Twitter avvisa alcuni utenti: cyber attacchi di stato in corso

Con un'email, il social network ha avvisato alcuni utenti che il loro account è stato oggetto di cyber attacchi da soggetti probabilmente legati a uno stato

Twitter ha inviato un singolare avvertimento a un ristretto gruppo di utenti, che secondo l’azienda sono stati nei giorni scorsi il bersaglio di attacchi da parte di cybercriminali legati a non meglio precisati governi.

Nell’email, che l’associazione non profit canadese Coldhak ha condiviso su Twitter, il social network avvisa gli utenti oggetto dell’attacco che “questi attori (probabilmente legati a un governo) hanno cercato di ottenere informazioni come indirizzo email, indirizzo IP e numero di telefono”.

ADV
Webinar Finanziamenti a fondo perduto PNRR NextGen EU

L’IT as-a-service e le opportunità dei finanziamenti PNRR e NexGen EU

Come il modello IT as-a-Service e i finanziamenti NextGen EU e PNRR possono essere gli strumenti giusti per erogare i servizi digitali richiesti dal business e dal mercato.      ISCRIVITI ORA >>

Twitter afferma che in questo momento non ha alcuna prova che gli attaccanti siano riusciti a ottenere queste informazioni dall’account, e al momento non ha altre informazioni da condividere, ma l’azienda sta conducendo ulteriori indagini sull’incidente.

L’azienda ha anche fornito ai destinatari del messaggio informazioni su come proteggere la propria identità e la propria anonimità sui social network, con link al progetto Tor e a una guida della Electronic Frontier Foundation.

Si tratta della prima volta che Twitter contatta i suoi utenti per avvertirli di una tentata violazione da parte di “soggetti sponsorizzati da uno stato”, ed è interessante notare quanto l’azienda sia sicura delle sue affermazioni, quando di solito gli attacchi portati da organizzazioni cybercriminali di stampo governativo non sono semplici da rintracciare.

Coldhak sviluppa e promuove software di sicurezza per Linux, con l’obiettivo di promuovere “privacy, sicurezza e libertà di stampa”. Tra i progetti troviamo coldkernel, un metodo per automatizzare il processo di build di versioni potenziate con grsec di kernel Linux Debian/Ubuntu. Un altro progetto dell’associazione riguarda strumenti per il sistema di routing anonimo Tor.

L’account è stato ricevuto anche da un’associazione cyber radicale francese, in questo caso usando la lingua dell’account.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.