti.

Samsung ha infatti permesso a un gruppo di giornalisti di provare in esclusiva il Galaxy Fold e le impressioni sono state abbastanza unanimi: questo smartphone pieghevole è sicuramente “cool” ma non privo di difetti. I giornalisti se ne sono andati dalla presentazione sinceramente impressionati dal dispositivo come prodotto di prima generazione, con Brian Heater di TechCrunch che lo ha definito “un primo approccio piuttosto solido al nuovo paradigma dello smartphone” e Jessica Dolcourt di CNET che ha affermato che il Fold “è uno smartphone solido e sorprendentemente premium.”

Tuttavia, è tutt’altro che perfetto e la piega verticale nel mezzo ha raccolto la maggior parte delle critiche. Per esempio, Geoffrey A. Fowler del Washington Post ha detto che, mentre alla fine è riuscito a “fare pace con la piega”, l’ha confrontata con quella molto visibile su un paio di pantaloni. Dieter Bohn di The Verge ha avuto un’esperienza simile, dicendo che “potete vedere la piega da un angolo, ma scompare quasi del tutto quando guardate lo smartphone frontalmente”.

Tuttavia, anche se si è adeguato dopo poco tempo, anche Bohn ha notato che poteva “avvertire la presenza della piega, il che è un po’ sconcertante”. Lo stesso Dolcourt ha affermato che poteva “sentire il meccanismo della cerniera sottostante” mentre premeva sullo schermo, ma in realtà non lo notava quando “strisciava leggermente il sito su di esso”.

Tuttavia, come scrive Fowler, la piega “non intralcia il modo di leggere un articolo o guardare un video e per lo più scompare quando lo schermo è illuminato”. La tacca (o notch), d’altra parte, è un’altra storia, anche perché è davvero invasiva rispetto a qualsiasi altro smartphone. Bohn ha detto che a volte la tacca “si intromette“, rilevando che i video di YouTube a schermo intero vengono “tagliati” da questo grande notch.

Tuttavia, Samsung ha prestato molta attenzione al modo in cui il sistema operativo funziona su Fold. È infatti possibile aprire tre app contemporaneamente, ma il supporto è limitato per la nuova interfaccia utente. Anche le app ottimizzate per il Fold, come Netflix, possono essere problematiche, come ha sottolineato Fowler quando ha provato ad aprire un’app insieme a Netflix e questa si è aperta “direttamente nel mezzo dello schermo”. Bohn ha comunque definito il software “sorprendentemente accettabile”, data la lunga storia di problemi di Android con la frammentazione dell’interfaccia utente.

Samsung ha anche rivelato di più sulle specifiche del Galaxy Fold, che è simile al Galaxy S10+:

  • Processore: Snapdragon 855
  • RAM: 12 GB
  • Memoria: 512 GB
  • Fotocamere anteriori: profondità 3D 10MP + 8MP
  • Fotocamere posteriori: 12 MP di larghezza + 16 MP ultra wide + teleobiettivo da 12 megapixel
  • Batteria: 4,380 mAh

Dal punto di vista del design Fold risulta più un tablet pieghevole che non uno smartphone secondo queste prime impressioni. A 260 grammi è più pesante della maggior parte degli smartphone in commercio e, con lo spessore di due smartphone, avrete bisogno di una tasca più spaziosa del solito. Tuttavia, Heater ha notato che è “sorprendentemente sottile” quando è aperto e Lauren Goode di Wired è stata in grado di usarlo con una mano da aperto (in questo caso parliamo di un display da 7,3 pollici), anche se “probabilmente non mi andrebbe di usarlo così per molto tempo visto anche il peso”.

Parlando della modalità tablet, è proprio qui che il Galaxy Fold impressiona di più. Come scrive Goode, la cerniera di Samsung è eccellente sul Fold ed è anche la sua migliore caratteristica: “Aprire il Galaxy Fold è la parte più “wow” dell’intero prodotto e il tutto funziona in modo fluido e naturale”.

E questo è fondamentalmente il motivo per cui molti sarebbero disposti a sborsare 2000 euro per il privilegio di possedere il Fold. Mentre tutti i giornalisti sono rimasti più o meno colpiti da questo smartphone pieghevole, nessuno vorrebbe comprarne uno, anche con un paio di Galaxy Buds e un astuccio di kevlar nella scatola. Come Bohn ha riassunto: “Ci sono ancora molti motivi per storcere il naso di fronte al Galaxy Fold, soprattutto se pensiamo al prezzo”.