Il sistema di pagamento mobile Samsung mobile finora era supportato solo dai modelli di punta Galaxy Note 5 e Galaxy S6. Ma dal 2016 le cose cambieranno: Thomas Ko, global co-general manager di Samsung Pay, ha dichiarato a Reuters che il sistema di pagamento sarà supportato anche dagli smartphone di fascia bassa e che il servizio sarà ampliato, permettendo di effettuare i pagamenti online.

Samsung chiaramente punta sulla sua ubiquità per spingere Samsung Pay: Ko sostiene che il portafoglio mobile è accettato in molti più luoghi rispetto ai suoi rivali (ovvero Android Pay ed Apple Pay), grazie alla sua compatibilità con i terminali di pagamento più datati, oltre ai modelli più moderni abilitati alla tecnologia NFC. I pagamenti online, nel frattempo, trasformeranno il servizio in un rivale di PayPal.

Il tempo ci dirà se la soluzione sviluppata da Samsung può davvero competere con i sistemi di pagamento mobile di Apple e Google. In ogni caso, il supporto di una gamma più ampia di telefoni e l’estensione delle opzioni di pagamento sono una buona notizia per gli utenti di Samsung Pay.