Il lavoro a distanza contro la carenza di competenze IT e lo squilibrio di genere

Colmare le lacune di competenze IT e migliorare la diversità di genere si sono rivelate sfide importanti per molti anni, ma il cambiamento culturale verso il lavoro a distanza causato dal COVID-19 offre un'opportunità d'oro per ristabilire l'equilibrio

competenze IT

Il settore IT è alle prese con una carenza globale di competenze da molto tempo. In nessuno scenario questa mancanza è più sentita come nelle piccole e medie imprese, molte delle quali faticano regolarmente nel trovare e trattenere dipendenti ben formati per i loro team di sicurezza. Tale situazione causa numerosi problemi, che vanno da una cattiva strategia di sicurezza e problemi operativi, fino a difficoltà nell’implementazione di iniziative di trasformazione digitale che sono disperatamente necessarie per rimanere competitivi nel mercato moderno.

Ci sono molte ragioni alla base di questa carenza di competenze, ma una che emerge più e più volte è la mancanza di donne che lavorano nell’IT. Un recente studio di WISE ha rilevato che le donne costituiscono solo il 16% della forza lavoro tecnologica globale, con una crescita ridotta negli ultimi dieci anni. Guardando in particolare alla sicurezza informatica, il sondaggio annuale sulla sicurezza informatica di Exabeam ha rivelato che solo il 21% degli intervistati si è identificato come donna. Con così poche donne che attualmente lavorano nel settore, non c’è da stupirsi che ci sia una tale lotta per riempire il numero crescente di posizioni aperte.

Tuttavia, la pandemia in corso potrebbe offrire un’opportunità per ristabilire finalmente questo equilibrio. La combinazione di rigidi lockdown e distanziamento sociale ha costretto la maggior parte delle imprese ad adottare rapidamente politiche di lavoro a distanza che in precedenza erano state liquidate come insostenibili e ingestibili. Tuttavia, se non altro, gli ultimi dieci mesi hanno dimostrato che non solo il lavoro a distanza è una valida strategia a lungo termine, ma può effettivamente far risparmiare alle aziende tempo e denaro, oltre a rendere i dipendenti più felici. Ancora più importante, aiuta ad abbattere molte delle barriere tradizionali al reclutamento, cambiando radicalmente le regole del gioco.

Costruire una forza lavoro diversificata

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Il settore della sicurezza informatica ha un disperato bisogno di intensificare gli sforzi per attirare più donne in ruoli a tutti i livelli, da quelle che hanno appena iniziato la loro carriera a professioniste affermate con molti anni di esperienza. Ad esempio, un grosso problema che molte donne devono affrontare quando tornano al lavoro dopo un periodo di assenza (come il congedo di maternità o gli impegni di cura della famiglia) è la flessibilità del lavoro.

Mentre le donne in altri settori possono inizialmente scegliere di tornare a tempo parziale o lavorare da casa fino a quando non si riprendono rapidamente, questo tipo di opportunità è stato notoriamente carente nei settori IT e della sicurezza informatica. Di conseguenza, molte donne scelgono semplicemente di cambiare percorso di carriera con uno che possa soddisfare meglio il loro bisogno di destreggiarsi tra lavoro e impegni personali.

Tuttavia, grazie al cambiamento fondamentale negli atteggiamenti lavorativi provocato dalla pandemia, improvvisamente c’è molto più spazio per utilizzare la tecnologia del lavoro a distanza e altre iniziative per aiutare a trattenere queste lavoratrici qualificati in modo più efficace.

Non nuovi, ma ancora raramente visti nel settore della sicurezza informatica, sono i programmi Return To Work. Tali programmi sono stati inizialmente concepiti da organizzazioni più grandi come un modo per alleggerire le donne nei loro ruoli dopo aver avuto un bambino. Tuttavia, hanno avuto così tanto successo che si sono rapidamente espansi a chiunque tornasse al lavoro dopo una pausa lavorativa di qualche tipo.

In genere combinano opzioni di lavoro flessibili con una gamma di supporto, da aggiornamento delle competenze e tutoraggio a formazione aggiuntiva e accesso a comunità online pertinenti. Sebbene questi tipi di programmi ufficiali siano ancora per lo più limitati alle imprese più grandi, le organizzazioni più piccole possono imparare molto da loro, rendendo i propri luoghi di lavoro più attraenti e alla fine implementando iniziative simili.

Il valore nascosto delle competenze esistenti

Un altro gruppo che può aiutare a risolvere le sfide di reclutamento sono i dipendenti esistenti con competenze IT trasferibili. Vi è una tendenza in crescita, ad esempio, per i professionisti della sicurezza informatica a effettuare una formazione incrociata da altre aree dell’IT, come i ruoli dell’helpdesk dei clienti.

All’inizio la sicurezza informatica e l’helpdesk dei clienti possono sembrare strani alleati. Tuttavia, la mentalità disponibile e creativa che funziona bene per i dipendenti dell’help desk, così come la conoscenza IT che portano, fornisce una base eccellente per una carriera nel settore della sicurezza. Spetta al settore garantire che queste opportunità siano presentate allo stesso modo a tutti, indipendentemente dal sesso e dalla posizione in cui si trovano nel loro percorso di carriera personale.

Il lavoro a distanza rimuove i vincoli geografici

Con il lavoro a distanza impostato per diventare una componente chiave della maggior parte delle strategie operative per il futuro a lungo termine, le organizzazioni hanno improvvisamente un’opportunità d’oro per diversificare la propria forza lavoro reclutando nuovi talenti da qualsiasi parte del mondo. Quando si rimuovono i vincoli di vicinanza a un luogo di lavoro fisico, il pool di potenziali talenti aumenta in modo esponenziale. Team diversi possono anche pensare in modo più creativo e offrire nuove prospettive che fanno un’enorme differenza in un mercato affollato.

Benjamin Franklin una volta disse “dalle avversità arrivano le opportunità” e la pandemia COVID-19 ne è un vero esempio. Nonostante le enormi sfide create, il cambiamento fondamentale nella cultura del lavoro in tutto il mondo ha improvvisamente posto molta enfasi sull’equilibrio tra lavoro e vita privata, flessibilità e felicità dei dipendenti. Per le donne che già lavorano, hanno lavorato in precedenza o stanno pensando di lavorare nell’IT e/o nella sicurezza informatica, questo è un momento di svolta, che apre nuove ed entusiasmanti opportunità che prima erano impraticabili o indesiderabili. Per il settore IT nel suo insieme, potrebbe essere proprio la soluzione tanto attesa alla sua tanto denigrata carenza di competenze. Solo il tempo lo dirà.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!