La rivoluzione di BlackBerry si chiama Venice?

BlackBerry sarebbe pronta a immettere sul mercato un nuovo smartphone con sistema operativo Android e un mix di tradizione e innovazione.

Va precisato che tutto quanto leggerete in questa notizia non è stato confermato in via ufficiale da BlackBerry e che si tratta di indiscrezioni riportate sul web dall’insider Evan Blass, i cui leak in passato si sono però spesso rivelati esatti. Il rumor scovato da Blass, con tanto di prime immagini, si riferisce a un nuovo smartphone che BlackBerry potrebbe rilasciare inizialmente sul mercato americano già a novembre, affidandone la vendita ai quattro principali operatori telefonici USA (Verizon, At&T, T-Mobile e Sprint).

Fin qui non ci sarebbe nulla di strano, ma la cosa interessante e per molti versi rivoluzionaria è che BlackBerry Venice (questo il nome del device indicato da Blass) abbandonerà il sistema operativo BlackBerry OS per passare ad Android. Una salto di sponda davvero inatteso, al quale si sommerebbero caratteristiche hardware e di design altrettanto curiose e inaspettate.

Blackberry-Venice-foto-ardroid.com_

Sempre secondo questi rumor BlackBerry Venice avrà infatti un display da 5,4’’ con risoluzione di 2560×1440 pixel e design ricurvo su entrambi i lati proprio come il Galaxy S6 Edge di Samsung, oltre a una tastiera fisica QWERTY (da sempre untrademark del produttore canadese) sotto forma di slider. Si parla anche di processore Snapdragon 808 e di 3 GB di RAM, ovvero di specifiche tecniche che farebbero di Venice lo smartphone più potente mai prodotto da BlackBerry.

A livello software, a parte tutto l’ecosistema di app di Android al quale BlackBerry (così come Windows Phone) non è mai riuscita a contrapporsi in modo serio, dovremmo trovare anche soluzioni targate BlackBerry come un hub centrale dal quale accedere a email e messaggi e diversi strumenti per la sicurezza, altro versante sul quale il produttore canadese ha sempre insistito molto.

Resta da capire insomma se con Venice BlackBerry voglia avvicinarsi al mercato consumer (ma sarebbe un azzardo non da poco visti i tempi e gli attori in campo), oppure se voglia continuare sulla tradizione di un dispositivo orientato al business e alla produttività, con le uniche differenze di Android, dell’hardware da top di gamma e del design così particolare e ricercato.