Microsoft Edge continua a non convincere gli utenti

Da settembre a novembre la percentuale di utilizzo di Edge tra gli utenti di Windows 10 è continuata a calare.

edge

Edge, il browser web di Microsoft introdotto in Windows 10 come successore di Internet Explorer, continua a faticare nell’acquisire nuovi utenti e, secondo diverse fonti di misurazioni online, da quando ha debuttato a fine luglio la sua percentuale di utilizzo è andata calando di mese in mese sia negli USA, sia a livello globale.

Secondo Net Applications ad agosto la percentuale di utenti Windows 10 che utilizzava Edge era al 39%, mentre a novembre è scesa al 31,2%. I dati raccolti da StatCounter vedevano invece ad agosto una percentuale ben più bassa di utenti di Edge (15,2%), ma anche in questo caso si è assistito a un calo costante nel corso dei mesi, tanto che a novembre Edge risulta utilizzato solo dal 12,9% degli utenti Windows 10. Come terza fonte troviamo Digital Analytics Program, che si riferisce però al solo mercato americano. Secondo queste rilevazioni a settembre Edge contava per il 24,6%, percentuale scesa al 22,4% a novembre.

multiple-metrics-vendors-100633224-large.idge

Se quindi è vero che ognuna di queste fonti si caratterizza per percentuali diverse, il calo di user share di Edge nel trimestre settembre-ottobre-novembre è comunque testimoniato da tutte e tre. -14% secondo Net Applications, – 7% secondo StatCounter e -9% stando alle rilevazioni di Digital Analytics Program. E si tratta, a ben vedere, di una contrazione che continua a stupire.

Non solo infatti Edge è il browser web ufficiale di Windows 10, ma è anche stato promosso in maniera molto massiccia da Microsoft e con mezzi non sempre “simpatici”, visto che facendo l’upgrade da Windows 7 o Windows 8.1 al nuovo sistema operativo Edge diventa automaticamente il browser di default, almeno che l’utente non decida diversamente.

Una ragione per questo continuo calo di Edge potrebbe essere duplice. Da un lato chi finora ha utilizzato Chrome o Firefox difficilmente li abbandona per passare a un browser nuovo e questa scelta si lega alla seconda ragione del continuo declino di Edge. Il browser Microsoft non ha infatti alcun supporto per le estensioni e, sebbene Redmond avesse promesso le prime estensioni entro la fine del 2015, è ormai chiaro che questo supporto sarà introdotto solo il prossimo anno… e non si sa ancora esattamente quando.