Due giorni fa, nel corso della WWDC 2015 di San Francisco, Apple ha promesso che l’aggiornamento a iOS 9 non sarà problematico come quello a iOS 8 dello scorso anno, quando i possessori di iPhone e iPad con poco storage libero a disposizione hanno avuto diversi problemi a fare l’upgrade al nuovo sistema operativo.

Dal palco di San Francisco Craig Federighi, a capo dello sviluppo di OS X e iOS, ha infatti dichiarato che per eseguire l’aggiornamento a iOS 9 non saranno più necessari i quasi 5 GB di iOS 8, ma che basteranno poco meno di 2 GB.

Un “restringimento” di oltre il 70% che dovrebbe eliminare o comunque mitigare i problemi di spazio verificatisi nel 2014, quando diversi utenti erano stati costretti a cancellare dati o applicazioni per fare posto al corposo aggiornamento di iOS 8, che in certi casi poteva richiedere una volta installato fino a 7 GB di spazio libero.

A dire il vero c’era un modo per evitare tutti i problemi di storage collegando l’iPhone o l’iPad a un PC o a un Mac con installata l’ultima versione di iTunes, ma molti utenti non sapevano nemmeno che questa opzione fosse disponibile visto che la stessa Apple, a partire dal 2011, ha spinto soprattutto sugli aggiornamenti OTA (over the air) direttamente dal device.

La questione dello spazio richiesto e il tanto vituperato bug in iOS 8.0.1, che ha causato problemi di connettività e di linea su molti iPhone, hanno contribuito, in modo forse determinante, alla lenta e problematica diffusione di iOS 8, che almeno inizialmente è stato installato su molti meno device del previsto.

Le cose sono poi migliorate con il passare dei mesi, ma iOS 8 è comunque rimasto indietro rispetto a iOS 7. Secondo la società di analisi mobile Mixpanel, a inizio giugno iOS 8 era installato su circa l’87% di tutti gli iPhone e gli iPad, mentre iOS 7 nello stesso periodo del 2014 aveva raggiunto il 92% di diffusione.

Apple insomma spera di fare meglio con iOS 9 iniziando proprio dal processo di installazione più rapido e indolore. Il nuovo sistema operativo mobile di Cupertino sarà disponibile in autunno (molto probabilmente a metà settembre) mentre una beta pubblica arriverà a luglio.