Investimenti nel 5G: quasi 7 miliardi di euro di gap tra Europa e USA

Da un nuovo studio emerge una significativa differenza tra Europa e Stati Uniti in termini di finanziamento di capitale di rischio per l'ecosistema dell'innovazione 5G compresa tra 4,6 e 6,6 miliardi di euro all'anno.

5g

L’accelerazione dell’implementazione dell’infrastruttura 5G è diventata un campo di battaglia chiave in una più ampia lotta per il controllo delle industrie del futuro. Allo stesso tempo, la corsa per costruire reti 5G e raccogliere i vantaggi significativi che offrono a tutti gli attori economici ha acquisito urgenza alla luce dell’intensificata digitalizzazione innescata dalla pandemia. L’Europa, tuttavia, rischia di restare indietro rispetto ai suoi concorrenti globali.

In questo contesto, un nuovo studio della Banca europea per gli investimenti (BEI) e della Commissione Europea (nell’ambito del loro programma congiunto InnovFin Advisory) evidenzia che l’Europa deve aumentare in modo significativo gli investimenti in iniziative 5G per liberare il pieno potenziale di questa tecnologia.

Il quadro che emerge da questo studio congiunto è quello di una significativa differenza tra Europa e Stati Uniti in termini di finanziamento di capitale di rischio per l’ecosistema dell’innovazione 5G compresa tra 4,6 e 6,6 miliardi di euro all’anno. Questo gap di investimenti rappresenta una sfida importante per la rapida evoluzione del 5G in Europa, che rischia di restare indietro nella corsa alla leadership del 5G nell’incerto contesto di ripresa dalla pandemia.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Il 5G è un motore chiave per promuovere la competitività, l’innovazione e la crescita economica dell’Europa, garantendo al contempo l’autonomia digitale strategica del nostro continente.

cloud ibrido

È quindi di fondamentale importanza per l’Europa aumentare in modo significativo gli investimenti nell’ecosistema delle innovazioni 5G e delle innovazioni digitali al fine di mantenere una posizione di forza nella corsa tecnologica globale al 5G. Lo studio suggerisce che l’aumento degli investimenti azionari nelle fasi iniziali e di crescita delle startup digitali sarà la chiave per l’ulteriore sviluppo e l’adozione delle tecnologie 5G.

“Le piccole imprese in particolare trarranno vantaggio dalla transizione alla tecnologia 5G. Dobbiamo sfruttare l’agilità e la creatività delle imprese più piccole, per assicurarci che l’Europa non perda le possibilità e i nuovi percorsi di crescita che il 5G ha da offrire” ha affermato Teresa Czerwińska, Vicepresidente della BEI responsabile per l’Innovazione e il digitale Economia. “In qualità di istituzione finanziaria internazionale con il più ampio portafoglio di digitalizzazione, il Gruppo BEI è pronto a lavorare a stretto contatto con tutte le parti interessate per fornire il capitale e la consulenza necessari per aiutare l’UE a realizzare il pieno potenziale delle innovazioni 5G”.

L’evidenza empirica dello studio dimostra la sfida di supportare l’ampliamento di innovatori leader e garantire che possano crescere in Europa. Una raccomandazione chiave è quella di allocare capitale pubblico sufficiente attraverso i bilanci nazionali e i programmi dell’UE, come il Fondo per la ripresa e la resilienza e InvestEU, all’ecosistema 5G per catalizzare ulteriori investimenti del settore privato. Gli investimenti del settore pubblico saranno più efficaci se supportati da una strategia per il mercato unico condivisa, promuovendo l’omogeneità e la standardizzazione in tutto il continente.

Una strategia di finanziamento 5G a livello dell’UE dovrebbe mirare a massimizzare le sinergie tra i notevoli investimenti dal lato dell’offerta e gli investimenti dal lato della domanda in nuovi servizi e soluzioni innescati dalla connettività 5G. Infine, lo studio mostra una mancanza di consapevolezza tra le PMI e le startup riguardo alle opzioni di finanziamento disponibili per le iniziative 5G in Europa. La Commissione europea esaminerà ora i risultati e le raccomandazioni quando valuterà i passi futuri per affrontare le sfide individuate e creare opportunità per il capitale di rischio per il 5G in Europa.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!