Uno sguardo a Google Analytics 360 Suite

Con Google Analytics 360 Suite la grande G punta ad aiutare i marketer a raggiungere i potenziali acquirenti con il giusto messaggio e nel momento più opportuno.

Era già abbastanza difficile per gli addetti marketing capire le esigenze e i gusti degli acquirenti nella cosiddetta “era desktop”, ma lo è diventato ancora di più oggi con un mercato che si affida a dispositivi multipli e diversi. Per questo Google ha lanciato nei giorni scorsi una nuova suite di strumenti sviluppata per rendere questo processo il più semplice possibile.

La Google Analytics 360 Suite è un set di strumenti di analisi marketing che ha come obiettivo quello di aiutare chi si occupa di marketing a raggiungere i potenziali acquirenti con il giusto messaggio e nel momento più opportuno. La suite è composta da sei strumenti, quattro dei quali del tutto nuovi. Google Audience Center 360 per esempio è una piattaforma di gestione dati mirata a rendere più semplice per i marketer capire i clienti e scoprire di più su di essi tramite canali, dispositivi e campagne. Offre un’integrazione nativa con Google e DoubleClick ed è aperta anche a fornitori di dati third party.

larger-16-Google-Analytics-360-Suite-1

Google Optimize 360 è invece un tool per la personalizzazione e il test di siti web sviluppato per aiutare gli addetti marketing a fornire esperienze web migliori, più curate e più ottimizzate. Google Data Studio 360, che sfrutta la tecnologia di Google Docs per la collaborazione e la condivisione in tempo reale, si concentra sull’analisi e la visualizzazione dei dati, trasformando le informazioni raccolte in report e dashboard interattivi.

C’è poi Google Tag Manager 360, che promette una modalità semplificata per gestire il ciclo di vita delle tag e-marketing utilizzate per integrare software di terze parti nelle offerte digitali. Infine gli ulltimi due strumenti della suite sono versioni rinnovate di tool già esistenti. Google Analytics 360 ad esempio era prima conosciuto come Google Analytics Premium ed è incentrato sulla misurazione e l’analisi dei dati dei clienti. Google Attribution 360, prima conosciuto con il nome di Adometry, è invece uno strumento per aiutare i marketer a valutare gli investimenti e a gestire il budget.

La suite, come già visto, offre l’integrazione con diversi fornitori third-party di dati e piattaforme e i quattro nuovi strumenti sopra descritti sono al momento disponibili solo in versione beta. Secondo Greg Sterling di Local Search Association la nuova suite di Google pare fatta apposta per la realtà attuale di un mercato molto frammentato, mentre per Denis Pombriant di Beagle Research Group l’interfaccia user friendly è uno degli aspetti più riusciti della proposta di Google.