Priorità HR nel 2021: sviluppare abilità e competenze critiche

Un sondaggio di Gartner sulle nuove priorità HR ha rilevato che per il 68% degli intervistati la creazione di skill e competenze critiche sarà la priorità numero uno per il prossimo anno.

acquisizioni Zucchetti EdiSoftware
Depositphotos

Il sondaggio di Gartner 2021 HR Priorities Survey sulle priorità HR, condotto su oltre 750 leader HR globali, ha rilevato che per il 68% degli intervistati la creazione di skill e competenze critiche è la priorità numero uno per il prossimo anno. Il sondaggio, condotto da giugno ad agosto 2020, ha anche rivelato che altre priorità per il 2021 sono: progettazione organizzativa e gestione del cambiamento (46%), futuro del lavoro (32%) ed esperienza dei dipendenti (28%).

“Sulla scia della pandemia di COVID-19 i leader delle risorse umane si stanno allontanando dalla gestione delle crisi per concentrarsi su ciò che renderà le loro organizzazioni forti, sia oggi che in futuro, compreso avere le giuste capacità e competenze, costruire resilienza e avere un forte team di leader” ha affermato Mark Whittle, vicepresidente della consulenza HR di Gartner.

Quasi 875 leader delle risorse umane hanno classificato le loro principali priorità a livello aziendale per il 2021 e il 65% ha selezionato il miglioramento dell’eccellenza operativa. La crescita del business e l’esecuzione di trasformazioni aziendali sono state selezionate rispettivamente dal 64% e dal 54% degli intervistati. Il 50% dei leader delle risorse umane ha dichiarato inoltre che si concentrerà sull’ottimizzazione dei costi nel 2021, con un aumento del 13% rispetto allo scorso anno.

adv

Secondo Gartner leader delle risorse umane dovranno intraprendere le seguenti iniziative per guidare i risultati aziendali il prossimo anno:

Adottare un nuovo approccio alla riqualificazione

Le organizzazioni devono adottare un approccio dinamico alla riqualificazione e ridistribuzione dei talenti in cui tutte le parti interessate lavorino insieme per trovare modi per sviluppare le competenze al momento del bisogno. Attualmente, solo il 21% dei leader delle risorse umane afferma che i colleghi condividono la responsabilità o collaborano con le risorse umane per determinare le future esigenze di competenze. Un approccio dinamico alla riqualificazione consente una più rapida identificazione delle esigenze di competenze.

Riprogettare il lavoro per la reattività

Il 37% dei leader delle risorse umane intervistati da Gartner riferisce che i manager della propria organizzazione non sono attrezzati per guidare il cambiamento. Inoltre, nel 2020, la quantità di cambiamento che il dipendente medio può assorbire senza affaticarsi è stata dimezzata rispetto al 2019.

priorità hr
Depositphotos

“I leader delle risorse umane devono concentrarsi su una progettazione del lavoro orientata al futuro che elimini l’attrito sul lavoro che frustra i dipendenti oggi e consente ai dipendenti di essere reattivi, in sincronia con le esigenze dei clienti, in grado di anticipare i cambiamenti in tali esigenze e in grado di adattare il loro approccio e le attività di conseguenza”, ha detto Whittle.

Risolvere il gap di leadership

Più di un terzo dei leader delle risorse umane intervistati da Gartner riferisce che i processi di gestione della successione non producono i leader giusti al momento giusto, mentre solo il 44% dei dipendenti afferma di fidarsi dei leader e dei manager della propria organizzazione per affrontare bene una crisi.

La fiducia nella leadership è anche minata dalla mancanza di diversità, poiché quasi il 50% dei leader delle risorse umane riferisce che la leadership della propria organizzazione non è diversificata. Le organizzazioni che implementano programmi di networking sulla diversità hanno una probabilità 3,4 volte maggiore di dichiarare di essere efficaci nell’aumentare le opportunità di mobilità dei talenti.

Identificare il futuro delle tendenze lavorative rilevanti per la vostra attività

Il futuro del lavoro è una priorità assoluta per un terzo dei leader delle risorse umane, ma il 62% afferma che la propria organizzazione non ha un esplicito piano di strategia lavorativa per il futuro. La pandemia avrà un effetto duraturo sul futuro del lavoro accelerando determinate tendenze (più dipendenti che lavorano da remoto). “La lente attraverso la quale i leader delle risorse umane devono comprendere la rilevanza, l’impatto e le opportunità di ciascun trend lavorativo futuro per l’azienda è fondamentale per la pianificazione strategica e la pianificazione degli scenari”, ha affermato Whittle.

Promuovere l’esperienza dei dipendenti nello scenario di forza lavoro ibrida di oggi

L’esperienza dei dipendenti è diventata un argomento sempre più importante per le risorse umane, tanto che il 31% dei Chief Human Resources Officer (CHRO) riferisce che l’esperienza dei dipendenti è una priorità, così come il 46% dei responsabili della diversità, equità e inclusione (DEI). La creazione di un’esperienza coerente per i dipendenti è stata resa più impegnativa dalla forza lavoro ibrida di oggi a seguito della pandemia COVID-19.

Le risorse umane dovrebbero sfruttare l’attuale modello di forza lavoro ibrida e consentire a manager e dipendenti di condividere la proprietà delle decisioni sulla posizione, in modo che i dipendenti possano cambiare posizione in modo dinamico in base a quale ambiente lavorativo guiderà la produttività e l’engagement.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!