Windows 10: Edge conquista pochi utenti

Il nuovo browser web di Microsoft non è partito con il piede giusto e solo una minoranza degli utenti di Windows 10 lo sta utilizzando.

Nei giorni in cui ricorre un importante anniversario di Internet Explorer, la cui prima release approdava su Windows 95 proprio nell’agosto di vent’anni fa, due aziende specializzate nell’analisi del mercato tecnologico hanno rilevato la difficoltà di Edge (il nuovo browser web integrato in Windows 10) nell’imporsi sugli utenti del nuovo sistema operativo di Microsoft.

Stando ai dati riportati da Net Applications, a luglio Edge rappresentava infatti lo 0,14% di tutti i browser web a livello globale, ovvero solo il 36% di tutti gli utenti di Windows 10, il cui market share a fine luglio si attestava attorno allo 0,39%. Anche i numeri rilevati da StatCounter dimostrano come Edge sia ben lontano da rappresentare la scelta primaria per gli utenti di Windows 10. Nei primi 16 giorni di agosto è infatti risultato che il nuovo browser di Microsoft contava solo per il 16% dei browser utilizzati dagli utenti di Windows 10.

Non è stato invece possibile stabilire le percentuali degli gli altri browser web utilizzati da chi è passato a Windows 10, visto che nessuno dei due studi di analisi ha rivelato dati precisi in proposito. In ogni caso, tornando a Edge, risulta evidente come Microsoft non sia riuscita a far piacere il suo nuovo browser agli utenti di Windows 10.

edge-share-two-data-sets-100608192-large.idge

Per Redmond si tratta di uno smacco non da poco visti gli investimenti riversati sullo sviluppo di Edge e sulle sue novità come uno dei tratti più distintivi di Windows 10, per non parlare dell’effetto “erede di Internet Explorer” che non ha evidentemente colpito più di tanto gli utenti.

Un’altra causa di questa disaffezione del pubblico verso Edge potrebbe essere dipesa anche dalla querelle scoppiata a fine luglio tra Microsoft e Mozilla, con quest’ultima che accusava il colosso di Redmond di avere reso difficile (o comunque non immediata) la scelta di un browser alternativo a Edge da utilizzare in Windows 10.

Polemica che però, alla luce di questi dati sulla fredda accoglienza riservata a Edge, inizia a perdere di significato. Non che le preoccupazioni di Mozilla verso l’adozione del suo browser Firefox fossero infondate, ma evidentemente la maggior parte di chi è passato a Windows 10 è rimasto comunque fedele al browser utilizzato fino al giorno prima.

È comunque possibile che Edge, con l’aumentare del market share di Windows 10 e magari con qualche nuova funzionalità che Microsoft potrebbe aggiungere prossimamente, inizi a essere apprezzato maggiormente con il passare dei mesi, ma per ora tutti gli sforzi di Redmond nel proporre un browser innovativo e a suo modo originale non sembrano aver dato grandi frutti.