Google ha annunciato di aver intrapreso una nuova iniziativa a livello di messaggistica, spostando ingegneri dal team di Allo a quello di una nuova app chiamata semplicemente Google Chat. Come originariamente riportato da The Verge, Google Chat è un nome “consumer e user-friendly” per indicare Rich Communication Services (RCS), un nuovo standard che Google spera soppianterà gli SMS.

Una volta abilitato, questo standard promette di consentire funzionalità di messaggistica più ricche e multimediali già presenti in altre app come iMessage e WhatsApp. Parliamo ad esempio di funzioni come le conferme di lettura, gli indicatori di digitazione, l’integrazione di Google Assistant, immagini e video ad alta risoluzione e creazione di gruppi.

È importante sottolineare che RCS è concepito come uno standard basato su carrier, non solo su Google. Per questo la grande G afferma di aver già ottenuto l’ok da parte di 55 operatori, 11 OEM e di Microsoft, un dettaglio che potrebbe indicare un futuro sbarco di RCS su Windows 10. In questa fase la più grande assenza qui rimane quella di Apple. Detto questo, le fonti che hanno parlato ai microfoni di The Verge affermano che Cupertino sta in realtà discutendo con Google in merito al supporto di RCS.

google chat

Google afferma che RCS verrà automaticamente abilitato all’interno dell’app Messaggi di Android. Quindi, se il vostro operatore supporta questo standard, i messaggi di testo inviati utilizzando l’app di messaggistica predefinita di Android verranno automaticamente inviati come messaggi RCS.

Se la persona a cui state inviando un messaggio ha un dispositivo e un operatore compatibili con RCS, riceveranno il messaggio proprio come se fosse un testo normale. Se non hanno un operatore o un device compatibile, saranno comunque in grado di ricevere i messaggi RCS, che però saranno automaticamente e perfettamente convertiti in un SMS tradizionale.

The Verge fa notare inoltre che RCS non offrirà la crittografia end-to-end presente nei servizi di messaggistica come Signal o anche iMessage. Aspettiamoci comunque più informazioni e notizie su Chat alla conferenza I/O di Google il mese prossimo.