5G

5G: cos’è la nuova generazione di reti cellulari e come cambierà le aziende

5g

Con le prime reti previste già entro la fine del prossimo anno, la rivoluzione promessa dal 5G sta arrivando prima del previsto. Ma cos’è esattamente il 5G e come cambierà lo scenario tecnologico globale?

Il 5G è la quinta generazione di reti wireless a banda larga. Per dirla in modo un po’ più approssimativo, è il tipo di connettività di nuova generazione che collegherà il vostro smartphone e altri dispositivi intelligenti a Internet quando non utilizzate il Wi-Fi. Il 5G sarà in grado di raggiungere velocità molto più elevate di quelle del 4G (e naturalmente del 3G) e troverà quindi posto non solo sugli smartphone futuri, ma anche su prodotti che richiedono una notevole trasmissione di dati ad alta velocità e molta meno latenza rispetto a quanto possa oggi assicurare la connettività 4G.

Perché il 5G è così importante?

Laddove il 4G-LTE consentiva agli utenti mobile di navigare in modo molto efficace sul web, il 5G punta a portare tutto ciò a livelli mai visti prima. In parole povere il 5G promette di offrire una copertura del segnale radio migliore e velocità significativamente più elevate e consentirà la produzione di dispositivi più responsivi che potranno rimanere quasi costantemente connessi l’uno con l’altro.

Quanto più veloce è il 5G rispetto al 4G?

Si prevede che il 5G offrirà velocità di trasmissione dati fino a 50 o 100 volte maggiori rispetto a quelle delle attuali reti 4G. Mentre il il 4G-LTE offre attualmente una capacità di trasmissione massima (e teorica) fino a circa 1Gbps, la maggior parte degli utenti raggiunge una media di soli 33.76 Mbps. In confronto, quando saranno disponibili, le reti 5G dovrebbero fornire velocità fino a dieci gigabyte al secondo. Anche se si parla di picchi teorici e le velocità effettive di tutti i giorni saranno di gran lunga inferiori, il 5G rappresenterà comunque un enorme balzo in avanti in termini di velocità. Un rapporto pubblicato da GSMA nel 2014 intitolato Understanding 5G: Perspectives on future technological advancements in mobile [PDF] ha evidenziato otto criteri che una connessione 5G dovrebbe soddisfare:

  • Connessioni da 1 a 10 Gbps agli end point sul campo
  • Ritardo end-to-end di 1 millesimo di secondo
  • 1000x di larghezza di banda per unità di area
  • Da 10 a 100x dispositivi collegati
  • Percezione di disponibilità del 99,999%
  • Percezione di copertura del 100%
  • 90% di riduzione nell’uso di energia della rete
  • Durata della batteria fino a dieci anni per dispositivi a bassa potenza

reti 5g

Quali prodotti useranno il 5G?

Mentre gli smartphone saranno probabilmente i principali dispositivi a esaltare il 5G come tecnologia, non saranno affatto gli unici. Ci si aspetta infatti che anche tablet, auto connesse, droni, visori per la realtà virtuale, dispositivi indossabili e infrastrutture per smart city giocheranno un ruolo essenziale in questo futuro dominato dal 5G.

In molte situazioni, il 5G potrà fungere da rete di accesso per connettere sensori e dispositivi per la Internet of Things, e molto ci si aspetta nel settore dell’healthcare, dove si prevede di impiegare questo tipo di connessioni per fornire servizi di monitoraggio dei pazienti, telemedicina e persino chirurgia robotica a distanza.

Al Mobile World Congress di quest’anno Intel ha inoltre presentato un concept di un PC 2-in-1 affermando che collaborerà con produttori OEM come Dell, HP e Lenovo per sviluppare laptop compatibili con il 5G. E siamo solo all’inizio.

Quanto costerà il 5G?

Mentre si hanno molte cose interessanti da dire su ciò che il 5G consentirà di fare, si sa davvero molto poco su quanto questo aggiornamento costerà agli utenti finali e ai fornitori di telecomunicazioni sia direttamente che indirettamente. Da un punto di vista hardware ad esempio non si sa se i componenti necessari per utilizzare il 5G andranno a pesare sugli utenti o se questa spesa extra (che sicuramente non mancherà) sarà qualcosa che i produttori cercheranno di coprire in altri modi.

Quindi, dal punto di vista dei servizi, non è del tutto chiaro quanto di più i piani e gli abbonamenti per il 5G costeranno rispetto alle loro attuali controparti 4G. Tuttavia, diversi esperti non prevedono un enorme aumento del costo dei dati nel passaggio dalle reti 4G a quelle 5G. C’è poi chi, come Robyn Denholm (COO di Telstra), ha dichiarato al Mobile World Congress di quest’anno che “non c’è dubbio che il 5G ci consentirà di ridurre il costo del traffico. Dal punto di vista del consumatore, questo dovrebbe consentire prezzi più bassi per i piani dati”.

Leggi anche: 5G: i sei desideri dei consumatori per le reti mobili del futuro

Detto questo, dovrete sicuramente acquistare un nuovo smartphone per poter utilizzare le reti 5G. La maggior parte degli smartphone attuali è infatti equipaggiata con hardware progettato per reti 4G (o al massimo 4.5G) e non sarà in grado di utilizzare 5G proprio per limiti hardware (e quindi non risolvibili tramite aggiornamenti software).

5g

Dato che il lancio delle reti 5G sarà un processo non uniforme e graduale, probabilmente non vale la pena acquistare al day one un nuovo smartphone appositamente per fare il salto verso il 5G. Tuttavia, dal 2020 in poi, la maggior parte degli smartphone avrà a bordo la connettività 5G nello stesso modo in cui il 4G è presente oggi sulla stragrande maggioranza dei telefoni (anche molti di fascia bassa).

Molti produttori, tra cui OPPO, Lenovo, Vivo, Motorola, Xiaomi, OnePlus, Sony e Nokia, hanno inoltre confermato piani per la realizzazione di smartphone dotati di modem 5G di Qualcomm. Nel frattempo Huawei prevede di utilizzare il proprio modem 5G per i propri dispositivi e alcune voci di corridoio parlano del primo smartphone 5G targato Huawei disponibile già alla fine del 2019.

In confronto Samsung ha tenuto un profilo più “tranquillo”. Finora infatti il colosso coreano ha solo rilasciato poche informazioni sul suo approccio al 5G nel corso degli eventi CES e MWC di quest’anno. Alcuni rumor indicano comunque la volontà di Samsung di integrare la connettività 5G a bordo del Galaxy S10 atteso il prossimo anno.

Parlando invece di infrastrutture, alcune stime hanno suggerito che i costi del potenziamento 5G in Europa potrebbero andare da 300 a 500 miliardi di euro. Nel 2016 Andy Penn, CEO di Telstra, ha indicato che la sua società prevede di investire altri 3 miliardi di dollari nei prossimi tre anni per affrontare sfide come quella del 5G. Insomma, il 5G sarà presto una realtà, ma non sarà economico.

Quando arriverà il 5G?

Ci si aspettava che il 5G arrivasse nel 2020. Tuttavia, con la certificazione delle prime specifiche 5G ufficiali da parte di 3GPP lo scorso anno, gli operatori telefonici di tutto il mondo si stanno preparando a realizzare e distribuire reti 5G già nel corso del 2019.

Previsioni utenti 5G

Gli analisti di CCS Insight prevedono che nel 2023 le reti 5G dovrebbero raggiungere il miliardo di utenti (o meglio, “utenze”), che balzeranno a 2,6 miliardi nel giro di due anni ulteriori, grazie all’apporto della Cina, che contribuirà con il 40% delle utenze mondiali.

smartphone

Smartphone: spedizioni in calo nel 2019, ma il 5G salverà il 2020

Secondo nuove stime di IDC, le sfide per il mercato degli smartphone continueranno per tutto il 2019, ma il 5G e i mercati emergenti riporteranno la crescita nel 2020.
huawei

Huawei cresce del 23 percento, ma rallenta dopo il “ban” di Trump

Un inizio anno molto forte contiene i danni dei divieti imposti ai fornitori americani. Incerta la presenza di Android sul prossimo Mate 30, ma l'azienda è pronta alle alternative e "lotterà per garantire la sopravvivenza della propria divisione consumer"
apple intel

Tre motivi per cui Apple investe un miliardo di dollari nei modem 5G di...

L’accordo tra Apple e Intel potrebbe avere profonde ripercussioni sulle nuove generazioni di dispositivi 5G di Apple, ma non solo
smartphone

5G: Huawei tra esperienze consumer e settori industriali

Nella visione di Huawei il 5G collegherà strettamente i settori dei trasporti, della sorveglianza, dell’assistenza sanitaria, dell'intrattenimento e della logistica portuale reinterpretati in un’ottica smart.
5g

5G: cosa ne pensano davvero i consumatori italiani?

Il 45% dei nostri connazionali si aspetta l’arrivo del 5G entro il prossimo anno e la loro consapevolezza sui vantaggi che questa tecnologia porterà sono a livelli piuttosto elevati.
6g

Oppo va oltre il 5G e anticipa la sua visione del 6G

OPPO immagine un’evoluzione dell'intelligenza connessa spinta dal 5G e dal futuro 6G come un sistema per l'intelligenza artificiale, dall'intelligenza artificiale e dell'intelligenza artificiale.
milano smart city conference

Alla Milano Smart City Conference focus su 5G e sicurezza

L’evento sarà ospitato da Fiera Milano dal 13 al 15 novembre 2019, in contemporanea con Smart Building Expo e SICUREZZA

Stop degli USA ad Android su Huawei: è l’inizio della fine per la globalizzazione?

Trump vieta alle aziende USA di fornire tecnologie a Huawei, accusata di essere una minaccia alla sicurezza nazionale, creando sconquasso nella filiera tecnologica e nell'economia globale. Che è forse il suo vero obiettivo.
smartphone

Il 5G tra fake news, cospirazioni e rischi concreti di ritardi

Fake news sui social, Russia, Cina e Russia, teorie non ancora provate sui rischi per la salute. Il 5G si starà pur avvicinando, ma gli ostacoli a una sua diffusione mainstream non sono da sottovalutare.

Cisco, il CEO in Italia per rilanciare il piano Digitaliani

Tra le nuove iniziative in primo piano la cybersecurity, con un Centro d’Eccellenza a Milano e il supporto a un corso di laurea Bocconi-Politecnico di Milano
Qualcomm

Apple fa pace con Qualcomm… e l’iPhone 5G si avvicina

Apple e Qualcomm hanno raggiunto un accordo per il quale entrambe le parti potranno lavorare insieme per i prossimi sei anni. È il preludio ideale per l’iPhone 5G?

Perché la sicurezza del 5G sarà diversa da quella delle reti attuali

Per Fortinet, le telco abituate a proteggere la propria infrastruttura basata su interfacce e protocolli proprietari, dovranno farsi carico della difesa di utenti e applicazioni in un ambiente aperto e che cambia dinamicamente.
modem 5g

Modem 5G: Intel rischia di pagare cari i suoi ritardi?

Intel non si è mai davvero imposta come produttore di modem 3G e 4G e ritardi nella produzione del suo primo modem 5G rischiano che questa situazione possa ripetersi anche nell’immediato futuro.

VMware e il 5G: gettare le fondamenta per il futuro del mobile

Al Mobile World Congress di Barcellona, VMware ha presentato un'ampia gamma di soluzioni per gestire le reti mobili di prossima generazione, dall'infrastruttura delle telco, all'edge computing, fino ai dispositivi. Obiettivo: dotarle della flessibilità del cloud.
5g

Gli operatori temono un aumento dei costi energetici per 5G ed Edge

Stando a una nuova ricerca di Vertiv e 451 Research, gli operatori sono ottimisti il 5G, ma prevedono un possibile aumento del consumo energetico della rete fino al 170% entro il 2026.
5g

Smartphone nel 2019: per IDC il 5G sarà la vera killer feature

5G, realtà virtuale e aumentata, smartphone pieghevoli. Secondo IDC il 2019 sarà soprattutto il primo aspetto a segnare il mercato mobile, nonostante anche in questo settore non manchino i problemi.
Self Driving Network

Self Driving Network: le reti del futuro diventano autonome con Juniper

Con l’ambizioso progetto di Self Driving Network, Juniper si prefigge l’obiettivo di sviluppare una concezione completamente nuova per le grandi reti, dove l’intelligenza artificiale...
Intel Core i9

Intel Core i9-8950HK: il nuovo processore per laptop che punta ai 5GHz

Si chiama Intel Core i9 8950HK ed è il processore per laptop più veloce mai realizzato prima, con velocità che potranno raggiungere i 5 GHz.
microsoft windows server 2019

Windows Server 2019 punta su Linux, cloud ibrido, data center iperconvergenti

Windows Server 2019 sarà disponibile nella seconda metà del 2018, ma gli iscritti al programma Insider possono già accedere all’anteprima
4,073FansMi piace
1,899FollowerSegui

BrandPost (info)

DA NON PERDERE

intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale e lavoro: teniamoci pronti alla grande rivoluzione

Gli analisti di Gartner si aspettano che entro il 2025 l'intelligenza artificiale sarà una cosa comune sul posto di lavoro e vedono già un enorme richiesta di IA non ancora soddisfatta.

A Milano, quattro giorni di innovazione con AIXA, l’Artificial Intelligence Expo of Applications

Dal 4 al 7 Novembre a Milano, dedichiamo quattro giorni dedicati all'innovazione "pratica" con eventi specifici su marketing analytics, retail e search marketing e i laboratori sperimentali “AI Business Training”
HPE ML Ops

HPE ML Ops gestisce il ciclo di vita del machine learning

La nuova soluzione HPE ML Ops velocizza il time-to-value dell’intelligenza artificiale riducendolo da mesi a giorni e introduce l'agilità di DevOps nel ciclo di vita dei modelli ML.