Red Hat e Samsung promuovono l’adozione del 5G per i service provider

Red Hat e Samsung propongono una soluzione di rete 5G open source end-to-end basata su Red Hat OpenShift con lo scopo di aiutare i service provider ad affrontare applicazioni e casi d'uso 5G complessi.

reti 5g

Red Hat ha annunciato una collaborazione con Samsung mirata a fornire una soluzione di rete 5G costruita sulla piattaforma Kubernetes enterprise Red Hat OpenShift con lo scopo di aiutare i service provider a rendere il 5G una realtà su molti casi d’uso, tra cui 5G core, edge computing, IoT, machine learning e altri ancora.

Per i fornitori di servizi di telecomunicazione è importante adottare una piattaforma orizzontale coerente e cloud-native stabilizzata per i loro ambienti. Questo cloud telco consente loro di utilizzare la stessa infrastruttura per più casi d’uso, riducendo spese di gestione e operative. Secondo un report di ACG Research promosso da Red Hat, l’utilizzo di piattaforme orizzontali open può ridurre il Total Cost Ownership (TCO) fino al 30% rispetto a implementazioni verticali integrate di reti accesso radio virtualizzate (vRAN). Con questo approccio orizzontale, i clienti ottengono maggiore libertà di scelta e un servizio migliore.

Questa collaborazione sarà basata sul portfolio hybrid cloud di Red Hat, che comprende Red Hat OpenShift, Red Hat OpenStack Platform, Red Hat Enterprise Linux, Red Hat Ansible Automation Platform e Red Hat OpenShift Container Storage. La collaborazione farà anche uso di servizi Samsung quali 5G vRAN, vCore, MEC e management e analytics per aiutare i service provider ad estendere i casi d’uso basati su 5G, come l’edge computing, che possono avere impatto positivo sull’esperienza del cliente.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

idc

Con questa soluzione, i service provider saranno in grado di capitalizzare i vantaggi portati dall’utilizzo di edge e vRAN. Il report di ACG ha rilevato che l’utilizzo di un’infrastruttura orizzontale 5G comune sia sul core che sul’edge può consentire agli operatori di estendere i vantaggi di TCO che ottengono sui progetti orizzontali a tutta la loro infrastruttura. Inoltre, l’implementazione di cloud orizzontali nei siti vRAN consente agli operatori di supportare nuove applicazioni e servizi basati sulla geolocalizzazone, sulla ridotta latenza e sulla scalabilità ottenibile in un cloud distribuito.

Funzioni di rete containerizzate (CNF) e funzioni di rete virtualizzate (VNF) forniscono un percorso di trasformazione per le moderne telco, portando ad una maggiore flessibilità del servizio e ad un meccanismo di erogazione più veloce per le nuove offerte. Per questo, Samsung ha ottenuto la certificazione VNF da parte di Red Hat e prevede di ottenere una certificazione CNF completa. Questo è il più elevato standard per le funzioni di rete mission-critical su Red Hat OpenShift e verifica che i vendor CNF con workload critici oggi possano preparare efficacemente le loro applicazioni per un futuro cloud-native in produzione su Red Hat OpenShift. I clienti possono ottenere più rapidamente tutte le funzionalità 5G ed edge computing con soluzioni certificate.

“Costruendo reti 5G, i service provider pongono le basi una prossima ondata di innovazione che interesserà ogni settore” dichiara Chris Wright, senior vice president and chief technology officer di Red Hat. “Dall’aiutare le aziende nelle soluzioni edge computing fino a garantire che le imprese possano implementare con successo applicazioni di intelligenza artificiale e machine learning, ci aspettiamo che questi servizi siano costruiti su un’infrastruttura collaudata e cloud-native. Siamo particolarmente soddisfatti di lavorare insieme Samsung alla realizzazione di questa soluzione Kubernetes-driven, per aiutare i service provider e i loro clienti a concentrarsi su casi d’uso complessi e competitivi, che riguardino l’intera impresa in ogni settore”.