Da WordPress all’iPhone

Per chi non sa o non vuole programmare ecco una soluzione appetibile basata su una delle piattaforme più diffuse di blogging

Trasformare il proprio blog basato su WordPress in un’app nativa per iPhone? Ora è un’operazione alla portata di chiunque grazie a un plugin per il popolare sistema di gestione contenuti.

adv
Investimenti Oracle NetSuite

Prendere decisioni strategiche informate grazie a Business Intelligence e Analytics

Una piattaforma di BI e Analytics deve offrire ai decision maker tutti gli strumenti necessari per migliorare l'efficienza e individuare nuove opportunità prima della concorrenza. Presentiamo una serie di preziose risorse e ricerche in Pdf per approfondire questo argomento da un punto di vista tecnico e strategico. SCARICA LE GUIDE >>

Si chiama WiziApp e aiuta ad assemblare un’app che mostrerà tutti i contenuti del sito: post e pagine con tanto di commenti, categorie, tag, immagini, video. Inoltre ci saranno le notifiche per i nuovi post e l’opzione di condividere i link su Facebook, Twitter, o via Email e SMS e anche di guadagnare mostrando le pubblicità del circuito AdMob (ora di proprietà di Google).

Il segreto in realtà non sta nel plugin quanto nel servizio commerciale con cui l’aggiunta si interfaccia: questo infatti trasforma, impacchetta e provvede alla pubblicazione su App Store, oltre a fornire le statistiche sui download e gli accessi.

Il plugin WiziApp richiede WordPress 2.8 o superiore ed è gratuito, ma tutte le fasi successive, dalla conversione in app, alla pubblicazione e all’invio delle notifiche sono a pagamento.

A seconda della presenza o meno delle pubblicità e del numero di notifiche push inviate agli utenti, pardon ai lettori, ci sono tre fasce di prezzo che partono dai 20 dollari mensili per il “Personal Blog” e vanno fino ai 50 dollari al mese per le aziende. In più c’è un “setup fee”, un costo di avviamento iniziale che va da 200 a 500 dollari.
Si tratta di cifre non basse ma comunque interessanti per chi non se la sente (o non è capace) di affrontare Xcode, l’Objective C e tutta la trafila per pubblicare sull’App Store ma vuole provare a dare una veste di app al proprio blog.