Nel primo trimestre del 2021, in Italia l’e-commerce ha registrato un incremento del 78%, conquistando così il quarto posto nella classifica mondiale dei paesi con il maggior aumento percentuale di shopping online, preceduta solo da Canada, Olanda e Regno Unito. Numeri in forte aumento che si traducono anche a livello mondiale, con una crescita totale dell’e-commerce del 58% che dà l’ennesima conferma del potente impatto che la pandemia ha avuto sulla moltiplicazione globale dei negozi virtuali.

Quello che è accaduto in Italia può essere interpretato come un vero e proprio boom dell’e-commerce e della migrazione delle dinamiche commerciali verso canali digitali. Secondo lo Shopping Index, report trimestrale stilato da Salesforce, nei primi tre mesi del 2021 l’economia digitale italiana ha superato i livelli di crescita media globale. L’aumento del trend italiano si è posizionato addirittura al di sopra dei numeri del primo trimestre 2020, quando il tasso di crescita si attestava al 26%.

Aumenta il traffico da mobile mentre diminuisce quello da pc

Nell’analisi condotta attraverso i dati dei consumatori di tutto il mondo, lo Shopping Index ha fotografato una crescita degli acquisti effettuati da cellulare. L’utilizzo di dispositivi mobili è passato dal 21% del trimestre precedente al 24% nel primo trimestre del 2021. Dimezzato, invece, il traffico generato da pc che nei primi tre mesi dell’anno corrente si attestava attorno al 12% rispetto al 20% del 2020. Si conferma dunque un trend in netto aumento che vede il mobile shopping come un’abitudine che va solidificandosi sempre di più.

Abitudini di spesa destinate a intensificarsi

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Se nell’era pre-Covid la tendenza positiva degli e-commerce risultava una delle più promettenti, con la pandemia la scelta di canali digitali da parte dei consumatori ha trovato una spinta decisiva. Lo spostamento online di rivenditori e acquirenti ha portato gli imprenditori alla consapevolezza che non si può più prescindere dall’investire nel digitale. Infatti, le attuali abitudini di spesa dei consumatori digitali disegnano un futuro in cui l’esperienza d’acquisto negli store online sarà sempre più centrale.

E-commerce con Magento

Garantire un’adeguata user experience è il fattore cruciale per ogni e-commerce. L’organizzazione della struttura e della fluidità dello spazio digitale influisce sul comportamento degli utenti, determinandone permanenza ed eventuali conversioni. Per gli imprenditori digitali, affidarsi a Content Management System (CMS) in grado di permettere una impeccabile gestione del sito diventa un imperativo cui non ci si può opporre. Tra i CSM leader sul mercato spicca Magento, piattaforma che offre una vasta gamma di servizi volti alla creazione di e-commerce user friendly. Intuitività, semplicità e completezza rappresentano le caratteristiche fondamentali che uno store online deve possedere per far parte di un trend globale che vede crescere l’economia digitale sempre di più.

E-commerce Magento: come scegliere il giusto cloud

Ad oggi Magento è una delle piattaforme maggiormente scelte dagli e-commerce manager e agenzie web italiani: si stima che il 26% dei siti di e-commerce siano basati su Magento.

La varietà dei numerosi plug-in offerti e le possibilità di personalizzazione del negozio online lo rendono capace di assicurare una ricchezza di funzionalità considerevole. Ma come fare per permettere a un e-commerce di raggiungere un grado di efficienza ottimale? Molto importante è, qui, l’infrastruttura IT di base.

Quella studiata da Seeweb per gli e-commerce Magento è una soluzione basata su Cloud Server e che prevede un setup ad hoc, mirato a mitigare l’impegno in termini di risorse rappresentato da Magento. Un setup fatto dal team del cloud provider dopo la fase di progettazione dell’architettura per ottenere le massime prestazioni, ottimizzare i costi e gestire i picchi di traffico grazie anche a sistemi di cache potentissimi.

Un passo essenziale per un e-commerce di successo con infrastruttura italiana sarà quindi quello di affidarsi a un fornitore cloud che, prima ancora del deploy, effettui una accurata analisi delle esigenze del cliente, passi quindi a una fase di configurazione e si riveli poi in grado di seguirlo nei momenti che lo vedono impegnato nelle campagne marketing più importanti.

Non solo cloud quindi, ma anche supporto umano concreto e stabile, a portata di telefono grazie al call center e ai piani di assistenza globale e proattiva previsti da Seeweb. Altre informazioni su Cloud Server, opzioni di configurazione e tariffe sono disponibili qui.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!