Tra i dieci lavori emergenti in Italia sempre più richieste le skill digitali

LinkedIn Emerging Jobs: le aziende italiane cercano sempre più profili con competenze digitali e in grado di supportare il business

linkedin

La top ten delle professioni emergenti in Italia è dominata da competenze in ambito tecnologico. In particolare si distinguono lavori legati a protezione e gestione dei dati, intelligenza artificiale e funzioni a supporto del business. E’ quanto emerge dalla ricerca LinkedIn Emerging Jobs Italia 2019, che ha fotografato il mercato del lavoro italiano negli ultimi quattro anni, dal 2015 al 2019.

Basata sui dati del LinkedIn Economic Graph, la ricerca evidenzia le principali skill ed esperienze ricercate dalle aziende, italiane e internazionali, operanti nel nostro Paese e che si rivolgono al social network professionale per trovare i profili adatti alle loro esigenze.

I dieci lavori emergenti in Italia

Le professionalità che hanno mostrato il più alto di crescita negli ultimi quattro anni riguardano il settore tecnologico e digitale. Nella classifica stilata da LinkedIn, tra le prime dieci posizioni sette sono occupate da ruoli di sviluppo software e gestione dei dati in ambito business.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Ecco la top ten dei profili e delle principali competenze richieste:

  1. Data Protection Officer. Competenze richieste: Privacy Law, Data Privacy, Privacy Policies, General Data Protection Regulation (GDPR), Legal Assistance
  2. Salesforce Consultant. Competenze richieste: Oracle Application Express, Salesforce.com, Salesforce.com Administration, Customer Relationship Management (CRM), JavaScript
  3. Big Data Developer. Competenze richieste: Scala, Hadoop, Big Data, Apache Spark, Hive
  4. Artificial Intelligence Specialist. Competenze richieste: Machine Learning, Computer Vision, Artificial Intelligence (AI), Python (Programming Language), Neural Networks
  5. BIM Specialist. Competenze richieste: Building Information Modeling (BIM), Revit, Navisworks, Architecture, Architectural Design
  6. Lending Officer. Competenze richieste: Due Diligence, NPL, Credit Management, Banking, Credit Analysis
  7. Warehouse Operative. Competenze richieste: Warehouse Operations, Warehouse Management Systems, Forklift Operation, Microsoft Word, Inventory Management
  8. Data Scientist. Competenze richieste: Machine Learning, Python (linguaggio di programmazione), R, Data Mining, Big Data
  9. Cyber Security Specialist. Competenze richieste: Cybersecurity, Vulnerability Assessment, Information Security, Network Security, Penetration Testing
  10. Customer Success Specialist. Competenze richieste: Software as a Service (SaaS), Customer Relationship Management (CRM), Pre-sales, Customer Experience, Salesforce.com

Il gap delle competenze digitali

Se da questa ricerca emerge chiaramente che le aziende cercano sempre più professionisti preparati in ambito scientifico e tecnologico, un’altra indagine evidenzia il gap nelle competenze digitali dei lavoratori italiani.

Secondo il Recruiter Sentiment 2019 Italia, infatti, il 40% dei recruiter italiani ritiene che non ci siano abbastanza candidati con le giuste competenze digitali rispetto ai posti di lavoro disponibili. L’indagine, svolta dalla società Coleman Parkes per conto di LinkedIn, ha coinvolto oltre 300 responsabili delle Risorse Umane in aziende e agenzie di lavoro provenienti da diverse parti d’Italia e attivi in otto settori industriali.

Tra le principali carenze dei professionisti italiani gli intervistati hanno indicato competenze in ambito tecnologico e di coding (36%), capacità di problem solving (31%), creatività (30%), labilità di gestire i tempi di lavoro in maniera corretta (28%), competenze nell’ambito del web design (28%), capacità di collaborazione (27%) e senso di leadership (26%).

Sara Brunelli
Attiva nel settore della comunicazione dal 2003, dopo la laurea in Matematica e un master in Comunicazione Scientifica. Mi sono specializzata nell’editoria B2B, seguendo in particolare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Mi potete seguire su Facebook e LinkedIn.