Le migliori skill per i professionisti della tecnologia nel 2021

Una nuova ricerca di Degreed evidenzia le migliori competenze che i leader aziendali stanno cercando ed esplora il preoccupante divario di competenze IT.

migliori skill

L’IT è in uno stato di evoluzione costante. Le innovazioni che erano all’avanguardia 12 mesi fa potrebbero già ritrovarsi dietro qualcosa di più nuovo. Tenere il passo con tutti questi cambiamenti è faticoso nella migliore delle ipotesi e impossibile nel peggiore dei casi, in particolare per i professionisti IT che hanno bisogno di rimanere aggiornati e adattare le proprie competenze di conseguenza.

Sfortunatamente, la disruption causata da Covid-19 ha ulteriormente esacerbato il mercato IT in continua evoluzione e ora i professionisti IT devono affrontare più sfide che mai per acquisire nuove competenze e rimanere rilevanti nel mercato. In queste condizioni di mercato senza precedenti, i professionisti IT devono sapere su quali aree e competenze concentrarsi in modo da poter svolgere il proprio lavoro al meglio delle proprie capacità.

La piattaforma Degreed ha recentemente esaminato le skill più importanti del 2021. Oltre 5.200 lavoratori, team manager e leader aziendali hanno partecipato al sondaggio per fornire una panoramica di dove, cosa e perché alcune skill diventeranno più preziose di altre quest’anno. Secondo la ricerca, le skill principali per i professionisti della tecnologia sono:

  • IT avanzato e programmazione
  • Leadership
  • Progettazione e ingegneria tecnologica
  • Gestione di progetto
  • Analisi avanzata dei dati e matematica
  • Imprenditorialità e iniziativa
  • Ricerca scientifica e sviluppo
  • Comunicazione e negoziazione avanzate
  • Creatività
  • Analisi quantitativa e statistica

Esiste un consenso sulle giuste competenze?

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Coprendo competenze tecnologiche specifiche, nonché aree di interesse più sociali e cognitive, la ricerca di Degreed suggerisce che i professionisti della tecnologia dovrebbero cercare di creare un set di competenze a tutto tondo in modo che possano raggiungere le aspettative dei loro datori di lavoro e soddisfare le mutevoli esigenze del settore IT.

Non sorprende che le competenze IT e di programmazione avanzate siano generalmente considerate le competenze più importanti dai datori di lavoro. Nelle otto regioni esaminate, cinque Paesi l’hanno considerata l’abilità più importante, due l’hanno classificata seconda, mentre la Germania da sola l’ha classificata al di fuori delle prime due al terzo posto.

Ciascuna delle tre regioni che non ponevano l’IT e la programmazione avanzati come priorità assoluta riteneva che le capacità di leadership e gestione fossero più importanti quando si considerano i potenziali candidati. Le capacità di leadership e gestione si sono classificate al secondo posto in altre quattro regioni.

Sebbene ci sia un consenso approssimativo riguardo le skill più popolari e ricercate, le restanti sette variano enormemente da regione a regione. Il Messico ritiene che la progettazione e l’ingegneria della tecnologia siano tra le prime tre competenze, ma in India quest’area rientra quasi nella top ten; e quattro regioni (Regno Unito, Francia, Germania e Australia) non la considerano una delle prime 10 competenze. Allo stesso modo, la Francia considera la creatività un’abilità irrinunciabile, mentre l’Australia la classifica solo al nono posto e né gli Stati Uniti né il Messico la considerano una delle prime dieci priorità nella valutazione dei dipendenti o dei candidati.

competenze IT

Questa disparità si riflette anche quando si esaminano i dati specifici del settore del rapporto. Le capacità IT e di programmazione avanzate e le capacità di leadership e gestione sono ancora le più ricercate; tuttavia, la creatività, l’elaborazione e l’analisi delle informazioni complesse e il pensiero critico e le capacità decisionali vedono tutti un interesse sporadico a seconda che i leader aziendali lavorino nei servizi finanziari, tecnologia e telecomunicazioni o assistenza sanitaria. Anche se le competenze che i leader aziendali cercano variano enormemente in base al settore, in tutti i settori le 10 migliori competenze che i datori di lavoro stanno attualmente cercando corrispondono ai dati regionali, evidenziando che nel complesso esiste un quadro chiaro per i tipi di competenze su cui i professionisti IT dovrebbero concentrarsi, anche se si discute su quali siano le più importanti.

Limiti all’apprendimento

Nonostante sappiano su quali competenze e aree concentrarsi, molti professionisti IT hanno difficoltà a trovare il tempo per svilupparle. Gran parte di questa sfida è dovuta alla pandemia e alla rapida accelerazione verso nuovi modi di lavorare. Nel corso del 2020, molti professionisti IT hanno dovuto lavorare incessantemente per garantire che la loro azienda potesse ancora operare in modo efficiente, lasciando forse poco tempo per lo sviluppo personale.

Questo nuovo ambiente è stato aggravato dalle aziende che riducono le opportunità di miglioramento delle competenze e di riqualificazione. In India e in altri mercati emergenti, le opportunità di riqualificazione e riqualificazione fornite dai leader aziendali sono diminuite fino al 72% dall’inizio del Covid-19. Questa tendenza al ribasso è visibile anche nelle regioni più sviluppate come gli Stati Uniti, dove ora ci sono il 36% in meno di opportunità presentate ai lavoratori per sviluppare le competenze di cui hanno bisogno.

In tutte le regioni, il 45% dei lavoratori afferma che i propri datori di lavoro hanno ridotto le opportunità di riqualificazione durante la pandemia. Senza l’accesso a questo tipo di risorse da parte dei loro datori di lavoro, le competenze dei professionisti IT continueranno a ristagnare e i lavoratori non saranno in grado di soddisfare i requisiti aziendali in continua evoluzione.

Questi fattori hanno probabilmente contribuito all’elevata percentuale di dipendenti che ritengono che le loro competenze di base diminuiranno nei prossimi tre anni. Attualmente, il 36% dei dipendenti non crede che sarà in grado di continuare a svolgere il proprio lavoro in modo altrettanto efficace in futuro se le proprie competenze resteranno tali.

Un ulteriore 46% ritiene che le proprie competenze di base diventeranno obsolete entro i prossimi cinque anni. Questa preoccupazione è presente in tutti i settori, dai servizi finanziari alla sanità e rappresenta una sfida che sia i leader aziendali che i dipendenti devono cercare di superare. Senza ulteriori investimenti nella formazione delle competenze, le aziende potrebbero vedere i propri professionisti IT rimanere indietro rispetto ai colleghi e persino rimanere non qualificati per il posto di lavoro del futuro.

Il divario di competenze rappresenta già una sfida significativa da superare per i leader aziendali. Per evitare che il divario si allarghi ulteriormente, i leader aziendali devono investire nell’aggiornamento delle competenze dei propri dipendenti e la forza lavoro IT più ampia deve concentrarsi sull’apprendimento delle giuste competenze di cui le aziende hanno bisogno, sia oggi che domani.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!