Perché Apple ha scelto lo standard HEIF per le immagini

L’aggiornamento iOS 11 introduce il formato immagine HEIF. Quali vantaggi offre rispetto al JPEG? Ecco tutto quello che c’è da sapere

ios 11

Apple ha annunciato che nel prossimo aggiornamento iOS 11 sostituirà i file JPEG con il nuovo formato immagine HEIF. Molti si chiedono perché Apple ha deciso di abbandonare il diffuso standard JPEG e cosa offre in più l’HEIF. Ecco le risposte.

HEIF è l’acronimo di High Efficiency Image Format. Come suggerisce il nome, è un modo più semplice per archiviare i file immagine. Grazie ad avanzati metodi di compressione consente di creare fotografie digitali in file di dimensioni ridotte, mantenendo comunque una qualità dell’immagine superiore rispetto alla versione JPEG.

L’HEIF si basa sul formato video HEVC (High Efficiency Video Compression) o H.265 già utilizzato sui nuovi iPhone. Lo standard HEIF non è un’invenzione di Apple, ma è stato sviluppato dal gruppo MPEG, a cui si deve anche il formato AAC utilizzato in iTunes.

Tecnicamente, l’HEIF non è un vero e proprio formato, ma piuttosto un “contenitore” per immagini e audio. Apple ha spiegato che utilizzerà l’HEIF per memorizzare immagini codificate con il formato video HVEC (H.265). Il procedimento funzionerà particolarmente bene con Live Photos, in quanto è possibile salvare diverse immagini nel contenitore HEIF. Lo stesso dovrebbe valere per le immagini acquisite con la fotocamera doppia dell’iPhone 7 Plus e dell’atteso iPhone 8.

Quali sono i vantaggi dell’HEIF rispetto al JPEG?

Il JPEG si è affermato come lo standard privilegiato per le immagini online ed è stato utilizzato per un quarto di secolo, ma i tempi stanno cambiando. Sostituire il formato JPEG con l’HEIF significa che le fotografie scattate con iPhone o iPad occuperanno molto meno spazio sulla memoria interna.

Questa è una buona notizia, poiché la qualità crescente di immagini e video (con i video 4K che stanno diventando quasi standard) significa che gli utenti devono costantemente controllare quanto spazio rimane sui loro dispositivi. L’adozione dell’HEIF da parte di Apple permetterà di ridurre questo problema.

Il gruppo MPEG sostiene che, grazie alle tecniche di compressione impiegate dal nuovo standard, un’immagine HEIF può memorizzare il doppio delle informazioni rispetto a un’immagine JPEG della stessa dimensione.

Quindi gli utenti potranno memorizzare immagini di qualità pari a quella attuale, ma occupando metà dello spazio. O, in alternativa, mantenere le stesse dimensioni delle immagini, ma con una qualità superiore dell’attuale.

Sarà possibile condividere le immagini con utenti non-iPhone?

Recentemente, Apple ha rivelato che gli utenti di iPhone scattano ogni anno più di mille miliardi di fotografie, un numero abbastanza sconcertante. Ciò nonostante, la verità è che gli utenti web e Android sono ancora la maggioranza. Gli utenti di iOS 11 potranno quindi convertire le immagini in formato JPEG se desiderano condividerle con utenti che non utilizzano l’iPhone o pubblicarle sui siti di social media.

Apple non potrà imporre immediatamente l’HEIF, ma in un’epoca in cui lo spazio di archiviazione è sempre più prezioso, auspichiamo che il nuovo formato venga adottato anche da altri produttori.

 

VIAMartyn Casserly
FONTEMacworld U.K.
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.