Gli italiani sempre più innamorati dello shopping online

In Italia si acquista sempre di più online e quest’anno sarà lo smartphone lo strumento preferito dagli shopaholic italiani.

Sono più di 13 milioni gli Italiani (il 22% della popolazione totale) che nel 2015 hanno effettuato acquisti online generando un volume di vendite pari a 7 miliardi e mezzo di euro. Queste le cifre emerse da uno studio internazionale condotto dal Centre for Retail Research per RetailMeNot, il marketplace di offerte digitali più grande al mondo presente anche in Italia dallo scorso mese.

Lo studio, che include anche molti altri dati significativi sul comportamento degli Italiani nei confronti del mercato retail online e che ha coinvolto otto mercati europei oltre USA e Canada tra cui Francia, Germania e Italia, afferma che nel 2016 chi acquisterà online spenderà una media di 600 euro all’anno, effettuando circa 11 transazioni del valore di 53 euro ciascuna.

Nonostante a livello mondiale il paese che spenderà di più sul web sarà il Regno Unito con una spesa media pari a €1.551, seguito da Stati Uniti (€1.398), Germania (€1.352) e Francia (€1.085), l’Italia si afferma essere uno dei paesi più promettenti nei prossimi anni.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Già nel 2015, infatti, il nostro Paese è stato insieme a Polonia e Germania, quello con il più alto tasso di crescita dell’e-commerce, registrando un +19% rispetto al 2014. E il trend non accenna ad arrestarsi. Secondo lo studio, entro il 2017, gli shopaholic italiani spenderanno online il doppio rispetto al 2013 con un aumento del 93%, vale a dire da 5,30 a 10,25 miliardi di euro.

Nel corso di quest’anno gli acquisti online tramite dispositivi mobili cresceranno dell’80

%

Anche se nel 2016 il PC rimarrà lo strumento più utilizzato per gli acquisti online (più dell’84%), dalle previsioni di RetailMeNot emerge la grande passione degli Italiani per lo smartphone e, in misura minore, per il tablet. Quest’anno, infatti, rispetto al 2015, gli acquisti online tramite dispositivi mobili cresceranno dell’80% (contro una media europea del 45%), mentre quelli effettuati da PC aumenteranno solo del 10% (la media europea invece si attesta al 8%).

In particolare, lo smartphone registrerà un’impennata nel mondo dello shopping online: il suo utilizzo quasi raddoppierà e le vendite cresceranno del 97,4%. Lo studio rivela poi che la spesa media annuale dei consumatori che effettueranno acquisti tramite dispositivi mobile ammonterà a 352€, ben 100 euro in più dell’anno scorso, con più di 9 acquisti a testa.

“Gli Italiani amano sempre di più fare acquisti online con i loro dispositivi mobile, soprattutto tramite smartphone. La velocità di diffusione dello shopping online tra i consumatori italiani è impressionante, e sottolinea come i retailer debbano essere pronti a reagire…e non solo sul web! È essenziale offrire una shopper experience, il più semplice e affidabile possibile dando priorità a un’esperienza omnicanale, capace di dare al consumatore la stessa offerta sia online che in negozio” ha dichiarato Giulio Montemagno, Senior Vice President International di RetailMeNot.

AUTOREFrancesco Destri
Francesco Destri
Collaboratore Francesco segue il mondo della tecnologia dal 1999, scrivendo per numerose testate online e cartacee. È specializzato soprattutto in tecnologia B2B, hardware e nuovi media.