Subisce ritardi il Project Astoria di Microsoft, lo strumento che permette agli sviluppatori di “portare” le loro applicazioni Android su Windows 10 Mobile. Secondo alcuni fonti il progetto potrebbe sospeso del tutto, ma su questo Microsoft non si è sbilanciata.

Ci stiamo impegnando per offrire agli sviluppatori diverse opzioni per portare le loro app sulla piattaforma Windows … Astoria non è ancora pronto”, ha dichiarato Microsoft in una nota inviata a diversi siti di notizie, tra i quali Windows Central.

Astoria è parte di un più ampio piano di Microsoft per colmare il cosiddetto “app gap” che esiste tra i dispositivi mobili Windows e i suoi due più grandi rivali, Android e iOS. Per queste due piattaforme sono disponibili migliaia di app, attivamente mantenute e di alta qualità. Windows, invece, resta indietro in termini di app di alto livello, e gli aggiornamenti di quelle disponibili sono poco frequenti.

Microsoft sperava di cambiare la situazione con gli strumenti soprannominati “bridge” per il porting di applicazioni Android, iOS e web a Windows 10. L’idea era permettere agli sviluppatori di rendere disponibili le loro applicazioni per Windows Phone con modifiche minime al codice di base.

I “bridge” sono il modo più realistico per Microsoft per rinforzare rapidamente la selezione di app per i prossimi dispositivi mobili Windows 10. Senza l’ecosistema di applicazioni di terze parti sarà infatti difficile convincere gli utenti di Windows a provare i nuovi dispositivi Lumia che saranno in vendita a breve.

Il bridge per iOS

Lo strumento di porting iOS di Microsoft, chiamato Project Islandwood, è invece già disponibile. Richiede un certo impegno da parte degli sviluppatori, che devono apportare modifiche al proprio codice e ricompilare l’applicazione. Tuttavia, il processo è molto più veloce che partire da zero.