Una delle preoccupazioni che Microsoft ha sempre nutrito nei confronti di Windows Phone è stata quella della scarsità di app su Windows Store, ma ieri, nel corso di Build 2015, il colosso di Redmond ha compiuto un deciso cambio di rotta per risolvere questa situazione.

Gli sviluppatori di app per iOS e Android potranno infatti portare le loro applicazioni su Windows 10, il prossimo sistema operativo di Microsoft progettato per funzionare su smartphone, tablet, laptop e desktop che sarà disponibile nel periodo estivo, mentre la versione per smartphone arriverà più avanti (si parla di fine 2015).

Microsoft ha infatti promesso che grazie a quattro nuovi SDK gli sviluppatori di app per iOS e Android potranno portare i loro codici su Windows Store con modifiche minime. Se infatti il codice base rimarrà quello originale (iOS o Android), gli sviluppatori potranno integrarlo con la nuova Universal Windows Platform e distribuire le app avvalendosi del Windows Store.

Leggi anche: Build 2015: con Microsoft Continuum lo smartphone diventa PC

Giusto per fare un esempio, il popolare videogioco Candy Crush Saga è stato portato su Windows Phone con minime modifiche del codice originale in Objective C e, sempre parlando della Universal Windows Platform, Microsoft ha annunciato che questa piattaforma permetterà alle app di diventare veri e propri ologrammi grazie al visore HoloLens.

La possibilità di portare su Windows Store app Android e iOS con il minimo sforzo potrebbe aiutare moltissimo Microsoft ad accrescere la sua penetrazione nel mercato mobile

Già a marzo Microsoft aveva anticipato questa svolta riferendosi però solo ad Android, mentre ieri l’annuncio ha riguardato anche iOS. Non è difficile capire cosa ci sia dietro a questa decisione di Redmond. Lo ha detto chiaramente Terry Myerson di Microsoft: “Abbiamo in mente questo grande progetto per permettervi di sviluppare facilmente su Windows 10. Il nostro obiettivo è rendere Windows 10 la piattaforma di sviluppo più attrattiva di sempre e prevediamo che nei prossimi due-tre anni i dispositivi con Windows 10 in tutto il mondo saranno un miliardo”.

La possibilità di portare su Windows Store app Android e iOS con il minimo sforzo potrebbe aiutare moltissimo Microsoft ad accrescere la sua penetrazione nel mercato mobile, ma diversi analisti prevedono tempi piuttosto lunghi perché ciò si avveri. Secondo gli ultimi dati di IDC la percentuale di smartphone Android a livello mondiale è infatti del 81%, quella di iOS del 15% e quella di Windows Phone solo del 3%.

Leggi anche: Build 2015: tutto sulla conferenza per sviluppatori Microsoft

“Questa mossa è molto importante per Microsoft, ma ci vorranno anni perché l’arrivo di app iOS e Android su Windows 10 possa fare la differenza e migliorare in modo significativo la percentuale di Microsoft nel mercato mobile. Inoltre l’aumento delle app sul Windows Store, sebbene sia da considerarsi come un elemento positivo, non basterà da solo a convincere gli utenti ad acquistare uno smartphone Windows. Per riuscire in questa difficile impresa, Microsoft deve infatti creare anche un’esperienza mobile diversa dalla concorrenza”, ha affermato l’analista di Moor Insights & Strategy Patrick Moorhead.