Cinque decisioni che i leader HR dovranno prendere nel 2021

Nel corso dell’anno i leader HR dovranno rivedere la loro strategia di forza lavoro ibrida, il ruolo della sede aziendale e le iniziative in materia di diversità, equità e inclusione.

risorse umane

Mentre i leader delle risorse umane continuano ad affrontare i cambiamenti negli ambienti aziendali a seguito della pandemia COVID-19, Gartner ha identificato cinque decisioni di lavoro che le risorse umane dovranno affrontare quest’anno. I principali cambiamenti nei macro fattori, come i comportamenti dei clienti e le normative governative, e nei micro fattori, tra cui la strategia e la politica organizzativa, hanno sostanzialmente accorciato gli orizzonti temporali dei leader delle risorse umane nella pianificazione del futuro.

“Il 2021 non sarà solo un anno di ripresa, ma anche di rinnovamento e accelerazione poiché le organizzazioni adotteranno nuove strategie di business, tecnologia e talenti” ha affermato Emily Rose McRae, direttore del settore HR di Gartner. Ecco le cinque decisioni cruciali identificate da Gartner.

Revisione delle strategie della forza lavoro

Ad un certo punto nel 2021, le organizzazioni dovranno rivalutare le policy di lavoro remoto e ibrido adottate durante la crisi. I leader delle risorse umane di successo stabiliranno i fattori scatenanti per la revisione delle strategie della forza lavoro ibrida e remota delle loro organizzazioni, piuttosto che aspettare che le strategie diventino impraticabili.

adv

Esistono due tipi di fattori scatenanti della forza lavoro: talento e situazione. I trigger del talento garantiscono che i leader aziendali possano monitorare le minacce alla strategia per i talenti dell’organizzazione. Con i trigger situazionali, i leader delle risorse umane identificano invece le sfide che emergono dalle decisioni strategiche, come avere team in diverse regioni.

Tecnologie emergenti per i dipendenti in loco

I leader HR dovranno cercare opportunità per ridurre la necessità per i dipendenti di svolgere attività in loco e le tecnologie emergenti giocheranno un ruolo chiave in questo. L’automazione dei processi robotici (RPA) e le tecnologie immersive, come la realtà virtuale e aumentata, sono due categorie di tecnologia che possono contribuire a ridurre la necessità di lavoro in loco.

RPA affronta le barriere per creare flussi di lavoro più efficienti; di conseguenza, le organizzazioni si sono rivolte a questa tecnologia come soluzione per il ripristino e il rinnovamento del business. Un sondaggio di Gartner del 2020 ha rivelato che quasi un quarto dei leader finanziari senior prevede di aumentare gli investimenti in RPA come risultato diretto della pandemia COVID-19.

Le tecnologie immersive aiuteranno le organizzazioni a creare nuovi canali per l’interazione digitale di alto valore, esperienze che altrimenti sarebbero difficili da replicare in una forza lavoro ibrida. I leader delle risorse umane dovrebbero considerare il fatto che investire in questi strumenti tecnologici creerà la domanda per nuovi ruoli o set di competenze.

risorse umane

Ridefinire lo spazio dell’ufficio

Nel 2021, i dipendenti lavoreranno ancora da casa, in ufficio e potenzialmente in spazi di terze parti. Gli uffici aziendali dovranno quindi soddisfare le esigenze lavorative fisiche ed emotive dei dipendenti. Le organizzazioni devono decidere cosa possono offrire i loro uffici aziendali ai dipendenti che altri spazi non possono offrire.

Per fare ciò, i leader HR devono comprendere le esigenze emotive dei dipendenti e identificare le opportunità in cui il luogo di lavoro può soddisfare queste esigenze. Ciò richiede alle risorse umane di collaborare con altri leader aziendali per prendere decisioni sullo scopo degli spazi aziendali e su come farli evolvere, determinando anche come e quando ridurre l’impronta immobiliare dell’organizzazione.

Innovazioni del modello di occupazione

Molte organizzazioni hanno sperimentato modelli di occupazione innovativi in risposta alla pandemia, come offrire l’80% della retribuzione per l’80% delle ore a tempo pieno ai dipendenti che necessitavano di maggiore flessibilità, coinvolgere “gig worker” per progetti pilota o istituire accordi formali di condivisione dei talenti con altri datori di lavoro per compensare la scarsa offerta di talenti.

Le organizzazioni devono decidere se continuare a utilizzare questi modelli di occupazione in futuro. Ciò sarà particolarmente rilevante per le aziende con un’alta percentuale di dipendenti anziani in ruoli critici: offrire maggiore flessibilità non solo quando i dipendenti lavorano, ma quanto lavorano, può aiutare a trattenere i dipendenti che altrimenti potrebbero andare in pensione.

Impegno per la diversità, l’equità e l’inclusione (DEI)

Molte organizzazioni hanno assunto nuovi o intensificati impegni per creare luoghi di lavoro più diversificati, equi e inclusivi durante il 2020. Un sondaggio Gartner del 2018 ha rilevato che il 74% dei dipendenti si aspetta che il proprio datore di lavoro prenda una posizione sulle attuali questioni sociali o culturali, anche se tali questioni non hanno nulla da fare con il loro datore di lavoro.

Queste richieste sono diventate ancora più urgenti durante le recenti proteste che chiedono equità sociale e giustizia. Nel 2021, i leader delle risorse umane dovranno valutare la strategia per i talenti della propria organizzazione per garantire che rispetti i loro impegni nei confronti del DEI. “Le strategie di reclutamento, retribuzione, gestione delle prestazioni e pianificazione della forza lavoro devono essere valutate per garantire che siano in linea con gli obiettivi e i valori dell’organizzazione”, ha concluso la McRae.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!