Crowdfunding: come fare una campagna di successo

Piccoli imprenditori e professionisti di raccolta fondi online condividono le loro strategie per proporre un progetto vincente su Kickstarter o Indiegogo

crowdfunding
money in the straw hat

I siti di crowdfunding come Kickstarter e Indiegogo possono essere una carta vincente per startup e aziende che cercano di raccogliere fondi, e interessi, per i loro nuovi prodotti. Solo su Kickstarter sono stati raccolti oltre 2,5 miliardi di dollari per più di 110.000 progetti da oltre 11,3 milioni di sostenitori, che il sito chiama “backer”, e le somme raccolte su Indiegogo non sono molto distanti. Per ogni campagna di successo, tuttavia, ce ne sono molte altre che hanno mancato il bersaglio. Cosa fare, quindi, per conquistare il successo con un progetto Kickstarter o Indiegogo, anche dopo la conclusione della campagna di raccolta fondi? Ecco dieci suggerimenti da chi è riuscito nell’impresa.

1. Identificare il proprio target di riferimento

Prima di lanciare la pagina [del progetto], fare qualche ricerca per identificare quale pubblico sara più ricettivo nella vostra categoria”, dice David M. Burrows, co-fondatore di Martin+Michael Agency. “Si tratta di gamer? Sviluppatori? Appassionati di modellismo? Mamme? Scoprite quali saranno gli utenti più sensibili al vostro progetto e contattateli in anticipo attraverso blogger, social media e mezzi di informazione”.

2. Creare un video interessante

Fate un video davvero fantastico su Kickstarter (o Indiegogo) che trasmette il vostro messaggio centrale – perché il pubblico dovrebbe dovrebbe essere interessato al vostro progetto su Kickstarter?”, dice Lindsey Handley, COO di ThoughtSTEM, la cui più recente campagna su Kickstarter, finalizzata al videogioco educativo CodeSpells, ha raccolto 164.000 dollari.

Alle persone piace investire in storie”, sottolinea Heather McCarthy di Someone Special Uniquely Personalized Books, che ha condotto una campagna Kickstarter con l’obiettivo di raccogliere 15.000 dollari e ne ha ricevuti 18.785. Quindi non fate un video noioso, ma raccontate una storia. Il fondatore o creatore del progetto deve apparire nel video, per dare un tocco più personale e autentico. Inoltre, “mantenete i video brevi e focalizzati sul messaggio. Video che sono troppo lunghi dovrebbero essere suddivisi in più parti”.

Abbiamo speso molto tempo per realizzare il nostro video, pensando alla storia, lavorando con un regista e facendo riprese per un giorno intero con cameramen e attrezzature professionali”, dice Garrett Gustafson, fondatore di edlee, che realizza occhiali di legno e bambù. “Ne è valsa la pena”, sottolineaGustafson: il progetto ha raccolto 50.000 dollari in sole cinque settimane.

3. Assicurarsi che la pagina del profilo contenga le informazioni per i backer

Le campagne di maggior successo hanno una cosa in comune: una pagina di presentazione professionale e ben curata, in cui chi lancia il progetto spiega esattamente ciò che sta cercando di realizzare, perché ha bisogno di aiuto e perché la sua idea sarà un successo”, dice Burrows. “Gli elementi chiave comprendono un video breve e convincente e immagini e/o disegni del progetto che si chiede di finanziare”.

4. Ricordare che una foto vale 1000 parole – e migliaia di euro

Le persone sono diffidenti nel pagare in anticipo per un prodotto che non è ancora in produzione”, afferma Avi Goldstein, CEO di StatGear, che vende dispositivi di soccorso e sopravvivenza. “Fornire il maggior numero di immagini relative al prodotto, o disegni che contengono specifiche e dettagli, in modo che le persone capiscano davvero il progetto”.

5. Definire obiettivi realistici
Se pensate che ci vorranno quattro mesi per realizzare e spedire il prodotto ai vostri backer, considerate possibili imprevisti e annunciate la disponibilità del prodotto a cinque mesi dalla fine della campagna”, dice Goldstein. “A nessuno piace ricevere un prodotto in ritardo rispetto al previsto, mentre un anticipo sarà una gradita sorpresa”.

6. Pianificare attentamente i processi di produzione e spedizione

Tanti progetti che hanno ricevuto i fondi necessari per partire vanno in crisi di fronte a problemi di produzione o di trasporto che ritardano il processo”, dice David Kiriakidis, responsabile del marketing digitale di Fleximize, che fornisce prestiti flessibili. Se pianificate con precisione il processo di realizzazione prima del lancio del prodotto, “sarete ricompensati con una base di clienti più coinvolta e, meglio ancora, clienti felici che parleranno benne di voi”.

7. Promuovere il progetto prima, durante e dopo il lancio

La promozione di un progetto in crowdfunding è il catalizzatore che può fare la differenza tra successo e fallimento”, dice Howard Sherman di CrowdFundBuzz. “Anche se il progetto è fantastico – il prodotto perfetto al prezzo perfetto, presentato con un video degno di Hollywood – tutto questo è irrilevante se nessuno sa che esiste la campagna”.

E’ indispensabile una strategia per attivare il maggior numero di reti possibili prima del lancio della campagna”, dice Neil D’Souza, CEO di Mass Fidelity, che ha raccolto più di 1,5 milioni di dollari durante la campagna di crowdfunding per il suo speaker wireless, The Core. “Chiedete ad amici e la familiari di impegnarsi per acquistare il prodotto il giorno 1; presentate il prodotto ai media sotto embargo, così che i loro articoli indirizzino il traffico verso la campagna nella prima settimana; e promuovete il lancio sui vostri social network”.

Il successo del crowdfunding il giorno 1 dipende in gran parte da una solida mailing list”, dice Gabe Grifoni, co-fondatore e CEO di Rufus Labs, il cui dispositivo indossabile Rufus Cuff ha raccolto quasi mezzo milione di dollari attraverso Indiegogo. “Guidate il vostro target di consumatori verso una semplice pagina di destinazione sul prodotto attraverso Facebook, Instagram e Google Ads. Le liste di posta elettronica hanno statisticamente i tassi di conversione più elevati, dal 3 al 5 per cento: più grande è la lista, più grande sarà il suo contributo il giorno del lancio”.

8. Lavorare alla propria campagna regolarmente, anche dopo che è conclusa

Dal rispondere a domande e commenti al pubblicare aggiornamenti, i crowdfunder di successo coltivano la loro campagna di crowdfunding ogni giorno, nello stesso modo e per lo stesso motivo per cui un contadino lavora la sua terra ogni giorno”, dice Sherman.

Dal momento che, negli ultimi anni, molti progetti di di dispositivi hardware si sono trasformati in ‘vaporware’, perdendo i loro sostenitori, abbiamo voluto essere molto trasparente sui rischi e i progressi del nostro progetto. I backer apprezzano la trasparenza”, dice Anthony Pu, socio fondatore e CRO di Mighty, un dispositivo di musica in streaming. “Siamo stati anche estremamente sensibili a commenti e messaggi dei sostenitori. Abbiamo dato risposte professionali e positive anche ai commenti maleducati e negativi. Dopo la conclusione della campagna abbiamo continuato ad aggiornare i nostri sostenitori almeno una volta al mese per tenerli informati sui nostri progressi”.

9. Creare “stretch goal”, ma assicurarsi che siano realizzabili

Poiché i progetti Kickstarter non si fermano quando hanno raggiunto il loro obiettivo, è fondamentale prepararsi per i propri ‘stretch goal’, ovvero i passi successivi”, dice Kiriakidis. “Creare in anticipo, o almeno pensare, i propri stretch goal permette di mantenere interessati i sostenitori esistenti (e quelli potenziali) una volta raggiunto l’obiettivo di raccolta fondi”.

Un grosso errore che abbiamo visto in passato sono progetti che raggiungono gli obiettivi e propongono stretch goal irraggiungibili”, afferma Pu. “Noi avevamo in mente cose davvero interessanti, quindi siamo stati realistici e abbiamo annunciato stretch goal che fossero realizzabili ed economicamente sostenibili. Invece di aggiungere funzionalità assurde, abbiamo aggiunto una seconda scelta di colore, che gli utenti ci avevano chiesto e non ha rappresentato un costo enorme per noi”.

Siamo stati in grado di realizzare il nostro stretch goal”, aggiunge Pu, “e i nostri sostenitori sono stati soddisfatti”.

10. Estendere la campagna tramite Indiegogo InDemand

Abbiamo deciso di estendere la nostra campagna via Indiegogo InDemand per saziare l’appetito dei primi utenti che hanno amato il nostro prodotto, ma non hanno potuto sostenere Bagel Labs durante la nostra iniziativa Kickstarter”, spiega Soohong Park, CEO di Bagel Labs. “Prima di lanciarci su Indiegogo InDemand, abbiamo ricevuto diversi messaggi da parte di persone che chiedevano dove poter acquistare un Bagel [annunciato come ‘metro più intelligente del mondo’], in quanto avevano perso la possibilità di donare su Kickstarter. Abbiamo puntato sulla comunità di Indiegogo per soddisfare le esigenze del maggior numero possibile di consumatori in un breve periodo di tempo”.